Dragowski: “Prospettiva dell’Europeo mi ha dato la forza in questa annata. Borja fantastico”

6



Il giovane portiere della Fiorentina, Bartlomiej Dragowski, racconta la sua prima stagione in Italia. Queste le sue parole dal ritiro della Nazionale Under 21 polacca riportate da Przeglad Sportowy: “La prospettiva dell’Europeo mi ha dato la forza di continuare a lavorare duro, altrimenti non so se ci sarei riuscito in una stagione così difficile per me. Ho avuto alcuni infortuni che mi hanno condizionato già dal ritiro di Moena. Non so se senza infortuni avrei giocato nella Fiorentina, ma è stato duro passare un anno così, ho avuto delle crisi ma poi mi sono concentrato solo sull’Europeo Under 21”.

“Se sono migliorato in qualcosa? Sicuramente nel gioco con i piedi, a cui in Italia prestano molta attenzione. Il compagno più forte? Borja Valero, è fantastico. Anche Ilicic e Hagi sono fortissimi tecnicamente. Firenze? E’ una città molto bella e mi piace molto. Vivo in centro e faccio spesso una passeggiata, anche se ci sono tante stradine quasi identiche e all’inizio non era facile orientarsi”.

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
FabioLAquila
Tifoso
Fabio L\'Aquila

Questo con Pioli è titolare subito. Mi ha fatto un’impressione ottima.

REM
Ospite
REM

Infatti é ancora da capire l’acquisto di quello scarso di Sportiello tanto sponsorizzato (prima dell’acquisto) dalla solita competetente stampa fiorentina con il suo seguito di tifosi cosí come fu per l’acquisto dello Zeman de noattri Delio Rossi.

Marco77
Ospite
Marco77

Sicuramente meglio lui di sportello

Il Duca
Ospite
Il Duca

un ragazzo tirato su a lampredotto e bistecca, si farà

Oasis
Ospite
Oasis

Ma una domanda.. ma se i Berna durante L europeo s infortunia, secondo voi rinnova o ci deve ancora pensare??

Annibale
Tifoso
Annibale

Dipende dall’infortunio

Articolo precedenteRitornerà…Vedremo se saranno profetiche le parole di Antognoni
Articolo successivoPedullà: “Accelerata per Diallo, prossima settimana resa dei conti con Bernardeschi, Borja…”
CONDIVIDI