Cholito-Napoli: dal tris a Sarri al ruolo di terza scelta in 16 mesi, e in odore di addio

28



Dalla tripletta contro il Napoli sono passati solo 16 mesi. Ma oggi Simeone è la terza scelta. E quella col Napoli potrebbe essere l’ultima con la Fiorentina

Neanche sedici mesi sono passati da quando Giovanni Simeone stendeva con una tripletta il Napoli e toglieva alla squadra di Maurizio Sarri la possibilità di restare in scia della Juventus per vincere lo scudetto. Una giornata a suo modo storica, quella, dalle parti di Firenze. Perché fu una vittoria inaspettata, perché l’Europa non era ancora del tutto sfumata, e per il rumore che quella sconfitta provocò dalle parti di Napoli. Ma anche perché il Cholito stesso si prese tutte le copertine nel picco massimo del suo percorso di crescita da quando era arrivato alla Fiorentina.

Sembravano infatti lontani i tempi dei tanti errori sotto porta che avevano contraddistinto il suo impatto con la piazza gigliata. Tanto che per lui iniziarono anche ad arrivare proposte importanti da diversi club europei, vicine ai 30 milioni di euro. Tutte rigorosamente rispedite al mittente. C’era infatti grande fiducia in Simeone da parte di chi lo aveva portato a Firenze, con l’idea che quel finale di stagione condito da buone prestazioni e gol importanti, con quella tripletta al Napoli come acuto, non potesse essere altro che un punto di partenza.

Sedici mesi dopo quella che resta la miglior prestazione da quando è arrivato a Firenze, alla quale poi hanno fatto seguito solamente 7 gol in A e 2 in Coppa Italia per un totale di 9 gol in quasi 500 giorni, per l’argentino si è ribaltato il mondo. Al contrario però.

Quella che doveva essere la stagione della conferma, la scorsa, si è rivelata invece essere un totale flop, con gol facili falliti e notevoli limiti tecnici più volte evidenziati, che in corso d’opera hanno costretto Montella a cambiare le gerarchie in attacco rendendo il Cholito l’alternativa a Muriel e a volte anche a Mirallas.

Questa stagione per lui è iniziata prima con le parole di Montella a Moena con cui il tecnico viola lo aveva declassato ponendolo al pari di Vlahovic. Poi si è visto costretto a giocare da esterno nelle varie amichevoli tra Usa e Toscana, fino al totale mancato utilizzo nonostante la situazione di svantaggio col Monza. E sedici mesi dopo, Simeone è adesso la terza scelta di Montella, dopo Vlahovic e Boateng.

Verona, Cagliari e Sporting Lisbona fanno la corte all’attaccante argentino, che potrebbe lasciare la Fiorentina proprio dopo la gara contro il Napoli. Quella gara che aprì per lui le luci della ribalta rischia di spegnerle definitivamente. Almeno per quanto riguarda la casacca viola. Corsi, ricorsi e intrecci. Il feeling calcistico con Firenze e Montella  non è mai stato dei migliori. ‘Si impegna, corre molto’ veniva spesso detto quando non la buttava dentro, e a volte neanche aveva occasioni per segnare. Ma in una Fiorentina che prende Ribery e che pensa in grande, un atteggiamento in campo comunque sempre lodevole non può più bastare.

28
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
AntonioViola
Ospite
AntonioViola

Io credo che con Vlahovic e Simeone l’attacco sarebbe sistemato. Simeone lo terrei in rosa.

deno
Ospite
deno

…se e quando Montella dovesse decidere di giocare con il vero nove è giusto che provi Vlahovic ma è anche giusto che alle spalle di quest’ultimo ci sia Simeone che con la voglia che ha di dimostrare che l’anno scorso è stato un anno nefasto e con la garra che gli è propria, è pronto a sfondare le reti….

Modena
Ospite
Modena

Un anno nefasto per tutta la squadra. Chiesa 6 gol.

Gon
Member
Gon

Se Simeone rimane in viola quest’anno il campo lo vede poco, converrebbe anche a lui andare via

Valter
Ospite
Valter

Non riesco a capire e conciliare il desiderio di rivincita e fare bene usando questo giocatore che ha ampiamente dimostrato di non essere all’altezza..
Va bene che è un nostro giocatore ma non è capace..
Vogliamo farci del male?

