Dopo otto gare torna il centrocampo titolare: i risultati si vedono, anche in zona-gol

    0



    Aquilani Borja Valero Pizarro VeronaUna bella Fiorentina al Bentegodi di Verona. “Tra le migliori della mia gestione”, ha specificato Montella nel post-gara. Cinque reti, tante occasioni create ed un possesso palla che ha superato il 60%. Qualche disattenzione difensiva, d’accordo, ma in generale un gioco viola che è tornato brillante e spumeggiante come ai tempi migliori. Energie psico-fisiche recuperate in pieno, grazie soprattutto agli allenamenti distribuiti in maniera più omogenea nell’arco della settimana. In particolare, però, la Fiorentina ha ritrovato il suo calcio migliore grazie a quei tre in mezzo al campo, Pizarro, Aquilani e Borja Valero, che sono tornati a distribuire gioco come non succedeva da tempo. Il ritorno del centrocampo titolare ha sancito la ripresa di quel Tiki-Taka che mancava ormai da un po’ di tempo sulla sponda viola. Erano addirittura otto partite in camponato che Montella non poteva schierare al completo il proprio reparto centrale, vero motore di tutto l’assetto gigliato. Un Pizarro in cabina di regia formato super, un Aquilani che ha ritrovato tempi e spazi d’inserimento in zona-gol, un Borja Valero leader incontrastato nella metà campo gialloblu. Tre giocatori che, quando girano come nel pomeriggio del Bentegodi, sanno guidare la squadra verso prestazioni di altissimo livello. E non è un caso che, con i ‘Tre Tenori” di nuovo in campo e di nuovo ai massimi livelli (seppur non al meglio dal punto di vista fisico – ognuno dei tre aveva qualche acciacco), siano arrivati ben 28 tiri verso la porta, con 11 conclusioni nello specchio e 5 reti realizzate.

     

    Due gol di Aquilani, il gol di Borja Valero, l’assist dello spagnolo per il gol di Cuadrado, l’imbucata di Pizarro e l’assist di Aquilani per il gol del numero 20. Decisivi in quattro azioni da gol su cinque, dunque, i tre centrocampisti viola, fondamentali nella costruzione del gioco ma anche nella finalizzazione della manovra. Era mancato proprio questo aspetto – tra gli altri – negli ultimi due mesi di campionato della Fiorentina, che nelle ultime 7 gare aveva infatti segnato solo 6 reti. L’ultimo gol di un centrocampista viola (escludendo Cuadrado e Joaquin) risaliva a Parma-Fiorentina del 24 febbraio, con la rete di Mati Fernandez da calcio di punizione, mentre su azione un centrocampista gigliato non andava a segno dal 3-3 del 26 gennaio contro il Genoa (tripletta di Aquilani).

     

    Una prestazione che, in generale, fa ben sperare, in un finale di stagione tutto da scrivere. Il centrocampo ‘stellare’ è tornato, a suon di giocate e di gol. Tutta la squadra adesso sembra girare al meglio, sabato prossimo contro la Roma un test vero in vista dell’appuntamento del 3 maggio. Intanto, i ‘Tre Tenori’, Pizarro, Aquilani e Borja Valero, si sono ripresi la meritata ribalta.