Cobolli Gigli a Fi.it: “Fiorentina atleticamente più preparata, ma la Juve gioca allo Stadium”

0



Giovanni Cobolli Gigli ex presidente della Juventus in carica dal 2006 al 2009 nel periodo appena successivo a Calciopoli, sentito in esclusiva da Fiorentina.it ci racconta cosa si attende dal primo impegno ufficiale in campionato della Juventus contro i gigliati soffermandosi poi sugli obbiettivi stagionali della società bianconera e sui malumori intorno ai Della Valle: “La Fiorentina ha avuto sicuramente una preparazione più tranquilla in vista della prima uscita ufficiale derivante dai pochi giocatori che hanno intrapreso la competizione europea in Francia e quindi non ci sono stati ritorni frammentati nel tempo come è successo alla Juventus. La squadra di Allegri però ha il vantaggio di giocare in casa dove i tifosi allo Stadium rappresentano il dodicesimo uomo in campo. Rimango dell’idea comunque che quindi la Fiorentina sia atleticamente più preparata in questo momento e inoltre ammiro molto la qualità dell’allenatore Paulo Sousa, persona che guarda al gioco e attraverso il gioco cerca di migliorare la squadra e i giocatori. Noi tra l’altro non abbiamo una grossa tradizione favorevole soprattutto nel periodo in cui era allenatore Prandelli. Ritengo l’avversario quindi molto ostico e prevedo una partita che sarà tutto da giocare dal primo all’ultimo minuto.”

Juve rinforzata, obbiettivo Champions, il campionato è già vinto?

“Per quanto riguarda gli obbiettivi stagionali bianconeri ritengo che sia un po’ esagerato parlare di pratica già sbrigata per lo scudetto; penso sicuramente che si sia rinforzata in maniera seria e che sia stata fatta una campagna acquisti che possa renderla competitiva a livello internazionale e che sulla carta possa fare davvero un bel campionato poi le cose vanno già verificate nei fatti da sabato prossimo. Vedo soprattutto nei “rimpiazzi” oltre che nei titolari, giocatori di buonissima qualità superiori a quelli dell’anno passato”.

A Firenze c’è un po’ di malumore intorno ai Della Valle come giudica la situazione?

“Penso che i Della Valle abbiano dimostrato attaccamento alla società facendo anche investimenti importanti; ne volevano e ne vogliono ancora fare per quanto ritengo. Uno importante sarebbe la creazione di una zona sportiva con lo stadio nuovo che è una parte estremamente importante. So che ci sono degli intoppi però ritengo che sia veramente un peccato visto che si dovrebbe aiutare le squadre di calcio a strutturarsi con uno stadio di proprietà e un centro sportivo nuovo. Lo abbiamo visto con la Juventus cosa conta lo stadio con quarantamila persone che sono vicine ai giocatori. I Della Valle sono imprenditori quindi devono lavorare su un progetto per avere dei ritorni sugli investimenti fatti”.

Un pronostico sulla partita di sabato?

“Non so se giocherà Higuain, però devo per forza credere che la Juventus possa vincere…. Potrebbe essere un 2-1!”