Dal Trentino all’Austria, date e luoghi di ritiro delle squadre di A

di Francesco Velluzzi - La Gazzetta dello Sport

0



moena 3

Avete una settimana di ferie? Amate il calcio? I vostri figli sono tifosi? Noi vi suggeriamo il Trentino. In sette giorni beccate sei squadre di serie A e non vi va mica male: Roma, Napoli, Fiorentina, Cagliari, Chievo e Verona.

SI PARTE Tra l’8 e il 15 luglio le beccate tutte. Dalla Val di Sole alla Val Rendena. Da Trento in auto verso le mete, cominciando da Dimaro dove per il Napoli c’è un autentico delirio. La squadra di Maurizio Sarri è di casa in Val di Sole (ma potrebbe essere l’ultimo anno) e i tifosi sono tanti. Venti giorni dal 5 al 25 luglio per vedere da vicino l’effetto che fa la squadra, sempre molto blindata, che darà l’assalto al preliminare di Champions League. Pochi chilometri e siete a Cogolo di Pejo dove il Cagliari staziona fino al 22 luglio. Pejo non è Milano Marittima come divertimento notturno, ma il sindaco Angelo Dalpez fa di tutto per rendere piacevole il soggiorno di squadra e tifosi che hanno pure un piccolo villaggio con giochi e animazione.

ROMA Pinzolo è un classico per la Roma che allestisce un divertente villaggio nei dieci giorni di permanenza. C’è stata prima la Juve, poi è toccato all’Inter, ora i giallorossi si sono stabilizzati. Sarà il primo ritiro senza Totti. Ci saranno meno tifosi al seguito? Un altro classico è Moena per la Fiorentina che ha base dall’8 al 23 luglio. E’, invece Brentonico, la prima parte del ritiro del Chievo che viene raggiunto in Trentino dai cugini dell’Hellas che hanno abbandonato Racines per Mezzano di Primiero ai piedi di San Martino di Castrozza .

JUVE, INTER E MILAN Sembrerà strano, ma i ritiri delle squadre più note sono quelli meno attraenti e meno accessibili. Perché la Juve campione d’Italia staziona solo per qualche giorno a casa a Vinovo e poi vola negli Stati Uniti. Bene che vada, se siete negli States vi godete un’amichevole di lusso. Il Milan da anni sta chiuso nella quiete di Milanello. Solo l’Inter è visibile: ancora a Riscone di Brunico, in Alto Adige. Intrattenimento e iniziative sono assicurati. Resta sul classico l’Atalanta che non si allontana da Rovetta. Non proprio St. Moritz ma ai tifosi della Dea che importa… Claudio Lotito è un patito di Auronzo che resta la meta della Lazio. Come Bormio è la casa del Torino dal 14 luglio fino al 24. Valtellina e pizzoccheri per tutti. La Samp omaggia la Lega: Ponte di Legno è ancora la sede del lungo ritiro dall’11 al 29. Ma la prima vera amichevole di A, col Verona si giocherà a Trento.

FRIULI E AUSTRIA La neopromossa Spal torna a Tarvisio. Dove chi c’è stato e rimasto ha sempre ottenuto buoni risultati, chi se n’è andato è crollato… In Carnia sperano nell’entusiasmo di tanti tifosi e promettono una serata in piazza. L’Udinese in Friuli ci sta solo una settimana, poi Delneri scappa. In Carinzia, dal 17 a fine luglio. Si è passati dalle biciclettate di Guidolin ad Arta Terme al caldo torrido di Udine con Colantuono. L’Austria è la solita meta anche per il Genoa che non abbandona mai Neustift.

GIROVAGhi Al Bologna spetta l’Oscar dei ritiro più variegato: una settimana al mare a Costa Rei ai primi di luglio. Poi la solita Castelrotto dove il 22 sale anche Luca Carboni, e gran finale a Kitzbuhel in Austria. Per sapere del Benevento o del Carpi bisogna aspettare il ritorno della finale di B, così come per il Sassuolo che lascia Malles. Prima in Emilia c’è da capire chi sarà l’allenatore. Come a Crotone, dove, però, sul ritiro hanno le idee chiare: dal 16 luglio al 4 agosto ancora sui monti calabresi di Moccone. Ha portato bene. Guai a cambiare. La scaramanzia sul ritiro conta eccome.