Chiesa, 45′ di qualità e intensità. Pioli gli ritaglia un ruolo ‘alla Bernardeschi’

0



Si è messo in luce Federico Chiesa alla prima apparizione in amichevole della nuova stagione. Il giocatore più atteso, più rappresentativo della nuova Fiorentina targata Pioli. Contro il Bari almeno due conclusioni a rete, una di sinistro che ha sfiorato il gol ma che ha trovato il portiere Micai a dire di no. Belle e interessanti anche le due percussioni in area. Quarantacinque minuti intensi per Federico Chiesa, che non si è risparmiato, ha cercato di essere utile alla squadra e di trovare soluzioni personali. Per lui anche una novità tattica rispetto a Sousa, che lo faceva giocare a tutta fascia fino ad essere quasi terzino. Pioli invece lo fa partire più avanti, consentendogli di accentrarsi molto e giocare tra le linee, come faceva Bernardeschi. Così riporta La Nazione.