Di Chiara a FI.IT: “Pioli dovrà riportare entusiasmo. Gli chiederò perché giocava Medel centrale…”

9



Stefano Pioli è sempre più vicino alla Fiorentina. Dopo l’esonero dall’Inter, l’ex giocatore viola (dal 1989 al 1995) potrebbe tornare a Firenze con il ruolo da allenatore. Per chiedere un parere in merito, Fiorentina.it ha contattato Alberto Di Chiara, ex compagno di Pioli proprio in viola e oggi Supervisore Tecnico dello Scandicci.

Di Chiara, si aspettava l’esonero di Pioli? “Dall’Inter c’è da aspettarsi sempre di tutto… A tre giornate dalla fine, o si libera un allenatore per agevolare accordi con altre squadre, in questo caso magari una Fiorentina che ha fretta di prendere un nuovo allenatore, sennò ha poco senso a livello tecnico. Se si vogliono fare altre scelte tecniche, si aspetta la fine del campionato. O magari può essere per il fatto che la squadra sia un po’ alla deriva per situazioni di spogliatoio, per fare uno sprint finale e dare una scossa alla squadra. Ma il tutto è poco logico”.

Lei ha giocato con Pioli a Firenze: che persona è? “Già da giocatore poteva ‘calzare’ bene nell’uniforme da allenatore. Una persona speciale, un amico, una bravissima persona davvero. Perfetto dal punto di vista professionale. Soprattutto con la Lazio si era mosso molto bene, all’Inter sembrava aver trovato il bandolo della matassa ma poi tutto si è perso, per colpe non solo sue”.

All’Inter dal sogno Champions al disastro delle ultime settimane. Nel mezzo anche un 5-4 a Firenze. E in città qualche dubbio è sorto su Pioli… “I dubbi ci sono sempre, anche se è vero che in generale si cerca sempre un capro espiatorio, anche ora all’Inter. Una crisi dovuta probabilmente anche a situazioni interne: la società ha fatto scelte sbagliate. Stefano ha preso la squadra in corsa, si è ritrovato giocatori costati moltissimo ma spesso sopravvalutati. Si è formata una masnada di giocatori con situazioni diverse. Un giorno gli chiederò magari perché giocava Medel centrale difensivo… un po’ come Sousa con Sanchez, anche se il colombiano è un po’ più strutturato”.

All’Inter una parabola discendente, anche alla Lazio Pioli fece benissimo il primo anno (con la Champions) per poi ‘perdere’ il gruppo al secondo anno, con l’esonero: c’è una costante? “Ha trovato due grandi squadre ma ambienti non facili. Forse deve trovare un po’ più di continuità di rapporti. Ma è uno che cerca sempre il dialogo, è un buonissimo allenatore, molto capace. A Firenze deve riuscire soprattutto a riportare entusiasmo. Ma ci dev’essere anche l’aiuto della società, che gli crei una gabbia per proteggerlo da eventuali difficoltà”.

Secondo lei Pioli potrebbe portare questo entusiasmo a Firenze, o quanto meno un po’ di serenità nella ripartenza immaginata dai Della Valle? “Lui ha un carattere molto tranquillo, certo che se si cerca un allenatore che possa scaldare l’ambiente subito in senso pratico, forse non sarà così. E’ un allenatore tranquillo, uno normale, ma è tutto legato ai risultati. Uno che quando vince si dice che è allenatore equilibrato, e quando perde magari che è un mediocre. Credo possa far bene se viene chiaramente supportato dalla società. Importante è che ci sia anche uno spogliatoio compatto. Sousa è entrato con la diffidenza di tutti, poi a suon di selfie e risultati ha guadagnato fiducia. Chiaro che quando sono mancati i risultati, e con errori anche suoi, ha perso un po’ tutto”.

Pioli può portare davvero un qualcosa a livello di fiorentinità e conoscenza dell’ambiente? “Si, ha giocato a Firenze, con professionalità. È un ex Juve ma era lì da molto giovane, venne a Firenze e fu tra i protagonisti. Anche nella finale del ’90, si ruppe il ginocchio contro il Werder Brema… dette quindi anche qualcosa di concreto alla causa (scherza, ndr). La società deve puntare su un allenatore che riporti entusiasmo e soprattutto risultati, dopo quest’annata molto altalenante”.

A proposito: Della Valle ha annunciato un incontro a fine stagione, per parlare a città e tifosi. Secondo lei è possibile ripartire ancora una volta, a livello di rapporti e risultati? “La proprietà deve cercare soprattutto di essere chiara, al di là del budget, con l’atteggiamento. Nel calcio di oggi non ci sono grandissimi fenomeni. Chiaro che fare una squadra che possa vincere lo scudetto è difficile, ma per puntare all’Europa devi superare squadre che possono essere alla portata. Già quest’anno, con un’annata disgraziata e un campionato mediocre, stai lottando per il 6° posto. Bisogna costruire una squadra giovane, italiana, con mix di esperienza. E ci vuole unione, un gruppo vero tra società, allenatore e giocatori”.

9
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Lo Scettico
Ospite
Lo Scettico

Mah…secondo me Pioli non è certo quello che puo’riportare entusiasmo…certo i grandi allenatori li fanno i grandi giocatori,comunque non mi pare certo un trascinatore…non so se avete visto Simeone ieri sera,oltre a spronare la squadra spronava anche il pubblico…ecco,ci vorrebbe uno così,con alle spalle una società che si ricordasse che l’obiettivo di una squadra di calcio è alzare un trofeo,non altre cose…

Macao
Ospite
Macao

Perchè Medel centrale? Murillo e soprattutto Andreolli ti sembrano meglio?

Viola 1951
Ospite
Viola 1951

Piolo che porta entusiasmo è un ossimoro.

Mike71
Ospite
Mike71

Cosa?!?!?!?! Pioli metteva un centrocampista al centro della difesa? Non è possibile queste cavolate le fa solo Sousa…(ironia). Quando non hai niente di meglio fai con quello che hai è inutile fare tanti discorsi. Salcedo è scarso e De Maio ha buoni piedi ma è lento. Il resto è fuffa.

Tiziano
Ospite
Tiziano

FiorentinoFlorence, a me pare che Montella non abbia usato la Fiorentina. Molto più banalmente si aspettava un salto di qualità della Fiorentina, visti i buoni piazzamenti ottenuti,, oltretutto con quel bidone di Gomez, sempre infortunato. A fronte del sottrarsi della proprietà, ha puntato i piedi e la conseguenza è sotto gli occhi di tutti. Il che mi pare la stessa storia di Prandelli, prima, e di Sousa, oggi. Allenatore bravo o meno, se DV non intende fare della Viola, realmente, una tra le prime, c’è solo da aspettarsi anonimato e media classifica. Basta saperlo, noi ma, soprattutto, l’allenatore con cui… Leggi altro »

LEMAC
Ospite
LEMAC

I Della Valle vogliono PIoli perchè è un altro YesMan che accetterà qualsiasi decisione venga presa dai brothers, quindi anche cessioni pesanti varie. Ormai s’è capito che Berna e Kalinic andranno via, poi ci diranno pure che avran fatto miracoli per trattenere Chiesa il gioiello a cui saranno affidate le speranze viola dell’annata 2017/18. Tipi come Spalletti e Sarri nn verranno mai a Firenze perchè sono sanguigni e nn accettano una strategia votata al puro galleggiamento…. senza aspirazioni europee. Diciamolo chiaro, ai Della Valle nn conviene più nemmeno l’Europa League perchè oltre all’inizio anticipato, anche troppo, dell’attività agonistica comporta anche… Leggi altro »

VIOLISSIMO
Ospite
VIOLISSIMO

Io tra DI FRANCESCO e PIOLI preferisco il primo perchè è più fantasioso e mi sembra che abbia più voglia di emergere e con più carattere. PIOLI mi sembra troppo tranquillo per portare un pò di entusiasmo.

Il Duca
Ospite
Il Duca

e dagli con la fiorentinità, ma che palle, come se contasse qualcosa….è un allenatore senza motivazioni, per lui Firenze o Bologna o Palermo è lo stesso mentre Di Francesco – ad esempio – non vede l’ora di sloggiare da Sassuolo e salire di categoria, Firenze sarebbe l’ambiente ottimale per uno come lui che oltretutto non ha scheletri nell’armadio, tipo passato juventino ….

FiorentinoFlorence
Ospite
FiorentinoFlorence

Mah dopo ti trovi un Montella ..usa la Fiorentina e va da le big. No grazie abbiamo avuto abbastanza di questi tipi.

Articolo precedenteLazio, De Vrij sarà ceduto. Tare punta Gonzalo Rodriguez per sostituirlo
Articolo successivoAntognoni: “ADV, sfogo di pancia. Clima particolare, ma annata non negativa”
CONDIVIDI