Dati positivi e scarsa serenità ambientale. In tutto ciò la Fiorentina si gioca presente e futuro

40



La Fiorentina si gioca la permanenza in Serie A. Il rischio B è concreto. Ma il destino è nelle mani dei viola

La gara del Tardini potrebbe porre fine ad una prima parte di 2019 da incubo e dare il via alla tanto auspicata ripartenza (quale? ancora non si è capito, nè tanto meno come). Oppure prolungare ancora l’agonia nella quale è piombata un’intera piazza che a inizio anno inseguiva l’Europa e che adesso è ad un passo dal baratro.

Molto dipenderà anche dalle altre. Perchè che ne possa dire Montella, che in questo suo lasso di tempo alla guida dei viola ha rimediato solo 1 pareggio e 5 ko tra campionato e Coppa Italia, i dati positivi citati in sala stampa non convincono affatto. La Fiorentina vista in queste ultime giornate, fatta eccezione per qualche sprazzo di gioco a Torino con la Juve e al Castellani di Empoli, è apparsa un’accozzaglia di giocatori con la testa altrove.

L’ambiente ha paura per questo. Mentre le concorrenti per la salvezza sono sembrate vive, la Fiorentina non ha dato nessun segnale incoraggiante. Non segna nessuno, dietro sono stati commessi pochi ma decisivi errori, e la classifica fa paura. Poco male, la Fiorentina ha ancora nelle proprie mani il proprio destino. Vincere contro il Parma non sarebbe certo impresa da segnare negli annali alla voce imprese titaniche. Ma in questo momento, la squadra vista nell’ultimo mese, potrebbe fare fatica a battere chiunque.

Perchè anche quel vantaggio che si era potuto prendere la società con l’avvincendamento in panchina tra Pioli e Montella, avvenuto in malo modo ma comunque con largo anticipo sul finale di stagione, è ormai svanito. Perchè tra contestazioni, lettere, flashmob, e soprattutto sconfitte a raffica ad essere in pericolo sono sia il presente, con la salvezza ancora non centrata, ma anche il futuro.

Come tutto questo sia potuto accadere qualcuno lo dovrà spiegare. A fine stagione. Come detto  (senza spiegare come) anche nella lettera di Diego Della Valle. Prima c’è da mantenere la categoria. Per questo Firenze si stringerà attorno alla Fiorentina. Il futuro resta di difficile decifrazione. Prima di tutto c’è il presente.

40
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Viola45
Tifoso
Il Puffo

Ecco Bigiotti, dopo la sconfitta di Parma siamo all’ultima spiaggia!! Provo a fare un po’ di fantacalcio. La dirigenza Viola non è soddisfatta di Pioli. Quindi il Trainer va sostituito (secondo DDV che è il responsabile della scelta), ma perché non fargli finire il campionato mentre con il futuro tecnico si puo’ gia’ programmare con tutta calma quali atleti la Fiorentina intende tenere e quali posso essere sul mercato. Inoltre si dovrebbe avere le idee chiare su chi potrebbe vestire la maglia viola. Che senso ha cambiare tecnico a 9 giornate dalla fine? Non si rischia di creare squilibri nei… Leggi altro »

claudio
Ospite
claudio

Ecco qua.. Mo la colpa è dei tifosi. Non che è stata fatta una squadra sbagliata come ruoili e come giocatori. Il fatto che a metà campionato eravamo 10 non lo ricorda nessuno? e che la contestazione è stata solo nelle ultime 3 partite??

Leo
Ospite
Leo

Ma di cosa si ragiona?
Le due sorelle marchigiane ci stanno umiliando….
Hanno vinto più di noi la spal i Cagliari i Sassuolo…s’e’ vinto 8 partite su 38 …paura e vergogna in quel di cassette d’ete.

mammamia!
Ospite
mammamia!

Problemi all’apparenza non ce ne sono, Parma ed Empoli sono due squadre di Serie inferiore, staccare loro di un punto non sarà trascendentale e quindi rifaremo la serie A. Ma se si chiede il conto finale alla Viola ecco che appare evidente che sia Pioli che il 70% della squadra era ed è terriccio di bosco, il primo dovunque è andato ha fatto ridere e mai le sue squadre hanno giocato al calcio, la squadra è stata fin dall’inizio una assemblaggio di scarsi, senza un gioco logico, senza un’apparente voglia di emergere che ha “ballato” tutta la stagione sulla scomparsa… Leggi altro »

PPincopallino
Ospite
PPincopallino

La tifoseria non ha nessuna colpa, se la fai divertire applaude, altrimenti fischia, siccome qui sono tre anni che non ci divertiamo si contesta. Facessero squadre decenti, cazzaburri.

Gerry
Ospite
Gerry

Sentite me ! Andare in B è meglio e si guadagnano un casino di soldi. Questa è la strategia societaria.

claudio
Ospite
claudio

GErry hai detto una cavolata. Si guadagno molti piu soldi se rimani in a

Zorro
Ospite
Zorro

Una squadra di calcio è lo specchio della Sudan proprietà. Sempre. Serve altro per capire ?

CONTRO UE
Ospite
CONTRO UE

Il futuro è certo, senza marchigiani….
VIA I DV DA FIRENZE!!!

roberto
Ospite
roberto

Dentro TERRACCIANO è una sicurezza
lafont in panchina, non è il caso di rischiare

Gaetano
Member
Gaetano

Troppe cose dovrebbero accadere affinché la Viola vada in B (due vittorie dell’Empoli, due sconfitte della Fiorentina, Udinese positiva a Cagliari), davanti al proprio pubblico poi… Quindi accantoniamo questo discorso, perché la Fiorentina deve vinvere queste due partite abbordabili contro due squadre sterili perché è la Fiorentina e basta!

Articolo precedenteSerie A, 37a giornata: Sassuolo-Roma 0-0 finale
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI