Dilemma modulo: difesa a tre o a quattro? Fiorentina che interpreta bene entrambe le scelte ma adesso c’è da tornare alla vittoria

10



Fiorentina stile montagne russe. Un momento su, un attimo dopo giù. Tipica schizofrenia delle squadre nuove. Ci dovremo fare il callo in questa stagione. Attenzione però, non stiamo dicendo squadra giovane. Ci riferiamo bensì, al fatto che la rosa si è completata (con pedine fondamentali) sul finire del mercato, per cui può essere normale che non ci sia una continuità di rendimento. Certo, avremmo evitato volentieri scivoloni clamorosi e, per certi versi, vergognosi ma ormai è andata. Bisogna guardare al presente e al futuro.

Presente che adesso si chiama Sassuolo. I viola vengono da un pareggio contro la Lazio che sa di miracoloso. In pochi pensavano di poter tornare dall’Olimpico con una buona prova (se non altro sotto l’aspetto della grinta) e con un risultato positivo. Ora si deve dare valore a quel pareggio con una vittoria. Poco importa del bel gioco. Più di tutti contano l’autostima e la consapevolezza. Ingredienti che possono arrivare solo attraverso i tre punti. I giocatori sono tutti a disposizione e allora la domanda è: con quale modulo scendere in campo? Sia a Ferrara che contro la Lazio, la Fiorentina ha terminato la gara con la difesa a tre. Una soluzione che Pioli sta studiando insieme al gruppo e che lo sta pian piano convincendo. Per stessa spiegazione del tecnico questo modulo è stata adottato per avanzare il baricentro della squadra.

Certo, così facendo ne fa le spese un po’ Chiesa. Vero che è giovane, che ha resistenza ed è l’unico che ha nelle corde gli strappi per fare a fette le difese avversarie ma è altrettanto vero che allontanarlo dalla porta ne diminuisce la percentuale di pericolosità. Senza contare il dispendio di energie che viene richiesto a chi deve coprire tutta la fascia. Questi però sono discorsi che saranno affrontati più avanti. Per oggi, infatti, ci aspettiamo ancora una difesa a 4. Almeno di partenza. Tre a centrocampo e tre in attacco. Gli interpreti saranno quelli della formazione tipo, a meno di clamorose sorprese. In questo pomeriggio che si prospetta gelido per il vento e le temperature basse, toccherà ai viola riscaldarlo conquistando la vittoria che manca ormai al Franchi da troppo tempo. Avanti viola.

10
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Socrates
Ospite
Socrates

Personalmente preferisco i tre punti attraverso il bel gioco. Voglio anche divertirmi un po’. Domenica a Roma per certi versi molto bene. Tante note positive.

emilio
Ospite
emilio

…. GRULLO…. ATTENTO AL SASSUOLO…. CHE VALE QUANTO NOI … E ORA HA UN TECNICO CON UN CERVELLO MENO VOLATILE DEL TUO…

Axel Ta Rabat
Ospite
Axel Ta Rabat

Se per voi la difesa a 4 ha portato risultati soddisfacenti …. mi sa che io allora sogno una Fiorentina di altro livello!

Raniero del Bisenzio
Ospite
Raniero del Bisenzio

Se fa ancora 433 con Simeone da solo in attacco vuol dire che non ha capito proprio niente

Albe47
Ospite
Albe47

C’E’ SOLO UN DILEMMA………..QUELLO DI CORVINO
CACCIARLO O TENERLO PER ANDARE A FINIRE IN SERIE B ?????

Scaramouche
Tifoso
Scaramouche

E’ da inizio Settembre che affermo che spesso e in certe partite si deve provare il 3-5-2 perche’ con i giocatori che abbiamo e il livello che esprimono, si farebbe meno danni e perlomeno a Crotone e Chievo non perdevi…. Pioli e’ duro come un Piolo.

Giancarlo
Tifoso
giancarlo

Un Piolo in confronto a Pioli e’ una spugna.!

Matteo
Ospite
Matteo

Che problema c’è? Fai tu L allenatore magari costi anche meno di Pioli e di sicuro vista L.A tua competenza ci porti minimo in coppa uefa!!!

Cuore Viola
Ospite
Cuore Viola

Un commento del genere fa capire quanto vali

joretti
Ospite
joretti

Perchè Pioli dimostra di avere le idee chiare? I risultati dicono tutt’altro.

Articolo precedenteSerie a, tra Torino e Atalanta finisce 1-1: al gol di N’Koulou risponde Ilicic
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI