Curiosità per il primo scontro diretto stagionale: quali saranno le scelte di Pioli? L’atteggiamento della Fiorentina farà la differenza

25



La Sampdoria è una squadra che gioca in modo simile alla Fiorentina. Oltre alle scelte di Pioli, dipenderà dalla personalità che i viola mostreranno a Marassi

A pochi giorni di distanza dalla sconfitta al San Paolo, la Fiorentina oggi torna in campo per recuperare la prima giornata di Serie A. I viola affrontano una Sampdoria che l’anno scorso si è portata a casa il bottino pieno nelle due sfide di campionato, con la vittoria negli ottavi di Coppa Italia come premio di consolazione per gli uomini di Pioli.

A Marassi, sponda blucerchiata, lo scorso 21 gennaio la Fiorentina giocò una delle sue peggiori partite della stagione, venendo travolta dai colpi di Quagliarella per tre volte. Scontato aggiungere che oggi l’atteggiamento della Fiorentina dovrà essere ben diverso, perché la squadra allenata da Giampaolo è una delle più in forma del momento e il campo di Genova è storicamente molto complicato per i colori viola.

SCONTRO DIRETTO. Una gara che darà ulteriori indicazioni sul valore di questa squadra, sul quale si dibatte ampiamente in città. C’è infatti chi resta ottimista anche dopo la sconfitta del San Paolo e chi invece è rimasto molto deluso dalla Fiorentina vista sabato sera. Ma a Genova la Fiorentina affronta un avversario diverso. Con i blucerchiati è infatti una sfida alla pari, almeno in questo inizio stagione. Sono compagini che lottano per gli stessi obiettivi. Insomma, quello di oggi è il primo vero scontro diretto della stagione 2018-19 della Fiorentina.

La partita a scacchi tra i tecnici sarà interessante: entrambi sono molto puntigliosi nella fase difensiva, entrambi credono nella ricerca quasi ossessiva della profondità come principio base per scardinare le difese avversarie. Dei blucerchiati si teme un attacco che sta producendo tantissimo: già otto gol fatti grazie al sempreverde Quagliarella e al ritrovato Defrel, attuale capocannoniere della Serie A (in condivisione con Piatek).

I CAMBI DI PIOLI. Della Fiorentina incuriosisce conoscere quali saranno i “due-tre elementi” che Pioli ha dichiarato di voler cambiare rispetto alla sfida con il Napoli. Rientro di Veretout e infortunio di Lafont a parte, la Fiorentina ha giocato praticamente sempre con gli stessi uomini nelle sue prime tre apparizioni. Ma ecco che la vicinanza degli impegni impone delle turnazioni, e una di queste riguarderà quasi certamente Marko Pjaca, l’uomo più atteso da tifo e stampa.

Le sue chance dal 1′ sono in continua crescita, così come sono in crescita le possibilità di veder esordire in maglia viola, magari a partita in corso, Kevin Mirallas. Ciò aiuterà a farsi un’idea più chiara sul potenziale dell’attacco gigliato nel proseguo della stagione. Per il resto delle scelte, molto se non tutto dipenderà dalla condizione fisica e mentale dei singoli titolari. Solo Pioli può averla verificata a pieno, perciò non sono da escludere sorprese. Anche nel reparto in cui finora il tecnico gigliato non ha mai cambiato pedine, ovvero la difesa.

LA CHIAVE È LA PERSONALITÀ. La cosa più importante sarà l’atteggiamento con cui la Fiorentina scenderà in campo. Bene la prudenza e l’attenzione in fase difensiva vista a Napoli, ma occorre un maggiore spirito d’intraprendenza. Occorre fare arrivare più palloni a Simeone, sia dalle corsie esterne che dal centro. I centrocampisti, soprattutto, dovranno rischiare le giocate con maggior frequenza di quanto visto al San Paolo. Questo per aggirare il pressing blucerchiato, se l’obiettivo è quello di innescare in profondità le frecce dell’attacco gigliato in modo diverso dai lanci dei difensori.

Ecco perché l’atteggiamento e l’approccio alla sfida saranno fondamentali. Questo gruppo vive di entusiasmo e dipende da esso. Se la squadra perde motivazioni e si intimorisce di fronte all’avversario, la giovane età può diventare un difetto. Ma può bensì diventare un enorme punto di forza. Con idee tattiche precise e con la mente sempre lucida. Ma con quella spavalderia, quella garra che ha fatto innamorare Firenze di questi ragazzi nel finale della scorsa stagione.

25
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Berto compagno di seminario.
Ospite
Berto compagno di seminario.

I have a dream

ILBOSSFIORENTINO
Ospite
ILBOSSFIORENTINO

considero questa partita molto importante perchè la samp è una nostra concorrente per europa se perdiamo pazienza in casa della samp ci può stare.invece in casa contro atalanta è la partita della verità da li possiamo capire dove andremo se si perde appunto con atalanta possiamo prendere per il culo il malati di gubbio e leccaculo dei dalla valle per un anno intero preparatevi cari sfigati ben presto i nodi stanno arrivando al pettine è questione di tempo. poverini 🙁

aldo
Ospite
aldo

L’approccio sarà fondamentale: mostrerà la coscia o la scollatura?

PolemicoViola
Ospite
PolemicoViola

Tante belle parole che non cambiano la realtà dei fatti. Dipende solo da Pioli che questi giovani calciatori cambino atteggiamento mentale. O quello, o sarà un altro campionato anonimo; altre disquisizioni sono inutili.

Di certo si va da poche parti giocando come contro l’Udinese e il Napoli, ovvero con sufficienza, poca voglia, mezzi addormentati. Uno spettacolo INVERECONDO, che già avevamo dovuto sorbirci tante volte l’anno scorso.

fiorentinodoc
Ospite
fiorentinodoc

Quali obiettivi in comune? Noi lottiamo per la champions

maurizio
Ospite
maurizio

Ma quale champion noi lottiamo per lo scudetto…….

