DDV: “Nuovo stadio in stile-Bayern. Galliani e la Juve…”

    0



    Diego Della ValleIl patron Tod’s Diego Della Valle ha parlato a Radio24 affrontando tanti temi, tra i quali ovviamente le tematiche di casa viola e la questione stadio: “Fiorentina, passione o marketing? Io ero un interista con passione fiorentina. I miei idoli erano Corso ed Hamrin. Poi un giorno una persona che io conoscevo poco ma stimavo, l’allora sindaco di Firenze, Dominici, io l’ho chiamato e gli ho detto: “Guardi, se vuole siamo pronti, poi la squadra se vuole gliela ridiamo tra qualche mese”. Poi la squadra l’abbiamo tenuta (ride, ndr). Stadio? Noi non guardiamo al modello Juventus, ma al tipo-Fiorentina, stiamo provando a farlo. Il mio modello è quello del Bayern Monaco. Nardella? Stanno già lavorando con i nostri, se riusciamo a farlo è un servizio per lo stadio ma anche per la città. Nardella lo conosco poco, lo conosce meglio mio fratello. Però mi piace, è giovane, ha una bella faccia, parla bene, mi sembra una persona per bene. Rivalità Fiorentina-Juve? Ce n’è molta di più che tra me e Elkann. Cos’ha la Juve che la Fiorentina non ha? Direi il budget, forse tre volte il nostro. Noi ci accontenteremmo del doppio. Se ci arriveremo? Dipende da tante cose, non tanto dallo stadio ma da cosa ci costruiremo intorno. Il mio ingresso nel calcio? Abbiamo visto subito delle cose che non tornavano, come ad esempio i diritti televisivi, portati avanti in modo casereccio. Poi soprattutto gestito dai soliti noti. Galliani? È un grande dirigente di calcio, lo conosco da anni. È talmente bravo che tenta sempre di farsi gli affari suoi. Il calcio è corrotto? Nel calcio c’è un po’ di tutto, sempre meno per fortuna. Noi abbiamo vissuto Calciopoli con grande sofferenza, ma sono convinto che cambiando ancora 2-3 presidenti riusciremo a fare buon calcio”.