Chiesa e non solo: ma cosa serve costruirsi i giocatori se poi vengono ceduti?

226



Il messaggio fatto arrivare nei giorni scorsi sul futuro di Federico Chiesa, ma non solo, è di quelli che fanno preoccupare i tifosi viola e non poco. Ancora una volta è stato proiettato un film già visto: se il giocatore vuol restare deve dirlo altrimenti andrà sul mercato come tutti. Alla fine di tutto questo viene fuori una considerazione: è mai possibile che alla fine sono sempre i giocatori a lasciare la Fiorentina e mai ceduti dalla società viola?

Basta andare in giro per la città, parlare con i tifosi, seguire cosa dicono gli stessi tifosi sui siti internet, sui social, per capire che per molti il vento è cambiato. E non vorrebbero più vedere lo stesso film ma uno più bello, divertente, da protagonisti e costruttivo per il futuro.

Non per settimane, nemmeno per mesi ma per anni dai Della Valle a Cognigni, fino a Corvino ma senza dimenticare i tanti dirigenti passati in viola, è stato detto che la Fiorentina doveva costruirsi i giocatori in casa per avere un futuro certo, importante, costruttivo e vincente.

Un modo di fare calcio che può piacere o meno ma sicuramente applicabile e realizzabile se fatto nella giusta maniera. Può dare frutti e risultati ma guardando solo agli ultimi anni, prima con per esempio Bernardeschi e oggi (forse e speriamo di no) con Federico Chiesa, non sembra esserci l’intenzione di costruire i giocatori in casa per far diventare forte la Fiorentina ma invece per fare cassa.

Una volta costruiti i giocatori questi diventano protagonisti con la prima squadra e poi sempre col il giochino ‘rinnovo oppure no’ del contratto iniziano a emergere frizioni, incomprensioni, problemi, fino alla cessione. Se una società è brava a costruirsi i giocatori il passo successivo non è venderli per fare cassa, e una parte del ricavato usarlo per fare mercato, ma costruirgli attorno una squadra che anno dopo anno deve essere rafforzata con nuovi innesti e obiettivi di mercato mirati.

In questa maniera è possibile costruire una squadra competitiva e sfidare club più blasonati e con budget e fatturati molto superiori ai quelli dei viola. Certo è che nel mondo calcio se uno vuol aumentare il proprio fatturato, e quindi la propria ‘potenza’ sul mercato e non solo, deve ottenere risultati sportivi. Non solo piazzamenti ma anche vittorie. In questa maniera s’innesca un meccanismo di crescita per marketing e merchandising per il club. Se invece i risultati sportivi non saranno ottenuti è evidente che non ci sarà la crescita della società e della squadra.

Un progetto di sviluppo costante, anno dopo anno, la costruzione di una squadra competitiva attorno ai giocatori migliori è anche il sistema per tenersi in casa i propri giocatori. Invece, si pensa alle cessioni perché servono i soldi per fare mercato, per la gestione generale della società.

Vedremo quello che accadrà nelle prossime settimane. La speranza è che Chiesa rimanga alla Fiorentina e non per una stagione ma per tanti anni. Che intorno a lui sia costruita la squadra del futuro e che questa, oltre a essere competitiva, diventi vincente. In caso contrario assisteremo all’ennesima cessione di un giocatore importanti per fare cassa. Un film già visto che Firenze non vuole più vedere, né quest’anno e nemmeno nei prossimi.

226
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
cippolippo
Ospite
cippolippo

Serve a far guadagnare soldi e ancora visibilità ai fratellini Paperon de’ paperoni, non c’è nessun altro scopo!!!!!! oltre a prendere atto che la nostra pena e il nostro incubo proseguono peggio di prima e che siamo prigionieri in questo tunnel del quale non si vede la fine……….non se ne andranno mai.

testolin paola
Ospite
testolin paola

a far soldi

giovanni di Firenze
Ospite
giovanni di Firenze

Non ci sono alibi finanziari. La Fiorentina è sesta per ricavi e quindi deve lottare come minimo per il sesto posto a salire. Se arriva dopo la linea di piazzamento del budget vuol dire che la dirigenza non ottimizza le risorse disponibili e che la proprietà non è contestualmente focalizzata sugli obbiettivi economici e sportivi, ma si accontenta solo di non dover conferire risorse proprie (autofinanziamento). Appena sento le radio se dicenti viola le spengo perchè si crogiolano solo nel quantificare i proventi dalla vendita di Chiesa: modesti si nasce e modesti si rimane. La grandezza nel pensare, nell’osare e… Leggi altro »

Lelebucchio
Tifoso
Lele Bucchìo

Medaglina e via: da Montolivo fino ad arrivare a Badelj.
Tanti gonzi la pensano così…mentre la Fiorentina diventa, anno dopo anno, più mediocre.

La proprietà è solo interessata alla costruzione dello Stadio, con acquisizione dei terreni a costo zero.
Tutto il resto sono discorsi da bar…che purtroppo non contano nulla in questo domino economico tra i DV, il comune e tutto l’indotto dietro il progetto.

La Fiorentina è solo una bella favola per noi tifosi, ma io mi sono arreso/stufato di sentirla raccontare.

www.bermudaviola.com
Ospite
www.bermudaviola.com

Ma è mai possibile che non ci diano mai i rigori.
AA Compro vecchi pantaloncini viola e calzettoni usati. Contattatemi [email protected]

camparino
Ospite
camparino

TIFOSI,

ogni volta che questa presidenza riscote la vendita di un giocatore, scrivete LORO

e non NOI

con bernadeschi HANNO preso 40 milioni, con Kalinic ne HANNO presi 25.

hanno preso il NOSTRO giocattolino a ZERO e per toglierseli dalle scale, qualcuno devi dargli 250 milioni.

nienete male come cifra. peccato che in cambio hai una citta’ che ti insulta e ti disprezzera’ per generazioni

Flat tax club Capalbio
Ospite
Flat tax club Capalbio

Sacrileghi !

lorenzo
Ospite
lorenzo

Tanto ci s’ha i Babbo ricco……

Sempreviola93
Tifoso
Sempreviola93

Non si tratta soltanto di fare cassa, Il problema è che, GIUSTAMENTE, sono i giocatori stessi, che una volta diventati bravi, ambiscono a palcoscenici più importanti e a guadagni maggiori. Questa è la nostra dimensione, bisogna farsene una ragione…. per quelli bravi o presunti tali Firenze sarà sempre una metà di passaggio, un trampolino di lancio, bisogna farsene una ragione. Per quanto mi riguarda il problema non è vendere, ma reinvestire il ricavato in calciatori funzionali, puntare sui giovani del vivaio ed alzare il monte ingaggi che attualmente è su livelli ridicoli, inferiore a quello di Torino e Sampdoria il… Leggi altro »

www.casaccaviola.com
Ospite
www.casaccaviola.com

IO sono sicuro che quest anno Chiesa non lo venderemo ., è normale che visti gli ultimi 3 mercati è lecito essere molto sfiduciati ma è altrettanto vero che ad inizio giugno prima dei mondiali è normale che non sia stato fatto quasi niente … speriamo tanto che smentiscano il nostro pessismismo … AAcompro vecchie maglie Fiorentina e non , contattatemi ad [email protected]

Articolo precedenteIl blog di Ludwigzaller: Giovani
Articolo successivoGil Dias e Thereau, mancano i gol. La Fiorentina difficilmente ripartirà da loro
CONDIVIDI