Cinismo cercasi, Simeone: 30 tiri per 4 gol. Solo 2 meno dell’anno scorso, e quasi stessa media

26



I dati del girone d’andata di Simeone sono molto negativi. Ma non troppo distanti da quelli di un anno fa

Il killer instinct, in fondo, non lo ha mai veramente avuto Giovanni Simeone. Già lo scorso anno, ed ancora prima al Genoa, aveva avuto lunghi periodi di pausa, con tanti alti e bassi. Confermati, purtroppo, anche in questa prima parte di stagione. Bomber di razza, dunque, non lo è mai veramente stato. Basta guardare i suoi numeri.

2018-19, girone d’andata: 4 gol / 2017-18, girone d’andata: 6 gol

Ed a proposito di killer instinct, siamo sulla farsa riga dello scorso anno. Con i suoi 30 tiri totali è riuscito a siglare solamente 4 gol, per una media realizzativa di 1 rete ogni 7,5 tiri. Media, tuttavia, che non è poi così differente da quella dello scorso campionato, quando concluse la stagione 2017-18 con 88 tiri totali per 14 gol, ovvero 1 rete ogni 6,3 tiri.

Dati che non fanno certo sorridere. Anche perché alcuni errori lasciati agli almanacchi in questo girone d’andata sono topiche vere. Medie che devono far riflettere. Anche perché le competitors della Fiorentina hanno centravanti e attaccanti con ben altri dati realizzativi:

dati Lega Serie ASampdoria: Quagliarella, 51 tiri per 12 gol; 1 rete ogni 4,3 tiri

Atalanta: Zapata, 39 tiri per 10 gol; 1 rete ogni 3,9 occasioni

Torino: Belotti, 51 tiri per 7 gol; 1 rete ogni 7 tiri

Giusto per fare degli esempi. Certo è inutile paragonare Simeone a Icardi che segna un gol ogni 4,2 tiri ed è a 9 centri, per non parlare di Mandzukic che ha segnato 8 gol tirando solo 20 volte, con una media di 1 gol ogni 2,5 tiri. Ma aspettarsi da Simeone dati migliori rispetto a quelli di Petagna, che ha segnato 6 reti tirando 40 volte con media realizzativa di 6,6, o di Caputo che ha segnato 9 gol in 37 tiri, uno ogni 4 conclusioni è più che lecito.

In sostanza non è ammissibile che Simeone stia dietro ai vari Santander 5 gol, Caputo 9, Petagna 6, Inglese 5, o che abbia segnato le stesse reti di Ciano o Stepinski, o come di difensori come Mancini. Cinismo cercasi, e salto di qualità che sotto porta Simeone dovrà fare assolutamente nel girone di ritorno. Come avvenne, per altro, l’anno scorso quando mise a segno 8 reti nella seconda parte di campionato.

Quest’anno, per migliorarsi, dovrà farne almeno 11. Utopia?

26
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Star8060
Tifoso
Antonio Tamburini

11 goal? PIppeone? ricordatevi che ne fece 3 al Napoli sul suo gabellino altrimenti la nostra bocca di fuoco da 18 milioni ( gettati dal Mago) sarebbe stato a 11 goal. Che prospetto! Che affarone!

SoloViola
Ospite
SoloViola

Bidone inenarrabile

Re_dei_gonzi
Tifoso
re_dei_gonzi

Non scambiamo il cinismo con i piedi buoni, Simeone è un bravo ragazzo, avrà anche la garra ma quello che gli manca è la cosa principale, il saper giocare a calcio: non stoppa una palla, è sempre in ritardo sul pallone, non sa difender palla per far rifiatare i compagni non fa salire la squadra in pratica un birillo e per di più tutti questi difetti sono maggiormente evidenziati da un allenatore che non riesce a dare un gioco alla squadra. E’ stato comperato lui perchè serviva un giocatore pronto pagandolo un fracco di milioni di euro e invece si… Leggi altro »

fabio
Ospite
fabio

Ha avuto 5-6 palle buone in tutto il girone d’andata. Si dice che Icardi fa un tiro e un gol; è solo un luogo comune, Sbaglia un sacco di gol anche lui, anche se ovviamente è più forte, solo che gli arrivano molte più palle buone

violadasempre
Ospite
violadasempre

O Fabio, vabbè che il calcio è opinabile ma accostare Simeone a Icardi……
Ma di che “palle bone” tu parli, anche ieri dopo 1 minuto gliene è arrivata una che la buttavi dentro anche te!

Fabio
Ospite
Fabio

Grande bomber unico 9..

SoloViola
Ospite
SoloViola

Sei suo cognato, vero?

PolemicoViola
Ospite
PolemicoViola

Ci vuole un bel coraggio a chiamare salto di qualità l’aver fatto 8 reti in 20 partite, ma tant’è. In ogni caso, a parte l’episodio del ditino dopo 3 mesi di digiuno che ha ufficializzato la condizione (anche mentale) da raccomandato scarsone del Cholito, è evidente che il ruolo non è il suo e che solo come seconda punta accanto a un centravanti di sfondamento il numero dei goal aumenterebbe. C’è poi da mettere in conto l’approccio calcistico catenacciaro vecchio stile di Pioli, che, pauroso com’è, pretende che tutti rientrino in difesa non appena l’avversario ha la palla; cosa che… Leggi altro »

Rasputin
Ospite
Rasputin

Simeone mi ricorda il caso bojinov srapagati ma alla resa dei conti deficitari e in tutti e due i casi c’e’ la mano grassa del trippone

si ruzza
Ospite
si ruzza

anno passato ha fatto dei bei gol, quest’anno pensavo esplodesse e andasse per le venti reti. non stiamo parlando di un bomber da CL, ovvio … ma quest’anno è pessimo. c’è il rischio che abbia raggiunto anno scorso il suo massimo.

Guaxxo
Ospite
Guaxxo

C’è poco da fare: e un sa giocare.

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

Io lo dico da oltre 1 anno venendo anche infamato,basta guardarlo giocare,non sa nemmeno stoppare la palla

Articolo precedenteMercato, Milan e Fiorentina su Muriel. I viola provano l’azione di disturbo sui rossoneri
Articolo successivoViola in prestito, doppietta di Castrovilli nel 4-0 della Cremonese
CONDIVIDI