Ciao Mondo, cuore viola pane e salame. La piscina con Diego, e quel pomeriggio di Udine…

3



Quando Gene Gnocchi arrivò al campo di allenamento per incontrare Mondonico nella speranza di potersi allenare con la Fiorentina, l’allenatore scomparì all’improvviso, perché a uno scherzo è sempre bene rispondere con uno scherzo migliore. Lo cercarono un bel po’, finché non lo trovarono nascosto nella enorme lavatrice della lavanderia. Mondo era tanto tosto quanto imprevedibile, un padano lavoratore che guidava le sue squadre senza bisogno di chissà quali invenzioni. Così scrive La Repubblica. Lui riportò la Fiorentina in Serie A al termine della lunga rincorsa e si buttò con Diego in piscina per fare festa. Perché quella era la promozione che una città sognava dal giorno del grande buio, quella era la squadra che allenava, e che amava da sempre.

Da una vita doveva venire a Firenze, lui che se capitava faceva sempre vedere la sua tessera di iscrizione al viola club Settebello. Poi, un giorno, arrivò davvero. E fu tutto molto bello, ma non affatto facile. Mondonico era un uomo senza paura. Il suo era un calcio lontano dall’egopatia invadente. Era stato un giocatore libero di testa e dai piedi eleganti, era diventato un tecnico da battaglia, di quelli che ragionano col cuore. Quando su Fiorentina.it uscì un pezzo che non gli era piaciuto per niente, lui invitò i due giornalisti a mangiare con lui pane e salame, come faceva sempre coi suoi amici, davanti a un bicchiere di rosso. Ma se quel gol di Fantini che decise la promozione fu la sua grande conquista da allenatore della Fiorentina, la faccia tirata con cui uscì dallo spogliatoio di Udine dopo un dignitoso 2-2, raccontò il suo momento più triste. Era in camicia e l’addetta stampa gli disse di mettersi la giacca perché c’era la tv e la proprietà a certe cose ci teneva parecchio. «Non sono più l’allenatore della Fiorentina», soffiò lui incupito. Già. Si era dimesso, dopo un pareggio a Udine, non dopo una sconfitta al Franchi. Mondonico aveva capito che si stava rompendo qualcosa intorno a lui, che con la tessera del viola club in tasca non poteva sopportare quella tensione.

Senso di responsabilità, desiderio di fare un passo indietro per il bene di tutti. Un momento difficile, che lasciò tutti senza parole, e forse qualcuno col senso di colpa addosso. Ma lui era così: vero. Romeo il magazziniere gli faceva compagnia quando apparecchiava alla meno peggio nella lavanderia dello stadio e tirava fuori pane e salame, la sua grande passione, insieme ai Nomadi, la sua band più amata con la quale una volta aveva condiviso il palco per cantare “Io vagabondo”, uno dei suoi pezzi preferiti in assoluto. Insomma, poche settimane dopo la tragedia di Astori, Firenze perde l’uomo che riportò la squadra in Serie A, il tifoso pacato e ironico che sapeva comunicare il suo modo di intendere il calcio. Una persona terribilmente per bene che ha dato tutto quello che aveva alla squadra che amava da sempre. Uno dal cuore semplice e vero che ha combattuto contro il male per sette anni con lo spirito di chi non si arrende mai.

3
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
rob68
Ospite
rob68

il mio omaggio al Mondo https://www.youtube.com/watch?v=8nvy07YfaJE&feature=youtu.be Ho scritto e suonato questo tema e questo è il mio omaggio al Mr. Emiliano Mondonico per tutti “Mondo” un Grande nel calcio uno con delle idee e soprattutto è stato uno Vero Ed Oggi esserlo (in ogni mestiere e in ogni settore della vita) è difficilissimo…. Grazie di tutto Mr. quel pomeriggio di maggio quando con la Florentia Viola ci facesti tornare in A,io e Mari (che normalmente non gliene importa nulla del calcio) eravamo allo stadio,e vederti in quella gioia immensa perchè tornavamo in serie A,vederti scappar via negli spogliatoi,perchè sapevi che… Leggi altro »

@kappeshark
Ospite
@kappeshark

eravamo già Fiorentina.

MrBreaker
Tifoso
Strider

Ciao Mondo, purtroppo oltre che un grande uomo se ne va anche uno degli ultimi addetti al calcio tifoso viola!

Articolo precedenteI convocati del Crotone: out Nalini e Budimir
Articolo successivoMondiali, Rocchi, Di Liberatore e Tonolini nella lista arbitrale per Russia 2018
CONDIVIDI