Dragowski, il giovane secondo che sogna l’addio per andare a giocare

di Benedetto Ferrara - La Repubblica Firenze

10



La Fiorentina ha investito molto su Lafont e il portiere polacco vuole andare via per giocare con continuità ma il tempo stringe e la chiusura del mercato si avvicina

I manager di Diego, Andrea e Mario adesso hanno solo un problemino da risolvere: quello del secondo portiere. Sul primo, dopo una vita, la società ha investito. Alban Lafont è molto giovane (19 anni) e ricco di talento. Andrà protetto nei momenti difficili (ci sono per tutti) e anche in quelli luminosi.
L’umiltà è fondamentale, in quel ruolo anche di più. Ma il francese nato in Burkina Faso è un ragazzo sveglio e due anni in Ligue 1 qualcosa gli avranno insegnato di sicuro. Insomma, dopo anni di portieri “normali” e quindi non all’altezza della storia della Fiorentina, adesso in porta c’è un ragazzo che può solo crescere.
Lafont è anche l’unico vero investimento fatto la società: 8 milioni non sono pochi, ma la plusvalenza è dietro l’angolo, o forse appena poco più in là. Già, e cosa serve alle sue spalle? Un veterano che non gli metta pressione e che lo aiuti a crescere alla svelta? Un altro giovane talento?
ALL’INIZIO. La prima idea sembra la più logica. Ma la verità è che al momento il vice Lafont è sempre lui, il mitico Bartolomiej Dragowski, pupillo degli uomini di potere della AcfFiorentina, tanto che c’è chi dice in giro che non si muoverà da qui in quanto patrimonio della società.
E la cosa fa anche un po’ arrabbiare il suo procuratore, che ha come mission quella che il suo assistito trovi una squadra dove poter dimostrare il suo valore. D’altra parte negli ultimi anni di portieri la Fiorentina ne ha azzeccati pochi: l’ultimo decente era stato Neto, perso a parametro zero causa litigio su centomila euro di rinnovo. Ma adesso un giovane teoricamente forte c’è: Lafont.
E in prospettiva c’è anche Cerofolini, mandato al Cosenza in prestito. Magari potrebbe tornare lui quando il francese si trasformerà magicamente in denaro. Chissà. Ma Dragowski?
Beh, diciamo che non è stato fortunato. In due anni quattro volte in campo e dieci gol subiti. Alcuni figli di distrazioni plateali. Che capitano, certo, però questo non lo aiuta a trovare un mercato adatto alle sue teoriche qualità. Qualche mese fa pure lui si lasciò andare, stanco di non trovare un posto.
IL FISIOTERAPISTA. «Sono la settima scelta, vengo pure dopo i fisioterapisti». Ci può stare, anche se il ragazzo ha già superato i vent’anni e potrebbe trattenersi. Purtroppo per lui quando ha avuto le sue occasioni ci sta che Pioli abbia rimpianto di non aver schierato in porta un fisioterapista.
Comunque la storia non è finita: il polacco alla fine, perché il tecnico ci tiene, dovrebbe trovare una squadra dove poter finalmente dimostrare il suo valore, anche perché nel frattempo sta diventando una minusvalenza, e nella logica fondante “in” Fiorentina, questo non è affatto simpatico.
E poi: che senso ha fare il vice di un diciannovenne a 21 anni? È anche un po’ frustrante, diciamolo. E se i top manager di Diego, Andrea e Mario ci tengono davvero, alla fine il mitico Drago lascerà il posto a un vice più motivato nel ruolo di secondo.
L’ESPERTO. Sì è parlato molto di Sorrentino, di francesi svincolati e di brasiliani probabili e meno probabili. La cosa verrà decisa nelle ultime ore, quando l’agente di Drago si presenterà con una bella offerta, che a occhio dovrebbe essere un prestito, visto che i manager credono moltissimo nelle sue qualità e ci hanno investito più o meno tre milioni.
E alla fine il ragazzo, che per ora non fiata anche perché è un tipo simpatico e non ha voglia di rifare casino, riuscirà a trovare casa per fare il suo lavoro e trovare continuità. Nel frattempo Firenze si gode un giovane talento tra i pali, magari ripensando al Toldo ragazzo, quello che a Firenze si rivelò un grande numero uno. Forza Drago, nessun fisioterapista è più forte di te. In porta, perlomeno.

10
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Marzio
Ospite
Marzio

Anche i tifosi sognano il tuo addio, ma sapessi quanto!!!! Diciamo che non è stato fortunato? Ohi, ohi, Diciamo piuttosto che è scarsone, se vogliamo avvicinarci alla realtà. Ed ha anche il coraggio di lamentarsi: ” sono la settima scelta “. E’ proprio vero che l’umiltà è la forza dell’intelligenza. Medaglina e via, ma anche molto presto, cioè ieri!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Il nostro Cerofolini vale 10 di questo bidone polacco.

thommen
Ospite
thommen

Ultimo portiere decente Neto????? ahahahaha ma se era un incubo vivente, avete la memoria corta!!

Sklerici
Ospite
Sklerici

Credo sia un bel prospetto Dragowsky. Ma Lafont sembra meglio e il polacco ha solo bisogno di fiducia e minutaggio. Aver perso importanti occasioni significa che un drago non è di certo. Ma in una situazione ambientale più favorevole per me farà più che bene perché in passato ha dimostrato talento.
Chi di dovere questo ambiente provi a costruirglielo attorno.. un po’ come con Rebic.

Stripo
Ospite
Stripo

Ma non sembra neanche un giocatore di calcio chi vuoi che ce lo prenda.

Matteo bg
Ospite
Matteo bg

Non è che perché si chiama Drago, debba X forza essere un drago
A me personalmente ha impressionato, solo in modo negativo

paolo
Ospite
paolo

Se Hristov è andato alla Ternana, costui può tranquillamente finire al Pergocrema Scalo.

Wade81
Ospite
Wade81

Anche noi sogniamo l’addio. Suo e di tanti altri….

VINCE
Ospite
VINCE

Io un portiere di esperienza lo prenderei Lafont è troppo giovane e nel caso malaugurato abbiamo un’ alternativa visto che DRAGO, solo di nome, vuole andarsene

Matteo
Ospite
Matteo

Anche noi sognamo che vada a giocare!

Ilacarbo
Ospite
Ilacarbo

Fioccano le richieste.

Articolo precedenteSempre Simeone: “Io punto a 15 gol. Pjaca mi piace. Con Chiesa fatto passi importanti”
Articolo successivoSampdoria-Fiorentina, Ferrero ha chiesto alla Lega Serie A il rinvio
CONDIVIDI