Dragowski e la chiamata in Nazionale maggiore: “Un sogno, dimostrerò che me lo sono meritato”

6

Convocazione in nazionale maggiore della Polonia per il portiere viola, che si gode il traguardo sui social.

Era stato convocato nella sua Under 21, ma alla fine per Bartlomiej Dragowski è arrivata anche la ‘promozione’. E così, prima volta in Nazionale maggiore per il portiere viola, chiamato dal ct per sostituire l’infortunato Skorupski. “Grazie al selezionatore per avermi chiamato in Nazionale maggiore. Un sogno che si avvera. Farò certamente del mio meglio per dimostrare che me lo sono meritato. E a Lucas (Skorupski, ndr) auguro una pronta guarigione!”, commenta sui social Dragowski.

Dziękuję selekcjonerowi za powołanie do reprezentacji. Marzenia się spełniają. 🙂 Oczywiście dam z siebie wszystko i postaram się udowodnić, że zasłużyłem. 💪🏻 A Łukaszowi życzę szybkiego powrotu do zdrowia! ✊🏻

Pubblicato da Bartłomiej Drągowski su Lunedì 8 ottobre 2018

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
TizioCaioeSempronio
Ospite
TizioCaioeSempronio

Sempre pensato che fosse un ottimo portiere! Se ci fa vedere più sicurezza in queste uscite con la Nazionale alla ripresa lo metterei titolare al posto di tutto fumo e niente arrosto.

Deyna
Tifoso
Deyna

Se c’è una meritocrazia, al momento meriterebbe di giocare titolare Drago, e non Lafont.

BATI
Ospite
BATI

non si è ancora capito se è un portiere affidabile o no..

gibi
Ospite
gibi

Bravo Drago, stai prendentoti qualche soddisfazione. Abbiamo due buoni portieri, giovani e promettenti. Magari potevamo far partire lui titolare con un panchinaro esperto dietro, in attesa di veder tornare Cerofolini dal prestito, dopo averlo visto alla prova. Avremmo risparmiato i soldi per un centravanti che ci serve come il pane.

Daroou
Ospite
Daroou

Al momento, pur con i suoi difetti, sembra superiore al tanto decantato Lafont. Buona fortuna con la nazionale!

Kiki
Ospite
Kiki

Bravo drago sono contento per TE è sempre un piacere sapere di un ragazzo viola che arriva alla nazionale

Articolo precedenteMal di trasferta: segnali positivi ma errori pagati a caro prezzo
Articolo successivoTridente ma non troppo. Pjaca e un attacco di solisti…
CONDIVIDI