De Zerbi: “Babacar parte dietro Boateng ma è uno di prima fascia”

6



© Alessandro CASTALDI

Il tecnico del Sassuolo sprona l’ex attaccante della Fiorentina che ancora non riesce ad essere titolare

Roberto De Zerbi, tecnico del Sassuolo, in conferenza stampa ha parlato anche di Babacar: “E’ da considerare al livello dei titolari anche se parte leggermente dietro Boateng.

Gli ho parlato e l’ho convinto a rimanere perché per me Babacar è un attaccante di prima fascia e può giocare anche insieme a Boateng“.

Nelle prime due giornate di campionato Babacar ha totalizzato solamente 16 minuti di gioco.

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
francesca
Ospite
francesca

Con Gomez Babacar fanno un bidone al quadrato

Ponzio
Tifoso
ponzio

Forza Baba, tieni duro. Secondo me le sue reti può farle, anche nell’ultima partita è stato lui a causare i rigore e se lo avesse tirato avrebbe fatto il suo meritato golletto rispetto a Boa che ritengo un fenomeno solo mediatico e molto pacco.

gioranda
Ospite
gioranda

Mi ricorda Desolati……..stettero 10 anni ad aspettare che esplodesse……….

marco mugello
Ospite
marco mugello

Forse Babacar è un antipaticone monomaniaco, vive per il goal… oggi in Italia i centravanti devono cantare, portare la croce, rientrare, svariare, portare il caffè all’allenatore…non mi riferisco a Pioli, assolutamente…credo che lui prenda solo il the rigorosamente alle 5, con due biscottini inglesi purosangue… l’unico che in Italia sbaverebbe per lui è l’allenatore della Spa, emergente bravissimo che lo conosce bene e sa come usarlo… tenerlo li fisso e riscuotere un goal ogni patita e mezzo. matematico!

Rocco54
Ospite
Rocco54

e pensare che a Firenze c’era gente che sbavava per questo palo della luce, vero Marco-mugello?

marco mugello
Ospite
marco mugello

Hahaha..! Questa non me l’aspettavo… Grazie per avermi ricordato, per noi vecchietti/vecchiacci c’è il timore folle di essere dimenticati prima della rottamazione… Babacar è un superspecializzato che non ha trovato il suo pigmalione, ma il caso Rebic indica che è bene mai dire mai… Non è un attaccante moderno, è uno che sta in agguato ma segna tanto e fa assist…per minuti, tanti goal e rigori provocati… anche quest’anno, 16 minuti o giù di li, ma comunque un rigore per una mano su un tiro che finiva in rete…

Articolo precedenteCairo: “Mi piaceva Ljajic ma ha deciso di andar via”
Articolo successivoD’Anna, Chievo: “La sconfitta di Firenze ha lasciato delle scorie. Le colpe le prendo io”
CONDIVIDI