Col Chievo il 14° marcatore stagionale e porta inviolata da 379 minuti…

    0



    RebicAnche Ante Rebic ha festeggiato la sua prima rete in viola, ieri sera, in Coppa Italia contro il Chievo Verona. Una rete che sembrava averlo ‘sciolto’, prima di essere costretto ad abbandonare il campo per infortunio (niente di grave, per fortuna), e che ha fatto tirare un sospiro di sollievo a tutti coloro che intravedevano in lui qualità… senza però crederci davvero. E allora, il ‘giovanissimo gigante croato’ ha voluto battere un colpo, che è stato poi quello della ‘tranquillità’. Un gol, il suo del 2-0 sul Chievo, che ha messo il risultato al sicuro e che registra il marcatore stagionale numero…14.

    Ben 14, si, sono stati gli uomini di Montella ad andare in gol dall’inizio della stagione ad oggi. E tra questi 14, da ieri sera, c’è pure lui, il numero 9 viola che qualcuno ha paragonato ad un giovanissimo (ed ancora acerbo) Christian Vieri. 14 uomini (Rossi 14 gol, Borja Valero 6, Cuadrado 5, Vargas e Joaquin 4, Matos 3, Gomez e Gonzalo Rodriguez 2, Aquilani, Ambrosini, Ilicic, Mati Fernandez, Pizarro, Rebic 1) ai quali, se aggiungiamo Jovetic, Toni, Ljajic, El Hamdaoui, Larrondo, Pasqual, Romulo, Migliaccio, Roncaglia, Savic, Seferovic ed Hegazy, fanno un totale di 26 uomini mandati in gol in un anno e mezzo di Fiorentina targata Montella. Non sono certo pochi…

    Non sono poche, però, neanche le 4 partite consecutive che la Fiorentina riesce a non subire gol. Fiorentina-Bologna, Sassuolo-Fiorentina, Fiorentina-Livorno e Fiorentina-Chievo Verona. 379 minuti di imbattibilità (minuti di recupero compresi) sono un ottimo bottino per la squadra e per il suo portiere, Norberto Neto, che col passare del tempo sta crescendo a vista d’occhio, mettendo in evidenza riflessi invidiabili. Che la Fiorentina e Montella siano destinati a vincere anche questa scommessa, dopo che per tutta l’estate si è parlato di ‘obiettivo portiere’? Che Neto sia in procinto di togliersi la soddisfazione di ricevere qualche scusa da parte degli scettici che non hanno mai creduto in lui? Probabilmente è un po’ presto per dirlo. Per saperlo. Non è presto, però, per ammettere che il giovane brasiliano gigliato, dalla faccia pulita, ha tirato fuori la grinta. Chissà che non lo porti lontano.