Contro la Lazio il primo crocevia della stagione, alla ricerca della prima vittoria in trasferta

14



Sullo sfondo c’è sempre la questione che ha visto coinvolto Federico Chiesa ma adesso c’è da pensare alla gara contro la Lazio che ha bisogno di rilanciarsi

Dopo i fiumi di inchiostro e di parole sulla vicenda che ha visto protagonista Federico Chiesa adesso è giusto concentrarsi sul calcio giocato. L’ultimo sforzo prima della sosta per gli impegni delle Nazionali. Una partita mica semplice. A Roma contro la Lazio. La squadra di Stefano Pioli ha fatto bene fin qui. La posizione in classifica è più che buona. In casa sono arrivate quattro vittorie in altrettante gare. Domenica scorsa sono arrivati tre punti battendo, soffrendo e non giocando benissimo è vero, una diretta concorrente per l’Europa. Punti che valgono doppio. Da mettere in cascina quando arriveranno momenti di difficoltà (speriamo siano brevi o addirittura non ce ne siano proprio).

Coesione. Il gruppo gigliato ha capito che deve sempre scendere in campo e dare il 101%, uscire dal campo stremato e lottare su ogni pallone per conquistare punti. Il calcio poi è strano, non è detto che mettendo in campo il massimo arrivi la vittoria. Di sicuro è arrivato il calore, l’affetto e la spinta della gente. Vedere, percepire, un Franchi che è un tutt’uno con la squadra ci fa ritornare in mente i bei tempi. Squadra e tifosi uniti verso un unico obiettivo: riconquistare sul campo l’Europa. La Fiorentina deve tornare a calcare quei campi. Per arrivare a questo manca l’ultimo salto in avanti. Iniziare a conquistare punti pesanti anche in trasferta. Ad oggi sono arrivate due sconfitte e un pareggio. Se a Napoli i viola avevano pagato il poco coraggio di provare a vincere, a Milano contro l’Inter ci hanno pensato gli episodi a mettersi di mezzo. Però la prova era stata convincente. Dopo un primo tempo di sofferenza, nel secondo la Fiorentina era stata in grado prima di pareggiare e poi di schiacciare lesa propria metà campo l’Inter. Contro la Sampdoria la squadra aveva messo in campo convinzione e idee di gioco e solo alcune leggerezze non gli hanno permesso di tornare a casa con il bottino pieno.

Bivio. Quella di domenica è il primo, vero crocevia della stagione. Una vittoria darebbe ulteriore forza e consapevolezza al giovane gruppo gigliato. Una iniezione di fiducia. Contro un avversario ostico, la Fiorentina sarà chiamata ad una prova di forza. C’è voglia di capire realmente quanto vale e per cosa possa lottare questa squadra. Le sensazioni fin qui sono state positive. Ieri c’è stata l’amichevole contro la Santegidiese (formazione di Promozione). Thereau e Mirallas hanno svolto un lavoro personalizzato. Proprio il belga è uno degli indiziati a scendere in campo dal 1’ a Roma per completare l’attacco con Chiesa e Simeone. Il dubbio vero è a centrocampo ma lì dipenderà dalle condizioni fisiche di Benassi anche se le sensazioni sono positive. Tutti uniti per cercare la prima vittoria esterna per legittimare la posizione in classifica che fa godere una città intera. Avanti viola.

14
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Silvano I vaia
Ospite
Silvano I vaia

Chissa come mai ho la sensazione che anche questa volta percorreremo la via della mediocrità di mezza classifica…

Ponzio
Tifoso
ponzio

Calma e gesso. Rispetto all’anno scorso vi è un progresso concreto anche se non clamoroso. La partita contro la lazio è un primo test. Non perdere o vincere significherebbe poter fare la corsa contro una concorrente senza partire già battuti. Se possiamo giocarcela con la lazio allora abbiamo fatto un passo avanti grosso, altrimenti le nostre concorrenti saranno torino, DEA, Samp. Questo non significa andare oltre l’area EL, ma almeno capire se rispetto allo scorso anno abbiamo concretamente invertito una tendenza a scendere.

gino
Ospite
gino

Scusate ma Chiesa lo hanno squalificato?

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

PONZIO, rispetto agli anni scorsi (non solo l’anno scorso) non ci sono più Keita e Felipe Anderson. Data la nostra debolezza sulle fasce con quei due la Lazio era per noi la squadra più ostica. Ora ho molta meno paura anche se sarà comunque dura. Ieri ho visto che Milinkovic Savic è ancora l’ombra di se stesso, speriamo non risorga con noi.

QuasarScandiano
Member
QuasarScandiano

DUE fisso.

Brindisi Viola
Ospite
Brindisi Viola

Ma voi siete tifosi della fiorentina o poppanti isterici?

claudio1
Ospite
claudio1

HO SENTITO IL COMMENTO DI ALLEGRI A BERNARDESCHI: NON SIAMO ALLA FIORENTINA C…! DA QUESTA FRASE SI EVINCE L IMMAGINE CHE LA NOSTRA SQUADRA HA NELLA TESTA DEGLI ALLENATORI …UNA SQUADRETTA… E’ GIUSTO CHE PIOLI E I GIOCATORI DIANO SEMPRE IL MASSIMO A COMINCIARE DALLA LAZIO… DOVE NON VORREI FOSSIMO LA VITTIMA DESIGNATA X SCACCIARE LA CRISI…. ANDIAMOLA A PRENDERE LA JUVE

Giulinho
Ospite
Giulinho

Ormai quel poco lo abbiamo fatto vedere quindi da ora inizia un declino vertiginoso cominciato con la preatazione scialba contro l’Atalanta che ha mio parere avrebbe meritato forse anche di vincere, a avuto le occasioni milliori. Senza inventarmi nulla di nuovo il nostro posto in classifica è di circa il dodicesimo posto al netto del nostro valore. Molto presto questa baracca si sgretolerà come neve al sole, il primo campanello di allarme cè stato domenica mentre la Lazio sancirrà l’inizio del nostro declino. La vedo buia.

Fax1940
Ospite
Fax1940

Ma che ti rispondo a fare? Tutto tempo perso, temo, vista la tua sicurezza (?) nel tranciare giudizi…

Huayna Capac
Ospite
Huayna Capac

se la vedi buia, comprati una torcia!

Roberto Francia
Ospite
Roberto Francia

Intanto fai attenzione a come scrivi, non hai visto gli errori di ortografia !

king arthur
Ospite
king arthur

Perche’ contro Inter e Napoli non erano crocivia?

Toro seduto
Ospite
Toro seduto

Ma come si fa a dire che le sensazioni sono positive se fuori casa s’e’ preso un punto su nove, e in casa s’e’ vinto controp tre squadre che lotteranno per non andare in B e contro l’Atalanta s’e’ giocato male .
Quando si battera’ squadre che lotteranno per i primi posti, in casa e fuori allora si potra’ parlare di sensazioni positive. Ora come ora tutto quello che e’ successo era pronosticabile, nel bene e nel male.

Dellavalliano
Ospite
Dellavalliano

W la vita..

Articolo precedenteEuropa League, notte fonda per la Lazio. Pesante sconfitta in Germania
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport e Tuttosport
CONDIVIDI