Gli occhi di Corvino (ancora) su Duncan: nel 2015 sfumò in extremis. Con Di Francesco…

4



duncan

Quello di Alfred Duncan non è un nome nuovo nella galassia degli ‘attenzionati’ di Pantaleo Corvino. Il centrocampista ghanese è sulla lista del direttore generale viola dall’estate del 2015, quando Corvino fu protagonista insieme a Guido Angelozzi, attuale direttore dell’area tecnica del Sassuolo, di un vero e proprio duello di mercato. Corvino passò tutto il mese di luglio dietro a Duncan, ma perse la sfida con il Sassuolo. Decisiva un’accelerata proprio quando Corvino aveva trovato l’accordo con i rappresentati del giocatore. Così scrive La Nazione.

Adesso ci risiamo. Due anni dopo, Corvino ha di nuovo messo gli occhi su Duncan e per la ristrutturazione del centrocampo della Fiorentina, pensa al ghanese. Prima naturalmente verrà la scelta dell’allenatore che aprirà il nuovo corso, ma intanto Corvino si è avvantaggiato e ha preso nuove informazioni. Di sicuro, per prendere Duncan, non dovrebbe ‘chiedere’ autorizzazione (sul gradimento tecnico) a Di Francesco. Il tecnico di Pescara infatti, nell’ultimo biennio, ha contribuito in maniera evidente alla crescita del giocatore africano.

4
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Ilgatto
Tifoso
ilgatto

Sarcasmo a parte un po’ di muscoli e grinta al nostro centrocampo male non possono fare,anzi,e tecnicamente non è uno sprovveduto, ovviamente non è Iniesta ma il suo lo può fare.

geronimo
Ospite
geronimo

credevo avesse perso il duello col barca x neymar…. invece …col poderoso Sassuolo x duncan accidenti….. ma ci rifacciamo subito tornando su duncan con il quale risolveremo i nostri problemi

Stefano
Ospite
Stefano

Si,peccato che Corvino nel 2015 fosse a Bologna e non a Firenze. Il Bologna perse la sfida per prendere Duncan,non la Fiorentina. Così,tanto per esssere precisi.

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Quanto sei patetico, allora Corvino stava al Bologna non alla Fiorentina.

Articolo precedenteTatarusanu: “Mai avuto paura, neanche di Sportiello. Io non faccio il secondo”
Articolo successivoDestro, Pavoletti, Nestorovski, Simeone: poker per il dopo Kalinic
CONDIVIDI