Diritti Tv, Mediapro tranquillizza la Lega di A: pronti a versare i primi 50 milioni

Corriere dello Sport Stadio




Diritti tv

Come riporta il Corriere dello Sport Stadio, Mediapro è pronta a depositare la caparra da 50 milioni di euro. Almeno lo ha garantito nell’incontro andato in scena ieri pomeriggio tra la stessa agenzia spagnola, la Lega, rappresentata dal vice-commissario Nicoletti, e l’ad di Infront De Siervo. E così sia da via Rosellini e dallo stesso advisor trapela un sostanziale ottimismo rispetto al fatto che entro la scadenza di martedì prossimo gli obblighi previsti verranno rispettati.

Oggi ci sarà una nuova riunione con gli stessi protagonisti dedicata ad un approfondimento dei dettagli più tecnici. Il nodo, per Mediapro, infatti, è la possibilità di modificare la composizione dei pacchetti contenuti nel primo bando, ormai decaduto, senza dover richiedere una nuova approvazione da parte dell’Antitrust. I legali della Lega hanno già rassicurato in questo senso la controparte spagnola, che a questo punto dovrebbe avere maggiori certezze. Ovviamente, i club restano in attesa. Innanzitutto dei primi 50 milioni, utili per tranquillizzare quelle società che avevano cominciato ad agitarsi vedendo avvicinarsi le proprie scadenze finanziarie. E poi delle garanzie bancarie per il restante miliardo di euro, a cui va aggiunta l’iva, che Mediapro dovrà fornire entro tre settimane.

La giornata di ieri per gli spagnoli non si è esaurita all’incontro con Lega e Infront. Nell’agenda di Roures, fondatore di Mediapro, erano previsti appuntamenti con alcuni operatori tv, tra cui certamente Mediaset Premium. A questo proposito, da parte del Biscione, filtrerebbe la disponibilità a non restare bloccati sui 200 milioni già offerti qualora nel pacchetto proposto venisse inserita anche la Roma. Se tale indicazione fosse confermata, è probabile che una base d’accordo potrebbe essere già raggiunta in breve tempo. Avere in mano qualcosa di concreto, peraltro, agevolerebbe la stessa Mediapro nell’ottenere le garanzie con le banche. Proprio oggi dovrebbero esserci incontri con Unicredit e Banca Intesa. Anche se l’appuntamento più importante sembra sia quello con Sky e sarebbe il primo vero faccia a faccia.