Commisso-Firenze, è già simbiosi. E’ tornato l’entusiasmo

8



L’importanza della storia per costruire il futuro: Antognoni, Batistuta e non solo. Attesa per la campagna abbonamenti, novità sul marketing.

Al lavoro tutti. Joe Barone a Firenze e, comunque, Rocco Commisso in America. Il patron farà rientro in città sabato, nel giorno di San Giovanni sarà il Magnifico Messere della finale di Calcio Storico: sa già che gli sarà tributata una ennesima pioggia di affetto. La città, con la tifoseria al completo, è dalla sua parte, in una sorta di patto morale sottoscritto da tutti: è tornata la voglia di sognare e pure di riempire il Franchi, accendendo la prossima campagna abbonamenti e colorando ancora di più di viola la città.

AL LAVORO. I suoi uomini, anche per questo, stanno lavorando sodo. Joe Barone, ieri mattina, ha lavorato dal centro sportivo, spostandosi solo successivamente (a bordo di un’auto aziendale) allo stadio. Si è parlato di marketing, con i responsabile del comparto, e si stanno studiando tutte le soluzioni possibili per far decollare ulteriormente il brand Fiorentina, a cominciare dal main sponsor. Una… manciata di milioni arriverà dalla partecipazione all’International Champions Cup, ma l’obiettivo è quello di alzare ancora di più l’asticella. E’ questa la strada per cercare di aggirare il paletti del Fair Play Finanziario e non se ne può prescindere. Si sta lavorando alla presentazione delle nuove maglie, senza trascurare nessun dettaglio pensando sempre per primo alla felicità della gente: è il primo messaggio arrivato e quello che dovrà viaggiare di pari passo all’aspetto tecnico con la costruzione della squadra che verrà.

STORIA. A essere cambiato è il vento della fiducia. Quello che non troppo tempo fa era addirittura impensabile, oggi è diventato possibile. Antognoni, che dell’era della Valle ha conosciuto direttamente gli ultimi due anni e mezzo (è entrato nel gennaio 2017), adesso è di nuovo al centro del disegno. Ha accolto Commisso, non appena arrivato, gli ha fatto toccare con mano il calore di Firenze, si è spostato nel suo hotel per vedere la partita dell’Italia di Mancini (con Chiesa in campo), si è trasformato in Cicerone durante la visita al Centro Tecnico di Coverciano. Avrà un ruolo di primo piano nel nuovo organigramma, esattamente come sognavano da tempo i tifosi viola, perché Commisso è ripartito dalla storia. Esattamente come accaduto con Batistuta. Si è rivolto ai senatori della storia della Fiorentina, perché da dove si viene, lui lo sa bene, è bene non dimenticarselo mai.

8
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
M. Da San Frediano
Ospite
M. Da San Frediano

Bene. Ora però meno discorsi e andiamo a cena che s’è fatto tardissimo (chissà chi digerisce ora, bah! Vita di …..)

IOHAHO, VC
Ospite
IOHAHO, VC

Chiunque avrebbe riportato entusiasmo nello stato in cui eravamo, persino Tutunci. Commisso dà buone impressioni ma per ora sono chiacchiere e promesse. Io voglio i fatti e solo dopo quelli si ragiona sul serio

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

c’mon ROCCO, VIA I DV!!!

VIOLA68
Ospite
VIOLA68

Entusiasmo chi?

Paolo
Ospite
Paolo

Perchè tu sei gobbo!!! 🙂

ALE68LEBAGNESE
Tifoso
ALE68LEBAGNESE

TE STAI A CASA,NON C’E’ PROBLEMA

Sfiammacarciofi
Ospite
Sfiammacarciofi

Senti naccherino … ora anche basta. …tu me l hai spappolati.

Amicocatopleba
Tifoso
amicocatopleba

Invece, con quelli di prima…una festa continua, eh?

Articolo precedenteMercato: in lista Linetty, Praet e Caprari, oltre a De Paul-Mandragora. Cutrone…
Articolo successivoJuve-Chiesa, dialoghi interrotti: con i DV c’era una promessa, ora tutto in stand by
CONDIVIDI