De Sisti ci crede: “Questa sembra la Fiorentina ye-ye. Chiesa top player, Pjaca come Zola, Mancini e Totti”

34



Su La Gazzetta dello Sport si elogia la nuova, giovane Viola di Pioli. Parla Picchio De Sisti, che riporta alla mente la Fiorentina ye-ye.

Innamorati dei giovani. E’ sempre stato così nella storia del club viola. Lo scudetto vinto dalla Fiorentina ye-ye è un’impresa che continua a emozionare. Anche se sono passati quasi 50 anni. I Della Valle hanno deciso di riproporre questa filosofia calcistica. La squadra di Pioli ha l’età media più bassa del campionato. Fresca e talentuosa. Con un tridente Chiesa-Simeone-Pjaca che potrebbe diventare una delle storie più intriganti della serie A. Picchio De Sisti era l’anima della Fiorentina ye-ye. Il regista capace di esaltare con le sue geometrie i contropiedi di Cavallo Pazzo Chiarugi o i colpi d’artista di Amarildo. «Valorizzare i ragazzi di talento – osserva De Sisti – è sempre stata una missione per la società viola. Firenze sa aspettare e sa far crescere i suoi gioiellini. Veder trasformare in campioni giovani come Batistuta, Baggio o Rui Costa è stato per i tifosi viola come vincere tanti piccoli scudetti».

Il prossimo in rampa di lancio è Chiesa? «Tra due anni può diventare un top-player. E uno dei simboli del calcio italiano. Federico unisce forza e talento. Può fare il tornante, l’esterno d’attacco, la seconda punta. Se riuscirà a essere più freddo in fase conclusiva andrà sicuramente in doppia cifra. Qualsiasi allenatore vorrebbe allenarlo. Sono ragazzi come lui che riportano la gente allo stadio».

La Fiorentina ha un altro figlio d’arte, Giovanni Simeone«Un cognome pesante. All’inizio c’era qualche sospetto sul suo reale valore. Lo ha spazzato via. Gli ho visto andare a segno all’Olimpico contro la Roma spostando uno come Manolas. Certi gesti sono veri e propri esami di maturità. Il Cholito vale una ventina di gol ed è bello che sia stato convocato in nazionale. Mi piace anche che abbia sempre evitato paragoni con Batistuta. Se alzi l’asticella a quel livello hai perso prima di cominciare».

La terza punta del tridente viola sarà Pjaca. «Piacerà ai tifosi perché è elegante in ogni gesto tecnico. Firenze ama il bello. Non mi sorprende neppure che abbia scelto la maglia numero 10. In qualcosa ricorda fenomeni come Zola, Mancini o Totti. Trequartisti diventati attaccanti. Penso che a Pioli basterebbe che Pjaca diventasse la metà dei campioni che ho citato. La Fiorentina ha un tridente che vale da solo il prezzo del biglietto».

Un tridente che può trascinare la squadra viola a quali obiettivi? «L’Europa League è un traguardo alla portata».

Torniamo ai talenti della Fiorentina: nel campionato d’agosto ha incantato Lafont. «Che numeri ha il francesino. Vorrei ricordagli che la Fiorentina ha una storia di portieri-fenomeno. Da Sarti a Albertosi; da Toldo a Galli. E tra gli ultimi il suo connazionale Frey. Lafont dovrà prendere forza dalle imprese dei suoi predecessori».

In difesa c’è il gioiellino Milenkovic e capitan Pezzella. «Che non è giovanissimo ma che è un vero leader. Pezzella può aiutare questa Fiorentina a crescere bene. Milenkovic è un difensore vecchio stampo con un atteggiamento mentale da difensore moderno. Un cocktail fantastico».

A centrocampo è arrivato Gerson. «Nella Roma faceva l’esterno d’attacco, Pioli lo propone da mezzala. Ha corsa, tecnica e può segnare diversi gol».

E Veretout? «Lui è il guerriero. Quello che non si arrende mai. Visto che può coprire tanti ruoli è l’immagine perfetta del tuttocampista. E mi piace anche Benassi. Di cui si parla poco».

In cabina di regia c’è Pioli. «Sa gestire il gruppo e lavora sui dettagli. Non si atteggia a fenomeno. Mi piace».

Chi regalerebbe della sua Fiorentina ye-ye alla Fiorentina di oggi? «Tutti e nessuno. La mia Fiorentina era solida e ricca di valori in ogni reparto. Da Superchi in porta al bomber Maraschi passando per il trio di centrocampo costituito dal sottoscritto, Merlo e Esposito. Partimmo senza grandi obiettivi e vincemmo lo scudetto. Noi eravamo un gruppo-famiglia e questa Fiorentina, dopo la tragedia di Astori, è diventata un blocco unico. Con una missione: riportare la Fiorentina in Europa».

