Dal Governo: stop alle pubblicità sulle scommesse. Rivolta dei club di Serie A

53



Il calcio contro i contenuti del decreto ‘dignità’ proposto da Di Maio. Preziosi: “Una mazzata per il sistema, si alimenterebbero i circuiti illegali”.

«È una follia». Non usa mezzi termini Enrico Preziosi. Il presidente del Genoa, come tanti altri suoi colleghi di Serie A, è in agitazione perché il Governo ha in mente di vietare la pubblicità sul gioco d’azzardo e, quindi, di mandare in fumo i contratti di sponsorizzazione tra diverse squadre di calcio e le agenzie di scommesse, uno dei settori strategici dal punto di vista commerciale. Preziosi non riesce a comprenderne la ratio. «Lo scopo è di ridurre la dipendenza? Ma così si alimenterebbero le puntate all’estero, per non parlare dei circuiti illegali. È un provvedimento senza senso e populista, che penalizzerebbe un sistema come quello calcistico che già fatica a stare in piedi. Sarebbe una mazzata e non risolverebbe nemmeno il problema che si vuole affrontare».

Il patron del Genoa cita un precedente, quello delle sigarette. «Voi pensate che la gente abbia smesso di fumare dopo che sui pacchetti sono comparsi quegli slogan sui rischi del fumo? Non è cambiato nulla. Di solito i divieti non fanno che alimentare ancora di più certe pratiche. Sono proprio arrabbiato».

NUMERI. Secondo il ReportCalcio della Figc, in Serie A su un totale di 681 accordi di sponsorizzazione il 2% riguarda il betting. All’estero l’incidenza maggiore si registra in Inghilterra (8%) e Turchia (9%) e nelle dieci top league si contano 23 sponsor di maglia del settore. Al momento in Serie A nessuna squadra ha una società di scommesse come jersey sponsor ma la metà dei club vanta accordi commerciali che vanno dalla cartellonistica allo stadio alle campagne di marketing con i calciatori. Per un club medio si tratta di contratti che oscillano tra 500mila e un milione di euro, ovviamente di più per le big.

La Lega sta studiando l’impatto che lo stop alle pubblicità provocherebbe sui bilanci delle società di A. Nel frattempo Preziosi non nasconde l’insofferenza: «Non ci si può svegliare la mattina e fare una cosa del genere. Dietro una norma di questo tipo c’è inconsapevolezza e leggerezza. Non si comprendono gli effetti devastanti che ci sarebbero sul calcio, in cui lavorano migliaia di persone. Noi in passato abbiamo avuto una società di betting come sponsor di maglia, in futuro potremmo riaverla. È un’opportunità commerciale che non può essere negata. Spero che il ministro Salvini si opponga».

Il provvedimento in questione rientra nel cosiddetto «decreto dignità» annunciato alcuni giorni fa dal vicepremier Luigi Di Maio. La lotta alla ludopatia è uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 Stelle ma il divieto alla pubblicità del gioco d’azzardo presenta una serie di ostacoli politici e finanziari. La Lega di Salvini, per dire, sembra vederla in maniera diversa. Inoltre l’intero «decreto dignità» deve superare il test delle coperture del ministero dell’Economia che deve fare i conti col nodo delle risorse: sotto la lente d’ingrandimento, oltre all’addio a split payment, spesometro e redditometro, il rischio di riduzione del gettito fiscale che deriverebbe dall’abolizione di spot tv e pubblicità sui giochi.

POLEMICA. Spiega Alessio Butti, deputato di Fratelli d’Italia: «Lo Stato perderebbe miliardi di euro, almeno 8, in termini di imposte e di indotto. I mezzi di comunicazione perderebbero miliardi in termini di pubblicità. Lo sport morirebbe, perché sparirebbero sponsorizzazioni e diritti televisivi. Unico effetto positivo? Un aumento delle scommesse clandestine e del nero. Senza considerare poi la perdita di migliaia di posti di lavoro: ci sono già diverse società di betting che in queste ore stanno dialogando con altri paesi, vedi Malta, per trasferire là le proprie sedi. È a rischio la libertà imprenditoriale del Paese».

Controbatte Davide Zanichelli, parlamentare dei 5 Stelle: «Uno studio ha calcolato che l’azzardo allunga i tempi della crisi economica: con l’espandersi dell’azzardo si sono persi 115.000 posti di lavoro dirottando 20 miliardi di euro dall’economia reale e bruciando 70 milioni di ore di lavoro».

53
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Aug
Tifoso
augusto sandolo

Giusto fare così. Basta far rovinare famiglie.

Marzio
Ospite
Marzio

Boh, è vero che le scommesse hanno rovinato delle famiglie, ma anche tante altre cose fanno male o portano alla morte……….mangiare troppo grasso, bere alcool, ecc. ecc però io non voglio che lo stato mi dica cosa mangiare o mi faccia la dieta….quello che voglio dire è che siamo maggiorenni e vaccinati e dovremmo prenderci le nostre responsabilità…..mea culpa, mea grandissima culpa………..non è sempre colpa degli altri……..non sono un bambino, se ho 1000 euro e ne scommetto 500, non c’è bisogno che arrivi uno a dirmi che sbaglio e che poi non avrò più soldi per mangiare……………Ripeto BOH

Rimbaud
Ospite
Rimbaud

Eliminare il gioco d’azzardo completamente e oscurare i siti esteri di scommesse. Nel frattempo legalizzare la Maria che rilassa e da tanta gioia a tutti.

Giancarlo
Ospite
Giancarlo

lo stato da qualche anno si è accorto che il gioco è una mucca da mungere, sarebbe ora di finirla.

Stripo
Ospite
Stripo

A Preziosi e larga compagnia in verità non frega niente dei giovani, del disagio, delle malattie mentali, per loro contano solo i soldi e non importa da dove provengano e gli effetti che queste continue e diffuse pubblicità possano generare. Chiedere a Pupo. Per dirne uno.

tanque
Ospite
tanque

Bellissima notizia voto garantito anche alle prossime elezioni se tolgono anche i vitalizi. Mi accontento di poco è vero. :p

treics
Ospite
treics

Preziosi dice che togliendo la pubblicità non cambierebbe nulla? Allora se la pubblicità non serve a nulla per quale motivo queste agenzie investono così tanti soldi?

Max
Ospite
Max

Sarebbe ora.

stefano,quarrata
Ospite
stefano,quarrata

” il giorno che saranno legalizzate le scommesse inizierà la morte del calcio “….(Artemio Franchi )

Belushi
Ospite
Belushi

Bravi é un bel primo passo. Se continuate cosí a quest‘altro giro vi dò il voto anch‘io. Forza Viola

Maxino
Ospite
Maxino

A quanto ho capito non si abolirebbero le scommesse, ma solo la pubblicità. D’altronde la scritta subliminale o il messaggio vocale a velocità duplicata “Il gioco può causare dipendenza” deve sempre essere infilato in qualche modo. Pertanto, se si deve pubblicizzare qualcosa che da’ dipendenza, non vedo lo scandalo nell’abolirlo (e questo senza dover necessariamente esprimere una qualsiasi adesione politica)

Articolo precedenteCercasi esperienza europea: Chiesa baby trascinatore, Cristoforo ‘amuleto’ in partenza
Articolo successivoMilenkovic, vent’anni e un Mondiale alle spalle: Pioli riabbraccia il suo jolly difensivo
CONDIVIDI