Dal ‘quello che è cresciuto di più’ al lento declino. Biraghi va via, senza (?) rimpianti

110



Poco più di un anno fa Biraghi veniva definito da Pioli il calciatore che era cresciuto di più della sua Fiorentina. Poi il declino, fino alla cessione. Senza rimpianti, anche se Dalbert non è proprio una certezza

“Quello che è cresciuto di più è Biraghi” disse Stefano Pioli nel momento in cui la sua Fiorentina volava nel finale di stagione di due anni fa, dopo il dramma di Davide Astori. Quella rincorsa disperata all’Europa mise in mostra diversi singoli. Da Simeone a Benassi, passando per Pezzella e perfino Dabo. Ma a precisa domanda, “chi è migliorato maggiormente da inizio anno?”, il tecnico viola pose l’accento sull’ex Pescara.

Preso da Corvino per un paio di milioni, con le porte di Coverciano che si erano appena spalancate, nel frattempo Cristiano Biraghi continuava la sua ascesa. Anche se con quel mancino spesso e volentieri sbagliava cross a raffica, se spesso rispondeva in modo piccato ai tifosi sui social, o direttamente allo stadio visto che spesso veniva beccato quando era in giornata no, e ai giornalisti in sala stampa.

Già un anno fa era in uscita. Milan su tutti, ma anche Inter, si erano fatte avanti, e da lui così come dal suo entourage si percepiva la volontà di andare in palcoscenici più prestigiosi. Ma Corvino disse no a tutti. Casella difficile da riempire a modo quella del terzino sinistro. Con uno scotto del passato da evitare come quello di Alonso. Tanto criticato, ma poi esploso al Chelsea e venduto per 28 milioni che all’epoca sembravano una follia. Ma che poi si sono rivelati forse anche pochi. La Fiorentina disse no alle offerte milanesi.

Un percorso, il suo, considerato ancora in costante crescita, fino al gol con la nazionale in Nations League contro la Polonia a ottobre del 2018 come apice. Da lì il buio e la costante decrescita, sia fisica che tecnica. Quando Pioli è andato via, con Hancko che alle spalle scalpitava, Montella non lo ha praticamente mai tolto nonostante l’affanno crescesse e le sufficienze scarseggiassero sempre più.

E tra le ipotesi di rinnovo, con aumento dell’ingaggio, e le nuove sirene milanesi che son tornate a suonare, Biraghi ha scelto. Lascia, dunque, la Fiorentina. E a questa tornata non ha solamente fatto percepire di voler cambiare aria, ma lo ha proprio comunicato direttamente ai dirigenti viola. Tanto da portare Daniele Pradé a dire pubblicamente: “Biraghi vuole andare all’Inter”, cosa che non accade tutti i giorni. Tanto da portare Montella a far giocare col Monza Terzic, e ad adattare Venuti contro una batteria di esterni fortissima come quella a disposizione del Napoli.

Biraghi lascia la Fiorentina. E fin qui, poco male, se solo al suo posto fosse stato preso una certezza. Invece arriva Dalbert, che ai tempi del Nizza, due anni fa, sembrava un fenomeno, ma che a Milano ha steccato completamente. Ci guadagna o meno la Fiorentina? Sarà il tempo a dirlo. In effetti quando arrivò lo stesso Biraghi furono in molti gli scettici. E invece l’ex Pescara ha saputo tener botta mettendosi in mostra e trovando pure la nazionale.

Dal “quello che è cresciuto di più” di Pioli alla involuzione del 2019 fino alla cessione. Il tutto in un anno e poco più. Biraghi saluta Firenze, Firenze saluta Biraghi. Con la freddezza tipica di un rapporto mai decollato del tutto e che si conclude senza grandi rimpianti. A Dalbert il compito di spazzare via dubbi e incertezze. 

110
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Marino
Ospite
Marino

Non piace Dalbert, non piace Biraghi, e 109 tifosi commentano….boh!!!!!!!
Se un giocatore non interessa non si commenta nè l’acquisto nè la cessione

Cinquinus
Tifoso
cinquinus

Ciao Biraghi, a differenza di altri non hai fatto giochetti alle spalle della società per andare via, certo se non fosse trapelato la Viola avrebbe spuntato nella contrattazione con l’Inter un miglior prezzo.
CMQ preso a 2 milione e forse rivenduto a 12 milioni, non male !

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

rivenduto proprio per nulla… fra un anno ce l’abbiamo di nuovo sul groppone!!!

pallinoviola
Ospite
pallinoviola

biraghi? giocava con noi..,mah

ilV
Ospite
ilV

Regalato un giocatore della Nazionale.

