Dario Dainelli ed un futuro che, prima o poi, si ri-colorerà di viola…

    0



    DainelliDue giorni e mezzo alla chiusura del mercato. La Fiorentina ha fatto subito quello che doveva fare (prendere una punta da schierare al centro dell’attacco, più un centrocampista di livello internazionale) e adesso è al lavoro per completare la rosa e per mandare a giocare tutti quegli elementi che non trovano spazio nelle idee di Montella (Vecino è praticamente già del Cagliari in prestito con diritto di riscatto di metà cartellino). La caccia al difensore, però, continua inesorabile. Il nome di Diakité è ancora quello in cima alla lista di Pradè, un po’ perché da centrale si può trasformare anche in terzino destro e soprattutto perché fisicamente è una specie di colosso, che Montella ha richiesto da tempo. Chili e centimetri per la sua difesa, da sfruttare soprattutto nel gioco aereo. La trattativa per Diakité, se andrà in porto, si sbloccherà solo nelle ultime ore, presumibilmente da domani in poi. La Fiorentina sta ancora sondando il terreno per qualche altra candidatura top secret e se dovesse riuscire nell’impresa di fare un regalo più prestigioso a Montella potrebbe anche mollare il difensore del Sunderland. Il capitolo Dainelli merita una riflessione a parte. La speranza non è ancora svanita del tutto, anche se nelle ultime ore trapela un pessimismo piuttosto netto (pare che il club veneto stia per proporgli un rinnovo). Tutto dipende dal Chievo, se Corini dovesse dare il via libera in tempo, per l’accordo con la Fiorentina servirebbero pochi minuti. Anche perché qualche parola è già stata spesa con il centrale toscano. Ok sei mesi di contratto come calciatore, ma nel futuro di Dainelli c’è soprattutto una mezza promessa di un ingresso in società. Dario sembrerebbe interessato a fare l’allenatore in futuro (non il dirigente) ed ecco che una panchina del settore giovanile viola potrebbe davvero essere sua. Un’intesa ad ampissimo raggio, che comunque dovrebbe andare in porto, in ogni caso, quando il difensore appenderà le scarpe al chiodo.