Domenica arriva Kessie: giovane, bravo e già super jolly del mercato

di Niccolò Casalsoli - La Nazione

1



Chi lo ha comprato al fantacalcio, ha fatto il vero affare. Il bottino di Franck Kessie parla chiaro: 4 gol ed 1 assist in 6 partite ufficiali. Roba da stropicciarsi gli occhi per gli appassionati del più famoso fantasy game legato al calcio. Perchè se non c’è bravura nel fare follie per inserire nella propria rosa gente come Buffon, Hamsik o Higuain, c’è eccome nello scovare i classici «sleepers» come vengono chiamati nei fantasy game di matrice americana, giocatori poco conosciuti – spesso di seconda o terza fascia – che esplodono improvvisamente. È questa la storia del centrocampista ivoriano, diventato oggetto di mercato per mezza Serie A. Ci ha pensato la Fiorentina, ammaliata dalla fisicità e dalla capacità di questo ragazzo di non ancora 20 anni di essere centrocampista ‘box to box’, uomo che sa proteggere la difesa ma che allo stesso tempo riesce a proporsi in fase offensiva. Prima della sciocca espulsione contro il Crotone, Kessie era stato capace di sfruttare l’occasione concessagli da Gasperini, che di ragazzi giovani se ne intende. Titolare subito, fin dalla prima partita contro la Lazio. La risposta di Kessie? Doppietta. Di gol poi ne sono arrivati altri due. Come per magia così si accendono i riflettori del mercato. Sono i primi giorni dopo la chiusura, la Fiorentina ha detto di no al Milan per Badelj e per il futuro prende informazioni proprio su Kessie. Il contratto lungo (fino al 2021) è una tutela per l’Atalanta che, dopo aver monetizzato in estate l’ottima stagione vissuta da De Roon, fiuta l’affare futuro: Kessie non giocherà per sempre a Bergamo e quando se ne andrà per la società di Percassi arriverà un assegno importante, ad otto cifre. Nei sogni dell’ivoriano c’è la Premier League, un campionato nel quale l’imponente fisico avrebbe un peso specifico ancora maggiore rispetto all’Italia, dove invece nelle ultime settimane anche Juventus e Inter si sono fatte vive. Kessie interessa, forse già per la finestra di gennaio. Gasperini però se lo coccola e domenica al Franchi è pronto a rimetterlo al centro del campo.

Scontata la squalifica con l’assenza nella partita contro il Napoli, il ragazzone di Ouragahio tornerà a fare legna nel mezzo al campo e di fronte si troverà un altro uomo con la valigia in mano. Non è infatti un mistero che il pressing del Milan su Badelj sia notevole. Per il momento però il croato, dopo aver giocato due partite da novanta minuti con la maglia della Croazia, si rimetterà a disposizione di Sousa che a lui rinuncia mal volentieri. Chissà che le due vittorie raccolte con la Croazia non aiutino Badelj a crescere di rendimento anche con la Fiorentina. L’avvio di stagione è stato lento, ma la Fiorentina non può fare a meno della sua silenziosa regia per risolleversi.

 

1
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Gian Aldo Traversi Vivarelli
Ospite
Gian Aldo Traversi Vivarelli

Kessie è appariscente e già parecchio efficace, verissimo. Ma il vero top player di Gasperini è italianissimo, giovane e davvero forte ed è Conti. Nel giro di un paio di stagioni sarà il più forte esterno basso d’Italia. E tra i più forti in Europa. Quante volte ne ho rammentato il nome?

Articolo precedenteZarate come Totti: “In campo fino a 40 anni”
Articolo successivoAstori: “Servono nuove soluzioni per essere più imprevedibili. Tatarusanu il portiere più indicato”
CONDIVIDI