Della Valle e De Laurentiis, amici e soci ma non sempre uniti dal sorriso

Di Vincenzo D'Angelo - La Gazzetta dello Sport

5



Come riporta La Gazzetta dello Sport, amici e soci in affari, per loro stessa ammissione. Fiorentina-Napoli è anche la sfida tra la famiglia Della Valle e Aurelio De Laurentiis, tra gli azionisti principali di Cinecittà World, il parco di divertimenti inaugurato a Roma nel 2014, all’indomani – guarda un po’ – di un altro Fiorentina-Napoli, dove in palio c’era la Coppa Italia.

Ed è proprio quella coppa che segna un po’ la differenza delle esperienze sportive tra i Della Valle e De Laurentiis, partiti dai fallimenti e le seguenti retrocessioni in Serie C di Fiorentina e Napoli e capaci di riportare i due club e le rispettive città di nuovo ai massimi livelli nel giro di pochi anni, in Italia come in Europa. Però alla Viola dei Della Valle manca un trofeo importante, un qualcosa che potesse certificare in maniera inconfutabile l’ottimo lavoro svolto negli anni. E quel vuoto in bacheca è dovuto proprio a un «dispetto» dell’amico Aurelio, che in fondo prima di quel maggio 2014 una Coppa Italia l’aveva già portata a casa e contro la Juventus (2011-12), rivale storica sia dei tifosi viola sia dei tifosi azzurri.

E pare che la scorsa estate De Laurentiis e i Della Valle abbiano passato diverse giornate al telefono. Perché Federico Chiesa era – e probabilmente lo è tuttora – l’oggetto del desiderio del presidente azzurro e di Maurizio Sarri, ma anche il giocatore simbolo della nuova Fiorentina. Non è bastata un’offerta da 40 milioni di euro a convincere i Della Valle a mollare la loro stella Under 21, e oggi – probabilmente – potrebbe non bastare un assegno da 60 milioni.

Rispetto e affetto, certo, ma tra i Della Valle e De Laurentiis non sono nemmeno mancate le frecciate in questi anni. Come quando De Laurentiis presentò Lucarelli nell’estate 2010, lasciandosi scappare «il viola porta sfiga». Una frase non digerita dai patron della Fiorentina, che liquidarono il tutto ribattendo: «Battuta da quattro soldi. Pensi piuttosto a far ascoltare ai suoi tifosi la musica della Champions». Beh, De Laurentiis non se lo è fatto ripetere e da quell’estate ha portato il Napoli tre volte in Champions e ora a un passo dallo scudetto. Firenze potrebbe essere una tappa decisiva, ma guai a fidarsi troppo degli amici.

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
berlioz
Ospite
berlioz

ADL è un altro Cecchi Gori.

zinzo
Ospite
zinzo

IL GATTO E LA VOLPE !!! LA VOLPE DE LAURENTIIS FURBO CAPACE IN POCO TEMPO A PORTARE IL NAPOLI AD ALTI VERTICI !!!! IL GATTO IL DELLABALLE SPELACCHIATO E PULCIOSO !!! CAPACE SOLO A DISTRUGGERE LA FIORENTINA E PORTARLA NEI BASSIFONDI DELLA CLASSIFICA !!! VIA I DELLABALLE PER TORNARE DOVE CI COMPETE !!!!

Il Duca
Ospite
Il Duca

portarla tre volte in CL per uscirsene subito e idem in EL non mi sembra un grande risultato

GIULIANO
Ospite
GIULIANO

aurelio è più furbo dei della valle,su questo aspetto qui mi sembra che non vi siano dubbi di sorta,ora al di la della coppa italia di roma vinta dal napoli,una partita strana,segnata da diversi fattori ,a partire dalla tragedia extra campo,poi le nostre pesantissime assenze da cuadrado per squalifica,con un’ammonizione a mio avviso anche ‘un’pò fiscale quella rimediata dal colombiano nella semifinale di ritorno con l’udinese,poi gomez e pepito per infortunio,un goal annullato ad aquilani,che persoanlmente non mi ha mai convinto,il guardalinee andò su con la bandierina segnalando ad orsato un fuorigioco a mio avviso molto dubbio, comunque ripeto al… Leggi altro »

DS parlante italiano
Ospite
DS parlante italiano

Giuliano, dì la verità: te a scuola tu eri l’unico che il riassunto del racconto e ti veniva più lungo del racconto.
Eh, vero?

Articolo precedenteAllenamento per pochi intimi: Badelj recupera, Vitor Hugo va ko
Articolo successivoFootball Leader 2018, alla Fiorentina il premio Fair Play
CONDIVIDI