Cuadrado, addio comproprietà la Lega Calcio cambia le regole

    0



    Cuadrado Fiorentina UdineseLa Fiorentina probabilmente se lo aspettava. E così, in tempi assolutamente non sospetti e decisamente lontani dalle indiscrezioni di queste settimane, è riuscita a resettare(o quasi) il parco delle comproprietà.
    Ne è rimasta soltanto una, certo. E si tratta di una delle compartecipazioni più pesanti e importanti delle 164 ancora vive in serie A e depositate in Lega. Ma una volta risolta la posizione di Cuadrado — l’appuntamento buono fra viola e Udinese è fissato per aprile —, la Fiorentina potrà fare sua l’abolizione della «regola delle comproprietà» che con la fine di questa stagione dovrebbe finire in soffitta.
    In passato, specie nelle ultime due stagioni della gestione Corvino, le compartecipazioni in casa viola erano il modo più popolare per fare mercato. Poi qualcosa è cambiato e con l’avvento del duo Pradè-Macia si è cominciato ad andare in tutt’altra direzione. Tesseramenti a titolo definitivo (con acquisto diretto o contratti garantitati a giocatori in regime di svincolo) e prestiti secchi, hanno avuto la meglio. Niente suddivisioni di cartellini, dunque. Niente affari a metà e rischi — giugno dopo giugno — di risoluzioni di affari alle buste.
    Soffermnandoci allo scenario che si starebbe profilando, lo stop (da deliberare dopo aver sottoposto la proposta a tutte le società) alle comproprietà dovrebbe diventare escutivo a luglio 2014, mentre per risolvere le compartecipazioni ancora in essere, la stessa Lega concederà alle società due anni di tempo (giugno 2016). Il tutto si sarebbe reso necessario per due ragioni: primo, adeguardi alle normative del calcio internazionale, visto che le comproprietà esistono solo in Italia; secondo, per ragioni fiscali.
    Ma torniamo alla Fiorentina. Tolte le posizioni relative ad alcuni giovani, nella rosa della prima squadra, l’unica comproprietà da risolvere è quella di Cuadrado. Accordo che la società viola sta per chiudere con l’Udinese, riscattando la seconda metà del giocatore per 15 milioni di euro, dopo aver pagato la prima tranche 5 milioni, il giugno scorso.