Da Hagi a Sottil, fino a Gori: i giovani di Moena. Nel sogno di Chiesa

17



Appena 10 giocatori della Prima Squadra presenti a Moena finora, il gruppo si allargherà un po’ di più da domani. Intanto grande attenzione in val di Fassa è riservata ai giovani. Ben 9 ragazzi Under 20 già presenti in Trentino, mentre da domani arriverà anche il classe ’98 Ianis Hagi. Dal 15 luglio sono attesi invece i classe ’97 Milenkovic e Dragowski, che hanno partecipato all’Europeo U21. Tutti nel sogno di… Federico Chiesa. Con la speranza di rivivere il percorso del giovane figlio d’arte.

Una folta schiera di giovani e giovanissimi, pronti a mettersi in mostra. Perché Pioli finora può provare pochi schemi o poche soluzioni per la Fiorentina che verrà, ma può iniziare a valutare da vicino i ragazzi provenienti dalla Primavera. Specie nei ruoli in cui la rosa può essere carente. In avanti, in attesa di Kalinic e Babacar, oltre a Rebic il vero centravanti è Gabriele Gori. Classe ’99, stagione da protagonista in Primavera, spesso a gara in corso: a Moena nei primi allenamenti si sta mettendo in luce. Davanti c’è anche Josip Maganjic, altro ’99: ragazzo che Corvino prese dall’Hajduk Spalato un anno fa, pagato circa 2 milioni tra trasferimento e commissioni, è una giovane promessa del calcio croato.

Esterno offensivo, altro classe ’99, è invece Riccardo Sottil: tra i veri protagonisti della Primavera di Guidi, il suo è anche un ruolo cruciale nelle idee di calcio di Pioli. Una zona di campo in cui, tra l’altro, la Fiorentina è non poco carente (ancor più dopo la partenza di Tello e il prossimo addio di Bernardeschi). Quindi occhi puntati su questo giovane emergente, fin da Moena. Poi c’è il ‘millennialMarco Meli: classe 2000, dagli Allievi (Under 17) al ritiro a Moena. Con la Primavera di Guidi solo nel finale di stagione, per lui un doppio salto che sa di gratificazione. Gli esperti sono pronti a puntare sul talento di questo ragazzo, un po’ trequartista un po’ seconda punta. A centrocampo spicca dunque il nome di Abdou Diakhaté: un ‘veterano’ tra i giovani, un classe ’98 già al terzo ritiro di Moena. Con Sousa due anni fa era quasi un titolare, poi alcuni screzi con il portoghese e il calo di un giocatore che forse si sentiva già arrivato. Il centrocampista ha poi ‘rimesso la testa a posto’, e si è riaffermato protagonista con la Primavera nella scorsa stagione: ora ha una nuova chance a Moena.

In difesa occhi puntati su Julian Illanes, centrale classe ’97 arrivato a gennaio in viola, subito protagonista con la squadra di Guidi. Sulla sinistra invece grandi prospettive per Luca Ranieri, classe ’99, altro giovanissimo molto interessante. Tra i portieri presenti Giacomo Satalino, al secondo ritiro, e Michele Cerofolini: entrambi classe ’99, il primo era già terzo portiere con Sousa, il secondo si è conquistato la porta della Fiorentina con ruolo di primo piano fino alle finali Scudetto. Ed entrambi potrebbero restare in viola, ad alternarsi il ruolo di terzo portiere della Prima Squadra e primo portiere della Primavera.

Infine i giovani più ‘esperti’: in attesa di Milenkovic e Dragowski, da domani scenderà in campo Ianis Hagi. Per il classe ’98 la prospettiva di ritagliarsi un ruolo importante dopo il primo anno di ‘gavetta’, con il duro lavoro con Sousa e un fisico più strutturato rispetto a quando si presentò a Moena. Visione di gioco e tecnica già da giocatore importante, Hagi potrebbe rappresentare la risorsa in più per Pioli sulla trequarti. Vice-Saponara o meno, in attesa del mercato, un jolly che Pioli scoprirà nei prossimi giorni. Ci saranno poi da domani anche Jaimé Baez, classe ’95, e Andres Schetino, classe ’94: stagione in prestito non indimenticabile per entrambi, il tecnico viola avrà bisogno anche di loro in un momento di profondo rinnovamento. Il primo, esterno offensivo, si mise in mostra un anno fa a Moena, per poi spengersi durante l’annata a La Spezia. Il secondo, centrocampista centrale, avrà un’altra chance dopo i limiti mostrati nel precedente ritiro in Trentino.

Un anno fa, di questi tempi, Federico Chiesa vedeva svoltare la propria carriera: “Vi dò una notizia, Chiesa rimarrà con noi”, diceva Sousa da Moena, spiazzando un po’ tutti. Da lì l’esordio con la Juve, le giocate vincenti, la Nazionale. Ora Chiesa rappresenta una delle poche certezze di Pioli. Tanti giovani, intanto, sognano di fare come Fede.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
fabio
Ospite
Member

Sarà Sottil i prossimo Chiesa.