Thedoctor
Member
Thedoctor

12 milioni non è regalare

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

NON ABBIAMO VENDUTO NESSUNO. FRA UN ANNO L’INTER CE LO RIVOGA INDIETRO.

Tifoso
Ospite
Tifoso

Ma davvero lo esalti perché gioca in nazionale solo perché in un momento storico in cui non esistono quasi più terzini sinistri italiani? In una delle nazionali del passato avrebbe fatto il porta borracce ad una riserva, manco ad un titolare.

Alessandro
Ospite
Alessandro

Neanche nel pontedera di 25 anni fa avrebbe giocato. Siamo seri

Buddaviola
Ospite
Buddaviola

Biraghi mi ha sempre fatto abbastanza schifo come giocatore: un de Silvestri mancino. Ciò detto, con noi si è comportato da professionista ed anche la cessione, l’ha chiesta ai dirigenti, non alle spalle della società. Dalbert è un signor nessuno dal mio punto di vista e, tirandosela, non inizia bene la sua avventura nella Fiorentina. Ora, pur partendo male, se sul campo si rivelerà un buon giocatore, pazienza che torni all’inter L’anno prossimo. Mi va comunque bene. Quel che è sicuro, però, è che se stecca non vedo l’ora di farlo morbido: si vedrà lo sviluppo della carriera di uno… Leggi altro »

Lacivettaviola
Ospite
Lacivettaviola

Quando è stato preso dal Pescara tutti i loro tifosi ci ringraziano per avergli portato via uno scarso che non sapeva neanche crossare…mi viene voglia di dire la stessa cosa ai tifosi interisti

AntonioG72
Ospite
AntonioG72

Parliamoci chiaro, qui il problema non è la cessione di Biraghi, visto che voleva andare via, ma è l’acquisto di Dalbert (acquisto per modo di dire), visto che ha dimostrato all’Inter di essere scarso forte.

Ales
Ospite
Ales

Probabilmente vincenzino e Daniele credono in una crescita sia di terzic e venuti in quel ruolo.

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

anche terzic nei movimenti difensivi è molto scarso… speriamo bene, a sinistra non ce n’è uno (anzi mezzo) che sappia difendere

Viola17
Ospite
Viola17

Finalmente una gioia…era l’ora. L’unica cosa che se il giocatore dell’ Inter fa bene da noi.se lo riprendono. Praticamente si valorizza (speriamo) un giocatore di un altra squadra. Come formula non è un granché, però se serve per non vedere più Biraghi va bene ugualmente. Era meglio prestito con diritto di riscatto o soldi in contanti.

Thedoctor
Member
Thedoctor

Ho idea che il prestito secco di Dalbert non fosse una richiesta nostra ma semmai loro. levateci di torno questo fardello. E noi gli abbiamo fatto il favore, ottenendo in cambio l’obbligo di riscatto per Biraghi. L’anno prossimo Dalbert gli ritorna indietro e noi becchiamo 12 milioni.

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Nessun obbligo di riscatto, per Biraghi si parla di diritto di riscatto. L’anno prossimo Biraghi torna a casa i 12 milioni rimarranno nei tuoi sogni.

VIOLASOUL
Ospite
VIOLASOUL

Quando un giocatore si dichiara di voler andare via, la soc. Ha poco da fare.. Ciao Biraghi e auguri, benvenuto Dalbert. Ora aspettiamo qualche altro colpo, ma se non facciamo un punticino a Genoa, la strada sarà in salita. Montella rischia di fare come nel dopo Pioli. Poi ci saranno la Juve e l’Atalanta. Insomma rischiamo di essere più forti dello scorso anno, ma sempre da decimo posto, se analizziamo le altre. Prevedo Napoli, Juve, Inter, Roma, Atalanta, Lazio, Milan, Torino, Cagliari, Fiorentina…

Foglionco
Member
foglionco

voluto dall’inter, verdremo lo scopo, quanto giocherà, ed in quali competizioni sarà impiegato.questo ci dirà se sia stata un’operazione giusta o sbagliata e aggiungo se chi lo sostituirà potrà assicurare prestazioni migliori

Madrigalista Moderno
Ospite
Madrigalista Moderno

Lo scopo si sapeva benissimo fin dall’inizio: all’Inter fa parecchio comodo per la lista UEFA, visto che è venuto su nelle loro giovanili. Non ho idea di quanto giocherà, anche se tutto si può dire di lui fuor che non possieda volontà e determinazione, quindi non mi stupirei se un certo spazio riuscisse a ritagliarselo.

Articolo precedenteACF, superata ufficialmente la quota dei 25.000 abbonati
Articolo successivoPrimavera, preso dall’Aglianese il difensore Chiti: “Contento per la nuova avventura”
CONDIVIDI