Puppamelosodo
Ospite
Puppamelosodo

ma quale scudetto noi lottiamo per la coppa intercontinentale

Berto compagno di seminario.
Ospite
Berto compagno di seminario.

ma quale coppa intercontinentale noi si lotta per la coppa galattica

CALENZANO
Tifoso
CALENZANO

ora per una sconfitta col Napoli mica penserete di perdere uno scudetto gia cucito sulla maglietta?

.Lo schiacciasciaurai
Ospite
.Lo schiacciasciaurai

Questi siti tendono sempre a svalutare e minimizzare la Fiorentina, l’esatto contrario di quello che succede alle sltre squadre. Perchè? da chi è composta la redazione di questo sito. Per me sono delgi strisciati

Almagores
Tifoso
Active Member

Oggi sarà una partita tosta, non è il caso di fare esperimenti, però a me piacerebbe se qualche volta si provasse a dare fiducia al norvegese, è giovane e a volte è sembrato un po’ spaesato, ma da certe cose mi pare che il tocco e la visione di gioco ce l’abbia, il suo è un ruolo dove deve prendere fiducia e sentirsi addosso quella della squadra. Ripeto, non oggi, ma provare un 4-2-3-1 con Norgaard e Varetout davanti alla difesa con una linea di tre dove, a parte Chiesa che non va mai levato, gli altri due di slternano… Leggi altro »

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Pioli è l’ultimo dei nostri problemi. Nel caso non lo sapeste per andare avanti nel calcio servono i gol. Uno degli uomini che avete infamato di più da quando c’è Pioli è Benassi che ci ha dato 8 gol con una media di uno ogni 400 minuti. Il “vostro” top player Chiesa da quando c’è Pioli ha fatto 7 gol, uno ogni 470 minuti: e non è che con Sousa segnasse di più. Se poi considerate che il mediocre Simeone l’anno scorso ha fatto sì 14 gol ma tre nella particolarissima Fiorentina Napoli (una media di uno ogni 216 minuti)… Leggi altro »

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

ARISTARCO, ma c’è chi reputa Simeone più forte di “bimbominkia Icardi” (come scrisse un autentico co…..ne tempo fa) !!!!

Kargost
Ospite
Kargost

Vero. Chiesa è un gonfiato dai giornalisti e Simeone è un discreto pedatore, null’altro.

Aliush
Ospite
Aliush

Pecos, se è per questo c’è pure chi lo paragona a Batistuta…

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

ALIUSH, quelli sono da internare in un manicomio criminale.

fiorentinodoc
Ospite
fiorentinodoc

beh allora se ha fatto tripletta non conta, eliminiamo anche tutte le triplette e i rigori che hanno fatto immobile e icardi

Puppamelosodo
Ospite
Puppamelosodo

tripletta rigore doppietta a me sembra che la fai troppo lunga l’attaccante bono la deve buttare dentro di testa di piede di gomito di culo come voi te conta buttarla dentro e la somma che conta è il numero totale a fine stagione il resto son supercazzole …Simeone ne ha fatti tanti a Genova tanto da mettersi subito in mostra e da giovanissimo poi ne ha fatti tanti a Firenze (doppia cifra in Italia non è poco) sempre da giovanissimo e quest’anno vediamo se migliora …intanto in nazionale argentina c’è andato e ha pure segnato …fatti no pugnette, le cose… Leggi altro »

Grandeviola
Tifoso
Grandeviola

DRAGO MILENKOVIC PEZZELLA HUGO EDIMILSON DABO VERETOUT BENASSI GERSON CHIESA SIMEONE cioè 3.5.2 centrocampo che ha Potenza e classe e si vince alla grande.

Il lenzolaio
Ospite
Il lenzolaio

Sarà dura……

paolo re
Ospite
paolo re

Scontro alla pari? Mi auguro che sia così anche se, obiettivamente la Samp sembra in questo momento più in palla di noi. Credo anche che la settima posizione in classifica finale (traguardo dichiarato da ADV e peraltro non eccessivamente entusiasmante, visto che non garantisce neanche l’automatico accesso ai preliminari di Coppa) non sarà comunque semplice raggiungerlo perchè tanti sono i pretendenti, una schiera di squadre che, diciamola tutta, a differenza di ora fino a tre anni fa non ci incuotevano pressanti timori, tanto è vero che in quegli anni si parlava di scontro diretto solo quando la Viola incontrava la… Leggi altro »

Sfv💜
Ospite
Sfv💜

Devono avere fiducia in loro stessi e vedere di poter contare sul nostro appoggio….poi vediamo come va a finire
Sfv

claudio1
Ospite
claudio1

UN ALLENATORE VERO NON DIVENTA PIU OFFENSIVO COL CHIEVO E POI DIFENSIVISTA COL NAPOLI. GIOCA SENZA BADARE ALL AVVERSARIO E’ UNA QUESTIONE DI MENTALITA’. DON PIOLO NON CE L HA ALTRIMENTI IN TANTI ANNI DI CARRIERA AVREBBE VINTO QUALCOSA.

california viola (antitrump)
Ospite
california viola (antitrump)

Per chi vive negli USA: diretta (9:50 am Pacific) e differita su ESPN plus.

Biliapolis
Tifoso
biliapolis

La Samp si trova in difficoltà con le squadre che giocano coperte, quindi 4 4 1 1 .

Articolo precedenteSamp-Fio a confronto: pochi cross, Defrel capocannoniere. Partenze a razzo Samp
Articolo successivoBandinelli: “Reality della Fiorentina ha fatto male a qualcuno”
CONDIVIDI