Chiesa-Immobile, assist e gol: sfida all’Olimpico, sono il futuro azzurro

dal Corriere Fiorentino

0



Federico Chiesa e Ciro Immobile, uno di fronte all’altro nel match di domenica all’Olimpico, saranno certamente due dei protagonisti della Nazionale che nascerà dopo la clamorosa eliminazione dai mondiali. E proprio a Coverciano a metà marzo condivideranno ritiro e allenamenti. Nemici all’Olimpico tra pochi giorni e amici in azzurro. Due punti fermi del calcio italiano alle prese con la rivoluzione e già oggi simboli della propria squadra di club, nonostante i sette anni di differenza tra i due. Cross di Chiesa e gol di Immobile. Semplice a dirsi, non tanto a farsi, viste le difficoltà che la Nazionale dovrà comunque affrontare nei prossimi mesi. I due, però, ci saranno.

Ruolo diverso ma stessa caratteristica che rende i due calciatori indispensabili per le proprie squadre. E cioè quell’essere sempre decisivi nel risultato finale. Per provare basterebbe levare Chiesa e Immobile a Fiorentina e Lazio e vedere il tabellino finale. La Lazio avrebbe ben 15 gol in meno e sei assist, questo il contributo ad oggi dell’attaccante campano. Segna quasi sempre e fa segnare, più ovviamente quella dose di leadership in campo che lo rende un vero esempio per i compagni. Già, perchè Inzaghi è anche questo che chiede al suo numero nove. Trascinare gli altri.

Compito che, gioco forza, è costretto a svolgere anche Federico Chiesa (3 gol e 3 assist) in maglia viola. Ruolo che in teoria, carta d’identità alla mano, dovrebbe toccare a qualcun altro in rosa ma che il 25 viola ha fatto suo. Entrambi guidano da poco la classifica degli ingaggi più alti nei rispettivi club. Immobile (classe 1990) ha prolungato fino al 2023 legandosi praticamente a vita con i biancocelesti e firmando un contratto da 2,5 milioni di euro più bonus, mentre il futuro di Chiesa (scadenza nel 2022, con 2 milioni circa bonus compresi) rimane comunque molto più incerto vista la giovane età e i tanti estimatori anche tra le big europee.

Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Articolo precedenteMassa, l’arbitro benevolo con i viola. Otto vittorie su 14 precedenti. Ma nel 2015…
Articolo successivoSerie A, ecco tutte le designazioni arbitrali della 14ª giornata
CONDIVIDI