34
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Montuori48
Ospite
Montuori48

Grande centrocampista, grande geometria,ricordo l’anno dello scudetto quando Haller ti alzò la mano mostrando al pubblico del Comunale tua bravura, ! Li ho visti giocare tutti i numeri dieci e tutte le grandi ali…peccato per quella pollonata all’occhio che ci privò di un grande campione tanto che mi permetto di usare come nick name !

tanque
Ospite
tanque

Ciao Giancarlo (Picchio) sperando che tu legga questo messaggio, ti ricordi le nostre belle chiaccherate in vie Repetti, insieme all’Interista.. Erano belle e simpatiche!!! un abbraccio Mario (QUELLO VERO)…

Turco
Ospite
Turco

Grande Picchio. Grande calciatore capace di unire classe, tecnica e tantissimo fosforo. Grande allenatore, a mio parere ha fatto vedere il miglior calcio mai giocato a Firenze, la sua Fiorentina, quella dei primi anni ottanta, a livello di organizzazione in campo era avanti anni luce per quei tempi. Grande uomo, sempre pacato, educato, rispettoso e umile, ma sempre determinato..FORZA VIOLA SEMPRE

Osservatorio (calcistico) di Arcetri
Ospite
Osservatorio (calcistico) di Arcetri

Grande Picchio!
Sono contento che tu dia un segnale di ottimismo dicendo “Pjaca pjacerà” 😆

Isolotto
Tifoso
isolotto

Ciao Giancarlo (Picchio) sperando che tu legga questo messaggio, ti ricordi le nostre belle chiaccherate in vie Repetti, insieme all’Interista.. Erano belle e simpatiche!!! un abbraccio Mario…

SATANELLO VIOLA
Ospite
SATANELLO VIOLA

GRANDE PICCHIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO…..E SE U TE NE’ INTENDI TE,,,,,,,,,,,,,,,,, CHI SE NE INTENDE …..IL GOBBO DI SOTTO CHE SCRIVE POSA IL FIASCO MAGARI DIGLIELO AL LIVORNESE DELLA TUA SQUADRA ,,, SENZA NULLA TOGLERE AI SUOI CONCITTADINI CHE MI SONO SIMPATICI….

Stefano
Ospite
Stefano

Ti ho visto giocare per molti anni, ecco alla fiorentina manca proprio uno come te

LEMAC
Ospite
LEMAC

Ye ye calcisticamente parlando starebbe ad indicare…..

Pierino
Ospite
Pierino

Non scherzare .. solo maglie viola in questo sito!!!!!

FORZA VIOLA SEMPRE

Ponzio
Tifoso
Ponzio

Staffetta Mazzola e Rivera, invece lui giocava sempre! Grande Picchio

Lucabilly1963
Tifoso
lucabilly1963

Quando parla Picchio De Sisti mi emoziono sempre. Si mangio` una pizza alla Greppia con lui e Amarildo due giorni dopo lo Scudetto. Gente incredibile.

Franco
Ospite
Franco

Ora…Piaca come Zola o Totti mi pare un filino troppo….ancora nno sta nemmeno ritto….se fa due gol chi è, Maradona?Van Basten?

Lucky
Ospite
Lucky

Quanti bei ricordi. Vivo a Roma, ho 70 anni e amo la Viola da più di 50. Per 2 anni ho fatto l’abbonamento allo stadio (il primo in tribuna, ma non mi piaceva, per cui l’anno successivo sono andato a godere in Fiesole). Il terzo anno purtroppo non ce l’ho fatta, era una cosa oserei dire massacrante, in due anni fra campionato e coppe più di 50 presenze con relativi pernottamenti per i posticipi serali, i miei amici allo stadio mi avevano soprannominato ‘L’Eroe’. Mi scuso per la digressione e torno al nostro Giancarlo. Picchio, prima di trasferirsi a Firenze,… Leggi altro »

Marco
Ospite
Marco

Queste dichiarazione sembrano il copia/incolla dell’anno scorso di questo periodo.

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

Vabbè Picchio, una bestiemma detta da te si può anche accettare. Tu sei uno dei pochissimi che può dire tutto e di più.

Etruscostagionato
Tifoso
l'etrusco

chi gli ha messo il pollice verso ?

Vlada Putin
Ospite
Vlada Putin

ringambone eri da giovane e ringambone sei rimasto…ai sui social

Rocco54
Ospite
Rocco54

vedendo i pollici all’ingiù che ti hanno dato mi chiedo chi frequenta questo sito.
o non-viola o, peggio, viola sì ma bambini grulli.

Rocco54
Ospite
Rocco54

fosse vero, grande Picchio.
la “tua” Fiorentina da giocatore fu una magia o se preferisci un miracolo; fu grazia e determinazione, un’alchimia irripetibile di vigore giovanile e saggezza, tu l’esempio.
la “tua” Fiorentina da allenatore, quella del 3° scudetto RUBATO, era piena di pezzi da 90.
io lo sostengo da tanto tempo e lo dirò SEMPRE: se non ci rubavano quello scudetto TU saresti stato il PIU’ AMATO in assoluto nella storia viola.

