Cuore, entusiasmo e sofferenza: vittoria vintage per Pioli

di Benedetto Ferrara - La Repubblica

8



Calcio vintage. Cuore, occhi feroci e difensori buttati dentro a far muro davanti ai tre punti mentre lo stadio soffre. Mancava solo la pioggia (meglio così) a fare da sfondo a una partita vecchio stile, coi seguaci del catenaccio ispirati da Donadoni e la Fiorentina di Pioli che fa del rock a volte scomposto, a volte senza un ritornello che ti resta in testa, ma poi alla fine l’assolo c’è, e ti lascia di stucco. Perché Chiesa junior da bambino ha visto tanti video del padre. Avrà iniziato coi vhs, poi i dvd e alla fine youtube. Rientrare sul destro e calciare sul palo lungo. Il pallone che sbatte sul palo e gonfia la rete. Il portiere che può solo guardare, e chissà poi cosa avrà visto dentro quel lampo. Fantastico Federico, egoista benedetto dall’entusiasmo. Lui tira da un ovunque indefinito, spesso improbabile. Cavalcate furibonde e poi appena vede la porta fa bum. Passalaaaa, grida qualcuno. Vero, l’energia va misurata. Lui è puro istinto, ma crescerà.

Tre punti, qualche emozione pura, molto rock e il tecnico vestito da giocatore di biliardo che non ha problemi ad aderire a vecchie regole talmente ovvie che tanti si vergognano a mettere il pratica. Ma Pioli no. Un pragmatico sognatore. Meraviglia: entra Vitor Hugo per Thereau, nobile lottatore. Nasce così una difesa a cinque dura e pura. Chissà che discorsi sarebbero seguiti a questa scelta se il colpo di testa di Palacio non fosse finito sul palo. Già, chissà. Ma quel pallone rimbalza sul campo e la Fiorentina si prende questi tre punti e vince la seconda partita di fila. Questo contava, per aggiungere certezze, per andare allo Juventus Stadium con la testa concentrata ma col cuore leggero. La Fiorentina è un gruppo di ragazzi che ci sentono davvero. Non saranno tutti fenomeni, ma che cuore, però.

8
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

Si vede la mano di Pioli ,in molti gli dovranno chiedere scusa.

Melquiades Livorno
Ospite
Melquiades Livorno

Si intravede la squadra e i risultati arrivano. Non mi pare che il Napoli prima del gol avesse dominato la partita. Una decina di partite per formare una squadra nuova occorrono, a meno che non si abbia mai giocato a calcio nella vita e i disfattisti fanno parte di questo gruppo. Forza viola sempre

Luca
Ospite
Luca

Io dico che se pioli gestisce così il vantaggio ci sarà molto da [email protected]@@@si , perché quasi sempre finisce male . Del resto é il più grosso limite di questo mediocre allenatore e si sapeva, anche se molti quando lo dici sanno solo offendere. Il giornalista nel pezzo in un buon italiano dice tutto e il suo contrario tanto per ottenere dei like aggratis e riposizionarsi di volta in volta alla bisogna . Non è un caso che i giornali non si vendono più e sono tutti al fallimento .

Fabio, Milano
Ospite
Fabio, Milano

Noi stentiamo con un Bologna francamente anacronistico ringraziando solo la Dea bendata per la vittoria. Intanto a sassuolo la Juve passeggia con uno dei più grandi giocatori del mondo. Purtroppo mai come quest’anno la distanza con le grandi è distanza di categoria. Senza Borja e co. una partita come il 4-2 è impensabile

Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

Smettila con PorcaValero ,ormai hai rotto i marroni, quella lumaca veditelo a Milano.

Andrea
Ospite
Andrea

Bravo Benedetto. I tuoi articoli sulla Fiorentina sono sempre i migliori.

Marcello
Ospite
Marcello

Insomma, sono già iniziate le manovre di riposizionamento degli ex disfattisti.

AntonioViola
Ospite
AntonioViola

Buona volontà ed entusiasmo non si discutono. Thereau così largo non si può vedere. Benassi non può giocare in quella posizione. A centrocampo serve più copertura. Per il resto, la squadra prende forma di gruppo.

Articolo precedentePezzella, la tradizione argentina e il primo gol da 3 punti sotto la Fiesole
Articolo successivoLutto: è morto a Prato l’allenatore Eugenio Bersellini. Aveva 81 anni
CONDIVIDI