Collina sul VAR: “Un mezzo che aiuta l’arbitro a sbagliare meno”

16



Pierluigi Collina

L’ex fischietto in una lunga intervista ha parlato anche della tecnologia che non ha placato le polemiche nel mondo del calcio

Pierluigi Collina a La Nazione ha parlato di vari temi. Tra le tante cose gli è stato chiesto anche un giudizio sul VAR: “Un aiuto tecnologico importante e necessario. Un mezzo che aiuta a sbagliare meno. Sembra esista da sempre, ma abbiamo iniziato a parlarne per la prima volta a fine 2014. Oggi viene utilizzato in tutte le competizioni più importanti, ma può e deve migliorare. Qualche problema resta in altri sport dove la tecnologia è utilizzata da più tempo. Ho visto una partita Nba tra Utah e Portland. Non è stato assegnato un canestro regolare a Portland, che alla fine ha perso. La decisione non è stata cambiata perché il regolamento, in quel frangente, non prevedeva il ricorso all’instant replay“.

16
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Gangia81
Ospite
Gangia81

Peccato collina che nella NBA ci sono 82 partite di regular season e quindi un errore del genere ha un impatto molto inferiore.

Lukus
Tifoso
Lukus

Sì, peccato che per considerarlo tale bisogna avere l’umiltà di accettare l’idea che si può sbagliare, idea che molti degli attuali arbitri non hanno finendo per considerare il VAR, anziché come un aiuto come un pericoloso rivale che gli “sottrae potere” nella valutazione di ciò che accade in campo! E questo volendo essere buono e dando per scontata la buona fede, perché altrimenti, senza mezzi termini, bisognerebbe dire che per certi arbitri il VAR è soltanto un “nemico” che rende loro più complicato influenzare i risultati delle partite! Insomma, scusate, sarò maligno, ma visto come vanno le cose in generale… Leggi altro »

Drummer
Ospite
Drummer

Se usato in maniera imparziale e non discrezionale!

Themaviola
Ospite
Themaviola

“VAR un mezzo che aiuta l’arbitro a sbagliare meno”…. si, certo, se si tratta di favorire le solite (strisciate e romane) il VAR aiuta l’arbitro a diventare infallibile

Marco77
Ospite
Marco77

Un mezzo che AIUTEREBBE semmai
Se si volesse

Tifoso
potini

se vuole

Tifoso
Claudio da Sasso

Il VAR deve essere usato come in Inghilterra, direttamente derivato dal TMO nel rugby. Regia esterna che visiona tutte le situazioni sospette, mentre il gioco continua. Se un fallo e/o un fuorigioco e/o altro, non sono stati visti, la Regia VAR richiama l’arbitro e gli dice ciò che c’è da fare. Stop.

Tifoso
potini

Non solo, nel rugby l’azione allo studio viene vista dal pubblico intero, pure l’arbitro la vede dallo schermo gigante, il VAR invece tutto nascosto e segreto: chissà perché…

Tifoso
Claudio da Sasso

Perché si vuole lasciare una “falsa” autonomia all’arbitro, un “falso” potere discrezionale, un qualcosa che, visti gli interessi che ci sono intorno al calcio, di fatto non esiste più da anni. Hanno voluto le TV, principalmente i soldi delle TV, adesso vogliono fare gestire quei soldi a gente che nemmeno si rende conto. Un arbitro, già in tensione per l’arbitraggio, sotto fatica anche fisica, lo mandi a un monitor a bordo campo, sotto gli occhi di 30-40-50 mila persone, a vedere che? Due o tre persone, in una regia esterna che stanno comodamente in poltrona, fuori dallo stadio, magari in… Leggi altro »

Ciuccialabanana
Tifoso
ciuccialabanana

Forse non hai capito, pelato, non devono sbagliare piùùùùùùù !!! E sempre a favore dei soliti gobbi !!!

Tifoso
Claudio da Sasso

Collina è stato quello che per una decisione che non piacque alla Juve, non la arbitrò più. Gli facevano arbitrare le finali mondiali, di Champions, di Coppa Europa, ma la Juve no. Quindi se c’è uno credibile nella categoria, è forse solo lui

Fra Diavolo
Ospite
Fra Diavolo

Dimentichi le cene clandestine con Galliani e Meani……Diciamo che lui aveva come riferimento le strisce rossonere,era comunque intrallazzato e squallido.

Max54
Ospite
Max54

Il problema,solo in Italia,è costituito dal fatto che non si vuole togliere troppa autonomia all’arbitro,altrimenti diventa più difficile “pilotare” le partite,per il resto il VAR funziona come un semaforo,se è rosso ci si ferma se è verde si va,basta andarlo a vedere nei casi più determinanti ed è meglio che una gara finisca 5 min. dopo con un risultato regolare che 5 min. prima con uno fasullo.

si ruzza
Ospite
si ruzza

Ci si gira intorno senza voler risolvere il problema. Il VAR lo chiama l’allenatore, massimo quattro volte a partita e la decisione finale non la prende l’arbitro ma tre operatori VAR che in modo trasparente decidono a maggioranza.

si ruzza
Ospite
si ruzza

P.S.: I guardalinee non servono più a una mazza.

fer Aretto
Ospite
fer Aretto

Certo, gobbi e altre necessità a parte…

Articolo precedenteRanieri: “Commisso mi piace molto. Iachini è stato un mio soldato”
Articolo successivoBentancur: “Nandez e Cavani sono stati vicino alla Fiorentina. Ai viola consiglio Brian Rodriguez”
CONDIVIDI