Cois: “La Fiorentina non ha ricambi. Dzeko diverso da Batistuta”

4



Getty Images

L’ex centrocampista della Fiorentina, Sandro Cois è intervenuto ai microfoni di VG Radio per parlare della partita di domani contro la Roma: “Se i giallorossi risentiranno della vittoria sul Chelsea? Quando ho giocato e vinto delle partite in Champions League, avevamo il morale a mille e la Roma sicuramente entrerà in campo con la voglia di fare bene e vincere, con l’entusiasmo si rende molto di più. La Fiorentina stava facendo bene ma con il Crotone è stato un brutto stop. Partita sentita a Firenze? Sì, da una vita. Quando arriva la Roma, tutti sentono la partita quasi come quella contro la Juventus. La Roma in Champions ha speso tantissimo e penso possa avere un calo fisico negli ultimi minuti, però Di Francesco ha valide alternative e saprà cosa fare. La Fiorentina di Pioli? È sulla strada giusta, i gigliati hanno cambiato tantissimo anche durante la preparazione estiva e non è facile costruire giocatori e squadra da capo. La Fiorentina non credo che abbia ricambi, la Roma ha una panchina più lunga e la differenza è abissale. Dzeko può fare la differenza come Batistuta? Sono due attaccanti diversi, Batistuta giocava esclusivamente per il gol, tirava da tutte le posizioni, a al bosniaco manca quella cattiveria sotto porta, fa il rifinitore in certe occasioni, poi i numeri sono dalla sua parte”.

4
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Periscopio
Ospite
Periscopio

Pochi ricambi?,Pioli valorizzi i giovani. Solo una valorizzazione dei giovani, potrebbe dare senso ad una stagione, fin qui deludente. Peggio di così non si può.

Rocco54
Ospite
Rocco54

Dzeko sta a Batistuta come un palo della luce a un toro da monta.

Bastiano
Ospite
Bastiano

con te ne servivono parecchi di ricambi, facevi 4 partite a stagione!
comunque i panchina abbiamo sempre 40-50 milioni in giocatori quindi………..

Potini
Tifoso
Potini

Io vorrei sapere chi ha montato per primo questa leggenda completamente sbagliata. Cois era allergico ad alcuni farmaci, quindi aveva tempi di recupero un po’ più lunghi rispetto ai compagni, nonostante tutto giocò circa 200 partite con la maglia Viola in 7 anni (ma vi sembrano poche?), vincendo una Coppa Italia, una Supercoppa italiana ed entrando nel giro della nazionale. E’ stato uno dei giocatori più rappresentativi della Fiorentina di quegli anni. Purtroppo le maldicenze su internet si propagano come una malattia: una volta che uno ne parla, diventano verità indiscusse.

Articolo precedenteDi Francesco: “Recuperato Emerson Palmieri. Domani voglio una Roma determinata”
Articolo successivoAstori convocato da Ventura per lo spareggio con la Svezia (FOTO)
CONDIVIDI