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

Credo che sia ugualmente il più amato unitamente ad Uccellino, ad Antonio e al Re Leone.
E per la sfortuna che ha avuto (oltre che per la sua bravura) porto nel mio cuore il mai troppo rimpianto Miguel Montuori.

Rocco54
Ospite
Rocco54

d’accordissimo Pecos

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

👍👍👍

IlMilanese
Tifoso
Il milanese

L’hai mai visto giocare?

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

Pochissimo (e non dal “vivo”). Me lo ricordo in filmati fine anni ’50 ed inizio anni ’60 (58/61) quando le trasmissioni sul calcio (oddio più che trasmissioni erano, per l’appunto, dei filmati) si esaurivano in due sintesi (a fine telegiornale delle 20;00) delle partite che si erano disputate a Milano e a Roma ed una trasmissione che (mi sembra) si chiamasse “Lunedì Sport” che, per l’appunto, andava in onda intorno alle 17/18 del lunedì.
Ma rimasi molto colpito (pur essendo poco più che un bambino) dall’infortunio all’occhio che lo costrinse prematuramente a smettere con il calcio.
A conferma della nostra incommensurabile sfiga!!!

Gaetano
Member
Gaetano

Grande Picchio, come uomo, giocatore, allenatore, critico di calcio. Un paio di osservazioni: 1) Firenze ha visto crescere, e ancora se lo coccola da anziano, il giovane Antognoni, il giovane viola più grande di sempre, e che tutto ci ha dato di se stesso. Quello che avanzava palla al piede, prima che lanciasse con precisione a 40 metri oppure tirasse una sassata in porta, con testa alta e la chioma al vento con l’eleganza e la potenza di un… Varenne 2) A questa Fiorentina manca, per essere competitiva per i primi tre posti, De Sisti, Amarildo, Brizi e Superchi (speriamo… Leggi altro »

veret17
Ospite
veret17

Posa il fiasco Picchio!!!!!!!

Pantuffle
Tifoso
Il terzo walter

Gli garba anche benassi

STEFANO
Ospite
STEFANO

Certo, te sarai molto più esperto e competente di uno che ha giocato una ventina di anni in serie A, decine di partite in nazionale, ha vinto uno scudetto e una coppa Italia, ed ha anche allenato in A per qualche anno,oltre a fare il dirigente. Mi piacerebbe cconoscere il tuo curriculum calcistico,perche devi essere un fuoriclasse di sicuro.

Pantuffle
Tifoso
Il terzo walter

Mi piace come ragioni: allora basta prendere tutti i bacucchi con 50 anni di calcio alle spalle, lì si mette a allenare la pro Vercelli e vincono lo scudetto uguale. Fava

Marcochef
Ospite
Marcochef

Questo significa avere una squadra nel cuore.

VIOLASOUL
Ospite
VIOLASOUL

Da tifoso, vedo la Fiorentina dietro 9-10 squadre, riguardo il gioco ( qui Pioli dimostra i suoi limiti); è squadra giovanissima, fin troppo; nelle prime partite (forse più abbordabili) mancheranno gli uomini chiave (Pjaca e Varetout); in avanti si segna poco. Tante incognite che solo il campo potrà dissolvere. Ancora è prematuro sputare sentenze, ma dopo la partita contro il Napoli potremo capire meglio se siamo da dietro le top o solo davanti alle ultime. Unica certezza, In un caso o nell’altro, il mio sostegno ci sarà sempre. FV

Kikubaby
Member
Kikubaby

Ottimista però!! 🙂

Gaetano
Member
Gaetano

Fino a un certo punto. L’anno scorso al Napoli abbiamo tolto 5 punti, e siamo arrivati ottavi. Il campionato con 38 partite è una maratona, e sono sempre 3 punti sia che giochi contro il Cagliari a Firenze che a Roma contro la Roma. Questo deve capire una grande squadra, perciò la Juve ha vinto lo scudetto e il Napoli lo ha perso.

Socrates
Ospite
Socrates

Quali sono le squadre cui siamo dietro scusa? Juve, Roma, Napoli, Inter, Milan, Lazie forse … eppoi? Immagino che tu consideri Toro Samp ed Atalanta più forti di noi. Non sono d’accordo lo scorso anno ipotizzai un piazzamento tra il 12-14 posto. Quest’anno dal 7.mo in su. Possibile che scoppi la Lazie oppure che l’Inter continui a deludere. Abbiamo una difesa collaudata ed un portiere fortissimo. Il centrocampo va inquadrato ma di calciatori bravi ve ne sono. Davanti Chiesa e Simeone rappresentano una certezza è Pjaca una scommessa ma solo per quel he riguarda le sue condizioni fisiche. Se tornasse… Leggi altro »

Articolo precedenteAbbonati: l’obiettivo è 18.500 tessere. Con il Chievo 23-25 mila spettatori
Articolo successivoPioli non cambia la difesa. Due ‘nuovi’ a centrocampo contro il Chievo
CONDIVIDI