Dragowski, il portiere eterno secondo che adesso punta al riscatto

36



L’estremo difensore polacco da eterno secondo è pronto a prendersi la porta gigliata complice l’infortunio di Lafont

Su La Gazzetta dello Sport si parla della storia di Bartlomiej Dragowski con la maglia della Fiorentina: il polacco in questi tre anni a Firenze si è rivelato un eterno secondo che ha sempre fatto panchina a favore di Tatarusanu, Sportiello e adesso Lafont. Non è un caso, infatti, che durante l’estate sia stato comunque vicino a lasciare Firenze. Dragowski si è guardato intorno in estate ma alla fine è rimasto ancora a Firenze anche perché Corvino non aveva nessuna intenzione di perdere l’investimento svendendolo.

36
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Deyna
Tifoso
Deyna

Drago si infortunò due volte appena arrivato a Firenze, e mi dà l’impressione di aver perso spinta sulle gambe rispetto al portiere che era prima di venire da noi. Se così fosse sarebbe un peccato, perché aveva dei mezzi fuori dal comune. Certo, comunque sia, due anni di stop quasi totale bene non possono avergli fatto.

Massimo
Ospite
Massimo

Dragowsky è una ciofeca, da irresponsabili farlo giocare! Pescare immediatamente tra gli svincolati

Brodolini Arturo
Ospite
Brodolini Arturo

Personalmente spero che il polacco faccia sfracelli parando il parabile e l’imparabile, nell’interesse della Fiorentina. Ciò non toglie che sia scarso, almeno per quanto visto finora. E se Pioli non si è fidato di lui, date retta, un motivo c’è. Che lo vogliate riconoscere o no. Con questo sosteniamolo per le partite che dovrà giocare da titolare perchè è un giocatore della Fiorentina, ma gli mancano anche i fondamentali del portiere. Sarà anche brutto doverlo riconoscere, ma purtroppo così è.

pippo
Ospite
pippo

Caro Arturo, purtroppo penso che se pure gli tirano addosso sul corpo lui riesce a deviarla dentro!!

AntonioViola
Ospite
AntonioViola

Le poche apparizioni dello scorso anno furono disastrose. Non sarà mai un fuoriclasse. E anche domenica, si vedeva chiaramente l’insicurezza suscitata nei compagni di reparto. Il limite più grave è la sua scarsa propensione ad uscire dai pali. Detto ciò, speriamo che smentisca tutti e che grazie alle sue parate si faccia risultato pieno nelle prossime partite.

efedrina67
Ospite
efedrina67

visto che per le prossime 2 3 partite difenderà la porta della fiorentina sosteniamolo ed incoraggiamolo invece di demolirlo!

Potini
Tifoso
Potini

Sta tutto a lui, non è che se qui se ne parla bene o male per il ragazzo cambia qualcosa.

Daniele
Ospite
Daniele

Ma che criticate questo ragazzo, l’anno scorso gli arrivavano da tutte le parti. Calma e gesso sarà all’altezza.

Illepri
Ospite
Illepri

Sono d accordo.. Non è il massimo questa fotografia.. Boh non sono così sicuro che sia bravo ma spero che mi sbagli

Fabio, Milano
Ospite
Fabio, Milano

Già dalla posa che ha nella foto si vede che gli mancano i fondamentali. Se aspetti il tiro a gambe aperte molto allargate non hai leve per un tuffo in caso di piazzamento angolato

Japa
Tifoso
japa

magari stava cureggiando

fra diavolo
Ospite
fra diavolo

Forse saro’prevenuto ma mi pare un portiere poco affidabile,in primavera gia’ non si elevava e anzi ricordo una capellata colossale quando prese gol da 40 metri con il pallone che gli rimbalzò davanti per poi scavalcarlo a candela,tutte le volte che ha giocato mi e’ parso insicuro e molto ballerino fra i pali. Ero convinto che partisse per fare la giusta esperienza in serie b e fosse sostituito da un portiere d’esperienza( Sorrentino) cosi’ non e’ stato e ora sara’ titolare in 2 trasferte difficili,speriamo in bene…….

Ljuka
Ospite
Ljuka

Insisto con gli stessi discorsi…. non è importante quanto sia bravo, è importante quanta voglia abbia di diventarlo. Nello sport ci sono quattro categorie: tanto talento e poco lavoro, poco talento e tanto lavoro, tanto talento e tanto lavoro, poco talento e poco lavoro. Gli atleti della terza categoria la viola non può permetterseli. Delle altre, preferisco quelli che appartengono alla seconda, a meno che non si chiamino Maradona. Il Drago ha la sua occasione di dimostrare che non appartiene alla quarta categoria: curiosità sì, scetticismo e critiche no. Non servono a niente, anzi, peggiorano le cose. Poi, potrete sempre… Leggi altro »

Articolo precedentePirlo sui pochi italiani in campo: “Succede da un po’, Milan e Fiorentina le eccezioni”
Articolo successivoChiesa, un’ala all’antica per scatto e dribbling ma moderna nella copertura difensiva
CONDIVIDI