Cuadrado: Una crescita di valore di 53 mila euro al minuto. E adesso…

0



Forse neanche il più ottimista dei siti internet che si occupano di pubblicità riuscirebbe a star dietro alle cifre che Juan Guillermo Cuadrado ha fatto ipoteticamente guadagnare alla Fiorentina al singolo minuto. ‘Quanti mila euro al mese vorresti guadagnare? Magari comodamente da casa?’. Ecco, nessuno potrebbe stare al passo con la vespa colombiana.

Già prima di partire per il mondiale le prime voci di un interessamento da parte del Barcellona per lui iniziavano a circolare, ma il suo valore non andava oltre i 25-30 milioni. E la riprova sta nella cifra pagata dalla Fiorentina per avere la metà dell’Udinese che è stata valutata circa 15 milioni di euro, e l’Udinese non svende mai. Poi il mondiale da sballo per Cuadrado che ha confermato anche con la sua Colombia quanto di straordinario ha fatto vedere anche nel campionato italiano. 384 minuti mondiali, tra Grecia, Costa D’Avorio, Giappone, Uruguay e Brasile, con una quantità di dribbling ubriacanti come da copione, 4 assist ed 1 gol. Nella classifica assist domina Cuadrado, dietro di lui inseguono a quota 2, e chissà che non possa rimanere in testa a questa classifica fino alla fine. E adesso il suo valore di mercato di ritorno dal Brasile è tra i 45-50 milioni. In pratica il suo valore è aumentato di quasi 53 mila euro al minuto giocato. Altro che pubblicità on-line.

NUMERI DA SBALLO. 4 assist ed un gol il suo bottino brasiliano, che vanno ad aggiungersi ai 15 gol segnati in stagione con la maglia viola tra gli 11 del campionato, i 3 dell’Europa League ed il gol segnato in Coppa Italia contro l’Udinese, uniti a 11 assist che fanno una stagione da 16 reti e 15 assist in 48 presenze tra stagione viola e Mondiale. Un gol ogni 3 partite, un assist ogni 3,2 incontri, un gol ogni 239 minuti, un assist ogni 254, con prospettive e margini di crescita ancora importanti per lui.

E ADESSO IL POST MONDIALE Un post mondiale con le meritate vacanze per lui, Juan Guillermo Cuadrado Bello, che a Moena neanche vedremo visto che per lui ci saranno almeno altri 20 giorni di vacanza ed il ritiro in montagna per i viola finirà il 20 luglio, con la settimana di incontri per il suo agente, Lucci, che parlerà con la Roma, con il Barcellona, e con chi è interessato al suo cartellino (United in primis) visto che col Bayern un primo incontro c’è già stato. Per Pradè e Macia invece iniziano le settimane dell’eventuale ‘come sostituire Cuadrado’. Di idee ce ne sono in quantità, di primi contatti ce ne sono già stati, e si attende solo l’input. Il suo post mondiale Andrea Della Valle lo ha già in parte svelato: “Faremo di tutto per trattenere Cuadrado, ma è un caso complicato visto che le sue prestazioni sono sotto gli occhi di tutto il mondo”. Il suo post mondiale sarà in trincea, ma la sensazione è che davanti a questa situazione non si possa ripetere un Toni-Jovetic tris. A questo giro è meglio lasciarlo partire, ma solo in caso di offerte davvero superiori ai 40 milioni. E se asta deve essere, che asta sia. Per i tifosi viola, invece, inizieranno settimane di attesa quasi da incubo, con quel collegarsi ai siti internet, alle trasmissioni radio e tv quasi ad occhi/orecchi tappati temendo di leggere/sentire della sua partenza, e con la speranza che si arrivi al gong del mercato previsto per le 23 del 2 settembre con ancora Cuadrado in maglia viola. 

La speranza è l’ultima a morire, sempre, ma tra la speranza ed il reale pensiero ce ne corre di acqua sotto i ponti. Con Cuadrado, Rossi e Gomez ce ne sarebbero davvero tante di speranze per i tifosi gigliati che di sassolini dalle scarpe ce ne hanno e come da togliersi. Ma poi c’è la realtà, quella fatta di 3,5/ 4 milioni di euro netti all’anno che diventano 7-8 lordi che tra Barcellona, United e Bayern sarebbero disposte ad offrire al colombiano, cifre alle quali è difficile tener testa. A meno che Andrea Della Valle non si metta in testa davvero che il sogno del terzo scudetto è per lo meno avvicinabile, e con Rossi-Gomez-Cuadrado, sarebbe sicuramente meno chimera e più possibilità.

Autore: Gianluca Bigiotti – Redazione Fiorentina.it