GINTONIC
Ospite
GINTONIC

Rimpiangere Simeone dovessa andare via. Se Berardi vale 30 Simeone vale 60. Chi lo critica ha litigato con il calcio da piccolo

Filippo68
Ospite
Filippo68

Io scusami lo critico volentieri, non fare solo il conto delle reti segnate (Benassi, dico Benassi, ha segnato più di lui lo scorso campionato…), prova a rivedere in due anni le reti che ha sbagliato. Io cmq non ho litigato col calcio da piccolo, giocavo a calcio, forse tu col le Barby e Big Jim. Meno Gintonic e più latte…..
Mandiamolo a Cagliari in cambio di Pavoletti, sarebbe un affarone…..
Forza Viola, Siempre.

Vladimiro
Ospite
Vladimiro

Secondo me l’opzione migliore resta darlo in prestito con premio valorizzazione per la squadra che lo prende (o riscatto e controriscatto), in modo da vedere se in una piazza con meno pressioni, appunto tipo Cagliari, si rilancia o si conferma flop.

LaFiorentina
Tifoso
LaFiorentina

Ecco. Per me l’unico “neo” di questi mesi è proprio lui.

Parlo da quello che vedo durante le partite quindi da tifoso.

Simeone purtroppo si è bruciato per ora ma penso che verrà fuori perché ha l’X factor
Quest’anno lo avrei mandato in prestito secco a giocare in un’altra squadra. Tanto se lo vendi ora lo puoi solo svendere con la riserva di aver fatto incauta vendita.

SFV

largo winch
Ospite
largo winch

sta di fatto che non segna da molto ne con pioli ne ora le gerarchie si scalano…ma si scendono pure e lui in questo momento le sta scendendo pur rimanendo a parer mio un validissimo centravanti

Valter
Ospite
Valter

La vera telenovela non è quella su Chiesa che è stata montata mediaticamente,
ma quella del Cholo che non se lo fila nessuno e non c’è verso di venderlo anche perchè lui non accetta di andare via.

I' necchi
Ospite
I' necchi

Purtroppo questo è un grosso nostro limite: la memoria. È stato fatto di tutto per cercare di distruggere Simeone nonostante abbia fatto 40 reti in 3 anni: l’ anno scorso hanno fatto schifo tutti (Benassi capocannoniere !!! Chiesa 6 goals !!) ma il capo espiatorio è sempre stato lui. Poi si legge che si preferisce Llorente (non segna mai e non può giocare 90 minuti), Diego Rossi che nessuno conosce e perfino Grifo !!!! Forza Cholito … Io tifo per te fino a che sei viola…(e anche dopo).. perché sono sicuro che non sei quello dell’ultimo campionato !

Grandi Speranze
Ospite
Grandi Speranze

…non è che, anche nel campionato precedente, abbia fatto gridare al fenomeno…su Llorente e Diego Rossi sono d’accordo con te…Pedro invece attizza parecchio..

I' necchi
Ospite
I' necchi

I fenomeni sono altri..Lo so anche io. Ma 14 goals su azione (senza rigori) a 22 anni non mi sembrano assolutamente male !!

Filippo68
Ospite
Filippo68

Ciao Necchi. Io ti rispetto per le tue idee, ma quei 14 goal gli ha segnati in 7/8 partite su 38: 3 su 14 al Napoli.
Scusami ma secondo me è un raccomandato dal Babbo.
Forza Viola, Siempre.

Modena
Ospite
Modena

14 gol in serie A a 22 anni(senza rigori), non si fanno per caso o perchè raccomandati.

Modena
Ospite
Modena

Tu predichi nel deserto. Qui c’è una massa di incompetenti che chiedono un attaccante da 15 gol.

Member
Teo

Che sparisca, non lo voglio più vedere

Modena
Ospite
Modena

Anche tu. Sarebbe un piacere non più leggerti.

Articolo precedenteCathrine, Wahiba, Melissa: il potere delle donne, che sponsor per la Fiorentina
Articolo successivoAccelerata per Raphinha: 18 mln più bonus. Si può chiudere ad inizio prossima settimana
CONDIVIDI