Il traduttore
Ospite
Member

Sui giovani e’ difficile fare pronostici, dipende da troppi fattori, non solo calcistici. Io ci provo: Hagi ha grandi numeri ma un fisico gracile, non ancora strutturato. Gori mi ha Impressionato, come Sottil. Per Dragoski sono d’accordo col Corvo, deve per forza riuscire un buon portiere. Ma chi mi convince di più, testa a parte, e’ Diakate’: con la cautela del caso, qualche partita da centrale gliela farei fare. Anche Illanes mi è piaciuto, gran carattere, gli altri non li conosco o non mi hanno preso gli occhi.

FabioLAquila
Ospite
Member

Diakate potrebbe veramente essere un centrale completo, ha tutto tranne la testa, ma quella potrebbe dipendere dall’età e da troppa pressione. Dragowski mi piace tanto per quel che ho visto e Hagi ha colpi da campione vero ma deve crescere.

pippospano
Ospite
Member

per hamrin 56: forse ti è sfuggito che il commento di Kurus era ironico proprio verso i “criticoni a prescindere” 😉

hamrin 56
Ospite
Member

In effetti non ho colto l’ ironia. Se è così, me ne scuso.
Forza Fiorentina !

damci
Ospite
Member

spero di non illudermi come troppo spesso mi è avvenuto in passato,ma mi sembra che Gori,Sottil e Cerofolini,siano veramente molto promettenti,oltre ad Hagi se riuscirà a correre 90 minuti ed a fronteggiare gli urti di gioco

Carpone viola
Ospite
Member

Di tutti questi qui non ce nè uno bono ci aspetta un anno di magra e una retrocessione sicura

Daniele
Ospite
Member

Ai voglia a coltivar pianticelle. Tanto alla prima mezza stagione fatta bene vogliono tutti andare via, ovunque tranne che restare, accompagnati alla porta dall’omo nero con passo affaticato dal peso del greve portafoglio.

gianni usa
Ospite
Member

Daniele,la storia c’insegna che le pianticelle di Corvino regolarmente appassiscono alla svelta.

Sciopenviola anche oggi..
Ospite
Member

Forza che si inizi con i paragoni con il 69 e la Fiorentina ye-ye, no signori questa è una fiorentina low cost chi non l’avesse ancora capito si abboni, dica solo per la maglia, faccia ciò che vuole ma eviti i commenti tecnici be andrebbe del proprio intelletto….

Kurus
Ospite
Member

Posso riassumere in grandi linee la discussione che si svilupperà a proposito di questo articolo?

Hagi? Un bidone. Sennò sarebbe già nel mirino® di un toppe clubbe.

Sottil? Un mediocre e poi ci ha un cognome che sembra una fettina di formaggio.

Gori? Forse andava bene se ci aveva un Cecchi davanti al cognome e se ricomprava la Fiorentina con qualche bonifico colombiano.

Baez? E che canta, “Farewell Angelina” e la “Ballata di Sacco e Vanzetti”…?

Schetino? O non era in galera per la Costa Concordia?…

ecc. ecc.

Cordiali saluti

hamrin 56
Ospite
Member

Kurus,
sei simpatico come una spinta al buio.
La tua mi sembra una critica a prescindere, come un grillino o un 1926.
Li hai mai visti giocare questi ? io si. Sottil in particolare mi ha molto impressionato.
Se ne riparla a fine stagione.

rag. Pupazzi
Ospite
Member

…i giovani basterebbe avere il coraggio di farli giocare…sono sicuro che almeno un paio di primavera potrebbero tranquillamente giocarsi un posto nei 18…sinceramente non so se Pioli e’ una mister che lancia i giovani…pero’ ci spero….

Walter - Quello vero
Ospite
Member

Fra tutti questi giovani, non trascurerei Ante Rebic, non è una novità assoluta, ma ha soltanto 23 anni, pochi mesi più di Bernardeschi, al quale lo accosto solo ed esclusivamente per l’età.
L’ho rivisto in questi primi giorni di ritiro, dimostra di avere una tigna in campo, paragonabile a quella di Chiesa. Lo terrei in considerazione.
Forza Viola!!!!!!!!!!!

tristezza
Ospite
Member

ogni tre partite piglia un rosso, ma scherziamo. batterebbe tutti i record di Montero. lasciamo stare via….

MoNrOo
Ospite
Member

Il problema di Rebic è l’essere troppo irruento.

Walter - Quello vero
Ospite
Member

Succedeva quando gli facevano fare tutta la fascia, compresa la fase difensiva, se gioca prevalentemente in attacco la sua forza può essere gestita in modo diverso.
Forza Viola!!!!!!!!!!

wpDiscuz
Articolo precedentePioli ‘svela’: “Vitor Hugo è ambidestro, ma preferisce il mancino”
Articolo successivoCastrovilli ripartirà dalla Serie B: firma per il prestito alla Cremonese
CONDIVIDI