Dentro o fuori. Col Sassuolo non servono i progressi, servono solo i tre punti

19



Contro il Sassuolo, domenica al Franchi, servono solamente i tre punti alla Fiorentina di Stefano Pioli. Ok i progressi visti nel secondo tempo di Ferrara con la Spal, e gli sprazzi di buona tenuta e buon gioco a Roma contro la Lazio, ma fare una buona prestazione e non centrare i tre punti contro i neroverdi di Iachini sarebbe un problema enorme. E’ vero che Pioli continua a dire che quest’anno servirà per gettare le basi per il futuro. E’ altrettanto vero che Salica ha parlato di anno di transizione. E che Corvino ha chiesto ancora una volta fiducia. Ma domenica le parole staranno a zero. Non è ammesso passo falso, anche perché l’impegno successivo sarà a Napoli contro la squadra di Sarri, e la vittoria in casa viola manca da 4 turni dove comunque, là davanti, non è scappato nessuno. Il settimo posto è ancora a due lunghezze. Ma col cambio di panchina al Milan, è lecito attendersi una scossa in casa rossonera. E se dovesse svanire anche la flebile speranza di poter raggiungere l’ultimo treno (non sicuro tuttavia per via degli incastri di coppa) per l’Europa, allora l’idea del vivacchiare diventerebbe pressoché certa.

Anche perché l’idea di passare un anno in funzione del prossimo, sperando di aver azzeccato qualche innesto in più del previsto, potrebbe portare sempre maggior scoramento in quella parte di tifo che nonostante tutto c’è. Ma un senso, un motivo, uno scopo, ci deve essere. Non a tutti, in amore, piacciono le pause di riflessione. Ed il rischio di portare il tifoso a pensare ‘ok, tornerò quando ne avrete capito di più’, c’è. Peccato, perché tutto ciò che viaggia attorno alla Fiorentina è arrivato nel momento in cui all’interno funziona pochissimo. Le iniziative della Hall of Fame, le maglie dedicate ai quattro quartieri di Firenze, le celebrazioni per i 90 anni, il ritorno di Antognoni in società, mal si sposano con il clima di scetticismo generale che trasmette la squadra e la gestione tecnica della stessa.

Col Sassuolo, per non far peggiorare ulteriormente l’aria che tira attorno alla Fiorentina, devono assolutamente arrivare i tre punti. Che sono più che alla portata della squadra viola contro un avversario che ha dimostrato evidenti difficoltà in questo avvio di stagione per quanto arrivi a Firenze con un nuovo allenatore. Evidenziare progressi nel percorso di crescita, senza accompagnarli a tre punti, questa volta non sarebbe sufficiente.  

19
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
fra diavolo
Ospite
fra diavolo

Per una squadra che fa’ un campionato di transizione i progressi nel gioco e nel modo di stare in campo servono eccome,fare 3 punti frutto del caso alla lunga porta pochi benefici.Speriamo percio’ di vincere giocando come si deve, studiando un sistema di gioco che possa far fronte alle evidenti deficenze che si hanno nei laterali di difesa,solo cosi’ potremmo iniziare un percorso virtuoso ed iniziare a mettere su’ mattone dopo mattone una compagine che possa tornare presto fra le prime cinque del campionato.

Aliush
Ospite
Aliush

Vincere serve sempre, vediamo di farlo almeno stavolta.

VecchioFrank
Ospite
VecchioFrank

Sarebbe bello se la vittoria portasse aria nuova, e facesse “svoltare” la stagione, ma l’aria che tira fa pensare solo a 3 punti che servono per evitare i bassifondi della classifica.
E già il fatto di considerare una gara importante la sfida contro la quintultima, dimostra quanto siamo messi male.
Quindi pensiamo solo a vincere, lasciamo perdere futuro e prospettive, obiettivi e settimi posti. Perchè il termine “transizione” deriva dal verbo latino transire, letteralmente “oltrepassare”, ma ha anche un significato secondario, “passare ad altra vita”, e cioè morire.
In questo caso, meglio non andare troppo oltre….

