Chiesa (ancora) trascinatore: errori, classe e tanto cuore

3



Federico dà battaglia in ogni zona del campo, ci mette tutto per spronare i suoi… che non sempre stanno al suo passo.

Giovane e acerba, capace di sbagliare come a volte sbaglia Simeone, che comunque poi si batte e recupera il pallone che diventerà il rigore di Veretout. Ma anche capace di ringhiare coraggio, di lottare sempre e ovunque, come fa il “piccolo principe” viola, Federico Chiesa. Nessun dubbio, è lui l’immagine più appropriata per raccontare il meglio della Fiorentina di Stefano Pioli, scrive Il Corriere dello Sport – Stadio.

CUORE E QUALITA’. Il ragazzo che corre dove lo porta il cuore. Che costringe la squadra a seguirlo, sempre e comunque. Lui che non molla mai, che getta sul campo ogni energia. Disposto a tutto, pure a qualche brutta figura, anche qualche dribbling di troppo, qualche corsa inutile oltre…la prateria. Ma è proprio il suo mai essere arreso che diventa il modello che tutta la squadra dovrebbe seguire. Se la Fiorentina sapesse spendersi come sa spendersi Federico tutto sarebbe più semplice. Oggi per lui c’è solo la Fiorentina. Lui butta sempre il cuore oltre l’ostacolo. Talvolta non basta, la Fiorentina prova a seguirlo ma non ci riesce. Ma a lui non importa, continua sempre a lottare, testa bassa e scatta. Oltre pure i propri limiti. E’ così che la squadra più giovane del nostro campionato e pure d’Europa può davvero sperare di riuscire ad agguantare un posto nelle Coppe. Occorre che davvero tutta la Fiorentina si sforzi di diventare capace di eguagliare il suo piccolo David.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Gaetano
Member
Gaetano

Addirittura qualcuno ha detto e scritto che Chiesa ha sbagliato a non tirare e dare la palla a Simeone. Ho rivisto l’azione e fermato l’immagine finale: c’era il portiere a braccia e gambe aperte davanti, Chiesa è stato sin troppo bravo a passarla a Simeone. Giacchè mi trovo, Simeone ha fatto una partita appena sufficiente, se avesse segnato con il passaggio di Chiesa staremmo qui ad elogiarlo, il rigore se l’è procurato lui intuendo il passaggio all’indietro e carpendo il pallone.

andre
Ospite
andre

quando a fine anno venderemo chiesa per la gioia di tutta la dirigenza, è li che dovrà finalmente partire una contestazione decisa per convincere della valle a trovare nuovi acquirenti e vendere.. basta loro non hanno voglia, sono anni che siamo mediocri e gli obiettivi non sono altro che fare plusvalenze per poi buttare soldi in mezzi giocatori in prestito onerosi.. basta, noi abbiamo la stessa storia del napoli e della lazio.. il napoli oggi è una realtà fortissima.. ma è impensabile che la lazio abbia immobile milinkovic savic, giocatori di altissimo livello, per 3-4-5 anni e noi invece non… Leggi altro »

Lore
Ospite
Lore

Ieri sera dopo l’aziiOne capolavoro dove Simeone è rimasto a guardare che la palla scorresse Federico si è guardato intorno e si è detto………..ma che ci faccio qui ? Fatico nel deserto F

Articolo precedenteFiorentina Primavera, l’11 anti-Empoli: c’è Montiel, Longo in attacco
Articolo successivoPjaca, fuori dai titolari per un ‘contrattempo’. Ma resta un corpo estraneo
CONDIVIDI