Dalla Primavera un sorriso per i tifosi viola. Vlahovic e Beloko strizzano l’occhio al futuro

28



Bel trionfo anche a Torino dopo la vittoria dell’andata. La Primavera regala un sorriso ai tifosi della Fiorentina

Di colpo, le finali perse dello scorso anno, sono solo un lontanissimo ricordo. La Fiorentina Primavera trionfa in Coppa Italia e la riporta a Firenze dopo otto anni. L’ultima a vincerla fu la squadra di Renato Buso, che trionfò all’Olimpico di Roma il 30 marzo 2011. Era la squadra in cui brillava la stella di Federico Carraro, nella quale emergevano Camporese, Piccini, Seferovic, Acosty e Matos. Nella Roma di De Rossi, sconfitta 3-1 in casa dalla squadra viola, gente del calibro di Florenzi, Viviani, Caprari e Ciciretti. In panchina guardò i compagni giocare niente meno che Politano.

Da quei ragazzi di allora, passiamo a quelli di oggi. A distanza di otto anni è impossibile dire che carriera avranno fatto, ma l’impressione è che qualcuno si farà per davvero. Prendete Vlahovic. Personalità da grande, grinta da adulto. Chi ha giocato il derby di Belgrado non può spaventarsi davanti al Filadelfia. Tifosi granata mai teneri con il serbo, che in tre partite stagionali gli ha fatto quattro gol. La personalità, dicevamo, non manca. Palla sul dischetto, cucchiaino morbido che di più non si può. Mano all’orecchio e via verso il centrocampo. Difficile dirgli qualcosa, anche se qualcuno ci ha provato scatenando una mezza rissa. In tandem con Montiel funziona che è una meraviglia. Il talentino spagnolo ha inciso meno: questione di fisicità e di abitudine a giocare certe partite.

L’occhio, inoltre, lo ha riempito Beloko. Centrocampista universale, a tutto campo. Acerbo tatticamente, ma con un potenziale enorme. Fondamentale per la Fiorentina, Bigica ne è calcisticamente innamorato. Ha già fatto il ritiro di Moena dello scorso anno con la prima squadra, a luglio partirà senz’altro con Montella. Ha bisogno di lavorare e maturare, ma gli addetti ai lavori sono pronti a scommettere sul suo futuro.

Chi gongola è mister Bigica, che la Coppa Italia l’ha vinta anche da giocatore quando vestiva la maglia viola. Emozionato fino alle lacrime in sala stampa al termine della partita, quando gli è stata posta una domanda su Lakti, uomo simbolo del lavoro di Bigica in questi anni. Sulla panchina al Filadelfia avrebbe potuto non esserci. La giornata di martedì l’ha definita un “frullatore”, perché le vicende della prima squadra potevano anche concludersi con il suo arrivo in panchina. Giusto, invece, lasciarlo con i suoi ragazzi per completare una stagione che può diventare importantissima con le finali Scudetto.

Ed a gongolare, infine, è anche la società. E’ risaputo quanto i dirigenti viola tengano al settore giovanile. E’ vero che la cosa più importante è la crescita dei talenti da consegnare alla prima squadra, ma qualche trofeo ogni tanto fa piacere. Corvino ieri sera ha festeggiato il tredicesimo titolo giovanile personale, mentre la Fiorentina torna a vincere un trofeo dopo anni (senza contare quelli della squadra femminile), seppur a livello giovanile. La speranza è che il trionfo di ieri sera sia di buon auspicio anche per la prima squadra. Nel frattempo i tifosi viola si sono potuti godere una dolce parentesi giovanile. Da oggi si tornerà a parlare di striscioni, contestazioni e della prima Fiorentina del Montella bis, che domani scenderà in campo contro il Bologna.

28
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Jepz
Ospite
Jepz

Quelli bravi devono giocare subito in prima squadra. No 10 minuti, titolari subito x le prossime 7 partite. L ajax ha fatto giocare ne quarti d cl un ragazzo del 2000. Inutile fare la muffa nella primavera che diciamo la verità, conta solo se tiri fuori qlc buon giocatore.