ALE68LEBAGNESE
Tifoso
ALE68LEBAGNESE

SERVE AND VOLLEY

Claudio da Sasso
Ospite
Claudio da Sasso

Siamo all’ennesima partita della svolta, quella che, a leggere anche i commenti degli altri tifosi, probabilmente almeno in questo campionato, non ci sarà mai. Si può azzeccare un filotto di tre vittorie consecutive come è già successo, ma al tempo stesso non si avrà mai quella sensazione di aver trovato la quadratura del cerchio. L’editoriale di Bigiotti mi trova d’accordo per questo. Serve una vittoria, come viene viene. Gioco non gioco. Progressi o meno, serve vincere. La situazione è questa. Il tifoso è stanco di questa situazione di non chiarezza. Di una rosa di giocatori sui quali non sai che… Leggi altro »

Bebo
Ospite
Bebo

Serve anche la spinta dei tifosi!
Tutti allo stadio e FORZA VIOLA!!!!!!!!!!!!!!

Domenico, Roma
Ospite
Domenico, Roma

Sarò provocatorio ma paradossalmente, per un tifoso, meglio vedere la propria squadra lottare per la salvezza (che è pur sempre un obiettivo), piuttosto che vederla vivacchiare senza senso tra il decimo e il quindicesimo posto in classifica. E adesso sotto con gli insulti…

Mario Viola
Ospite
Mario Viola

Non sono necessari i tre punti.
La squadra è costruita per generare soldi con le plusvalenze!
Ai due fratellini del @@@@ non interessa vincere,
Interessa solo che qualcuno dei calciatori che son stati pagati poco, giochi bene pronto per essere venduto a gennaio!!
A loro anche la B va bene! Importante comprare a due o tre milioni per vendere almeno a 10!!
QUESTA È LA VIOLA FINCHÈ CI SON QUEI DUE E FINCHÈ CI SON 17000 GONZI!!

dick purple
Ospite
dick purple

Ho paura che il Sassuolo abbia fatto la scelta giusta ha i giocatori adatti per giocare all’italiana con attaccanti rapidi nelle ripartenze speriamo solo che metta in campo quel paracarro di Matri

michele
Ospite
michele

Ma, dentro o fuori cosa?
Speriamo di vincere e di vedere dei progressi nel gioco.

elcoyote
Ospite
elcoyote

Il problema è che anche i tifosi più comprensivi e più pazienti, quelli che sanno bene che il nostro bacino di utenza è limitato e che hanno ben presente i problemi relativi alla gestione di una squadra di prima fascia, i tifosi più moderati, quelli come me per esempio… anche loro stanno perdendo la pazienza. Questo è il problema. Ok! Non siamo il Milan, non siamo la Rubentus, non abbiamo gli arbitri a nostro favore, non abbiamo incassi e abbonamenti record, non abbiamo un ricavo dai gadget paragonabile a quelli delle strisciate del nord, ne’ a quelli dei Giallozzozzi o… Leggi altro »

Conte Ugolino
Ospite
Conte Ugolino

non capisco i due (per ora) geni che hanno messo il pollicino in giù…

Agif al aviv
Ospite
Agif al aviv

e saranno empolesi ….

si ruzza
Ospite
si ruzza

I tre punti servono per restare lontani dalla zona retrocessione. Invecr se si vuole ristabilire un po’ di fiducia reciproca la prima cosa è far sparire panza e gnigni dalla Fiorentina. Poi, e non è detto che basti, se ne riparla.

(EX) Tifoso
Ospite
(EX) Tifoso

Servono punti per una salvezza sofferta contro una diretta concorrente, il resto sono parole.

Claudiopiombino
Tifoso
Claudiopiombino

visto letto e sottoscritto ( lo scoramento si legge bene anche nel Suo editoriale…..)

Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Arriviamo presto alla fatidica soglia dei quaranta punti, poi…………

Bagnolesi Giovanni
Ospite
Bagnolesi Giovanni

La squadra e’ questa quindi non c’e’ da piu’ di tanto. Per quanto riguarda il treno lo farei prendere ai lrescritti di calciopoli ed ai loro servi per levarsi dalle palle. L’Europa non e’ per noi ne quest’anno ne i prossimi ed i giocatori ne sono ben consapevoli. Diciamo che si partecipa ad uno spettacolo di cui sappiamo gia’ come andra’ a finire..

Giglioxx
Member
Giglioxx

stessi discorsi fatti con Crotone e Spal. Abbozzatela di creare finte illusioni.. che poi con i 3 punti non si andrebbe da nessuna parte. La realtà è già ben delineata..

Articolo precedenteLa giornata viola: il riassunto
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI