Difesa, si stringe il cerchio. Dainelli resiste, sale Diakité

    0



    Dario DainelliTanti nomi, qualche idea, poche conferme. Un paio di certezze, però, filtrano in queste ore. La prima ve la stiamo ripetendo da giorni. Il mercato della Fiorentina non è finito e già ne avevamo avuta percezione dopo la partita di Coppa Italia contro il Siena, quando il Patron Andrea Della Valle aveva confermato davanti ai giornalisti che qualcosa in difesa si poteva ancora fare. Ed è proprio in quel reparto che, dopo l’infortunio di Tomovic, si è deciso di intervenire. Niente voli di fantasia (Vertonghen, tanto per capirsi, resterà al Tottenham) ma si cerca un profilo che possa completare il reparto e non uno che possa scalzare i titolari. Per quello ci sarà tempo in estate, adesso si valutano candidature diverse, tra tutte quelle che si sono offerte o che hanno cercato i dirigenti gigliati. Un difensore come Dario Dainelli piace, il profilo è proprio questo. Esperienza, carisma e nessuna pretesa di giocare titolare. A livello economico non ci sarebbero problemi a portarlo a Firenze, dove ha avuto anche la benedizione di Montella. Ed in attesa che il Chievo si convinca a cederlo (magari dopo aver acquisito Canini e comunque negli ultimi giorni di mercato), la Fiorentina si guarda intorno, perché un difensore arriverà sicuramente. Il nome da spendere oggi è quello di Modibo Diakité. L’ex Lazio, oggi al Sunderland, non è un titolare e potrebbe arrivare in prestito con diritto di riscatto, fissato sui due milioni di euro per la prossima estate. I rapporti con i Black Cats, dopo l’affare Alonso, sono ottimi ed il giocatore sarebbe particolarmente gradito da Montella. Il tecnico lo avrebbe suggerito già da qualche mese, perché è ormai risaputo che abbia chiesto un centrale alto, forte di testa, da sfruttare sulle palle inattive sia in difesa che in attacco. Diakité, 192 cm per 88 kg, rientra perfettamente nell’identikit. La Fiorentina non smentisce ed il messaggio che passa è più o meno questo: per adesso non lo prendiamo e vediamo cosa offe il mercato, magari l’affare va in porto gli ultimi due giorni della sessione. Tutto torna, la corsa non è ristretta a Dainelli e Diakité ma poco ci manca. Qualche idea e qualche altro sondaggio uscirà fuori, ma questi due nomi, ad oggi, sono quelli più spendibili.