Bobbo
Ospite
Bobbo

Purtroppo fra la serie A e la Primavera c’è un abisso! Comunque l’importante è che almeno 2-3 giovani siano provati in serie A l’anno prossimo senza due tre anni in prestito a scaldare le panchine di serie B o Lega Pro dove fanno le riserve di 38enni che arrotondano la pensione. La vera differenza fra l’Ajax e noi è questa!!! Lì i giovani prima li fanno giocare in serie A e solo dopo decidono se hanno bisogna di andare in prestito!!!!

Unoviola
Ospite
Unoviola

Redazione…Ma se sto scrivendo lentamente. Boh.. riprovo. Naturalmente siamo tutti entusiasti e orgogliosi dei giovani della primavera. Soltanto che mentre leggevo estasiato le gesta dei nostri giovani talenti…mi è balenata all improvviso nella mente un immagine che ho subito cercato di cancellare…: i DDV insieme a Corvino e Cogni, che stavano festeggiando la coppa, brindando alle future plusvalenze. Ovvio che si tratta solo di una mia paranoia. Però al momento mi ha dato un po’ fastidio. Saluto e ringrazio i giovani della primavera.

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Non so quanti di questi avranno un futuro ma faccio una considerazione. Dalla Primavera sono usciti per fare carriera solamente italiani per germinazione spontanea del vivaio: Bernardeschi, Chiesa, Zaniolo, Mancini, Piccini i top più buone carriere professionistiche per Venuti, Iemmello, Ranieri ed altri. Quasi TUTTI gli stranieri comprati a caro prezzo per la Primavera da Corvino hanno fallito, esattamente come i “fenomeni” presi per la prima squadra.

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Ryder Matos sta avendo una carriera non inferiore a Venuti e Iemmello, Babacar molto superiore. Seferovic sta almeno al livello di Piccini. Nastasic quando è venuto aveva l’età per giocare in primavera ma è stato utilizzato subito in prima squadra.

tostotosco
Ospite
tostotosco

oggi vi girano girano girano oh come vi girano. andare pure in giro ad attaccare le lenzuola ma di notte come i topi

Alex
Ospite
Alex

Ora i più forti tutti via gratis per non aumentargli lo stipendio di 10000 euro l’anno e compriamo 10 giocatori stranieri a 500000 euro l’ultimo giorno di mercato a caso. Ved. Piccini, Mancini, Zaniolo ora tutti e tre in nazionale.

jerac
Ospite
jerac

Impressionante Beloko per dinamismo e furore agonistico: in partita sembra che riesca a sdoppiarsi ed essere presente in tutte le zone del campo. Non è un regista puro ma se la cava più che discretamente nella costruzione della manovra, e come se non bastasse l’enorme mole di lavoro svolto come incontrista sa anche affondare palla al piede e può essere utilizzato pure come mezzala offensiva. Proviamo ad immaginare un giocatore così al posto dello spento, moscio, inconsistente, nullafacente Benassi: di quanto ne gioverebbe il centrocampo sul piano della solidità e del dinamismo?

Attanasio
Ospite
Attanasio

Ma i lenzuolai che li ruberanno in casa le lenzuola oppure le compreranno?

Mau 46
Ospite
Mau 46

Ora speriamo che Corvino , in uno dei suoi sempre più frequenti lampi di lungimiranza , non li regali tutti! Non sarebbe la prima volta!

Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

GRAZIE Bigica!!!GRAZIE Ragazzi!!!Finalmente una GIOIA!!!!!

tomcat
Ospite
tomcat

Grazie giovani leoni VIOLA ed ora sotto al campionato primavera da vincere. Spero che Montella porti in panchina Vlahovic Montiel e Beloko, anche per farli sentire considerati. Sono giovani e anche se hanno giocato ieri sera recuperano presto, per uno spezzone di partita ne vorrei vedere almeno uno in campo domani

marco mugello
Ospite
marco mugello

Vlahovic, altro goal sempre, sempre imparabile di un tiratore rapidissimo e infallibile, su rigore alla Totti con uno scavetto lentissimo che non arrivava mai, e il portiere per terra a guardare… conquistato con un’azione prima fisica fra giganti, poi tecnica in dribbling facendo sparire la palla al difensore del rigore. Forse un pelino lento è, ma è un appena oggi 19enne pesante per la stazza da Toni, ed è oggi un tiratore a livello di Muriel, prende al volo il birillo che sceglie.….la forza e la rapidità di un gigante cresce fino alla maturità calcistica, Toni a 23 anni voleva… Leggi altro »

thomas
Ospite
thomas

lasciamoci scappare anche questi giovani, invece di inserirli insieme a qualche giocatore esperto che creino l’ossatura di base

Matteo
Ospite
Matteo

Chi gli ha fatto la differenza sono Koffi e Vlahovic il resto va poco lontano.

Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

Beloko non lo hai visto????Peccato!!!!!!!!!

Drummer
Ospite
Drummer

Speriamo che il sorriso continui con la coppa Italia femminile e magari con quella della prima squadra! Ed infine con un ravvedimento dei DV che puntino stabilmente ad un piazzamento fra i primi ed ad un rafforzamento costante della squadra oppure si decidano a passare la mano!

tifoso dal 1950
Ospite
tifoso dal 1950

Personalmente oltre ai soliti mi é piaciuto molto Koffi finché é rimasto in campo. Bravi Ragazzi, era ora che veniste premiati.

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Quanti di questi ragazzi arriveranno in prima squadra? Tolto Vlahovic che già è da prima squadra io dico che tra Beloko, Koffi e Montiel almeno uno o due ce la possono fare. Qualche speranza la do anche agli italiani che sono a lenta maturazione (vedi Chiesa), tra Ghidotti, Brancolini, Ferrarini, Ponsi e i due Pierozzi spero che almeno uno possa venire fuori. Se ne venissero fuori 2 (oltre a Vlahovic) già sarebbe un bel risultato.

Francesco Londra
Ospite
Francesco Londra

Chiesa lenta maturazione? Ha esordito in A a 18 anni…ma di che parli?

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Chiesa ha terminato il ciclo della primavera, dove per inciso era la riserva di Minelli, e l’anno seguente ha esordito in serie A. Vlahovic e Montiel hanno esordito in serie A l’ultimo anno di primavera. Effettivamente quello che ho detto suona male, comunque l’ultimo anno di primavera nessuno metteva Chiesa tra i papabili giocatori di prima squadra come Beloko, Montiel, Koffi e Vlahovic, stessa cosa che auspico per uno tra Ghidotti, Ferrarini, Ponsi, Pierozzi.

Mswmel
Tifoso
mswmel

La società si gongola per le future plusvalenze….

Antonio4e8a
Tifoso
Antonio Rossi

Mavvaff.

Mike71
Ospite
Mike71

Taci ha ragione lui

docrob
Ospite
docrob

Taci? Ducetto, occhio che si finisce per vedere il mondo alla rovescia.

docrob
Ospite
docrob

Capisco che la battutina malevola è dettata dal livore per la coppa vinta che ti e vi fa rosicare, c’è però da dire, e lo dico da tifoso interessato ai destini della squadra, che nella realtà è andata peggio di quel che dici. Le plusvalenze sono state fatte con giocatori della prima squadra, non con i primavera, Chiesa a parte, che peraltro è ancora da vendere, e Babacar. I plurinominati come Zaniolo, Mancini e Piccini sono stati dati via bambini o senza realizzare un concreto guadagno, come nel caso Piccini che con 2 milioni poteva essere “recomprato” avendo a disposizione… Leggi altro »

ferrante
Ospite
ferrante

poveretto

Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

Ci vogliono fiumi di Maalox per toglieti l’acidita provocata dalla Nostra Vittoria.

Articolo precedenteBigica: “Squadra coraggiosa. Più gratificante vincere da allenatore” (VIDEO FI.IT)
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI