Dragowski non gioca in Nazionale: in tribuna nel pari dell’U21 con le Far Oer

4



Il portiere polacco, che sarà titolare nelle prossime sfide della Fiorentina, resta a guardare in Nazionale.

Niente presenza in Nazionale per Bartlomiej Dragowski. Il portiere polacco è stato convocato dall’Under 21 del suo paese, ma nel match contro le Far Oer di oggi pomeriggio è rimasto in tribuna. Una sfida che tra l’altro ha visto i suoi pareggiare 1-1 nelle Qualificazioni agli Europei. Non una notizia positiva, visto che poteva essere l’occasione per trovare ancora minutaggio, in attesa delle prossime partite che potrebbe giocare da titolare in viola per l’infortunio di Lafont.

4
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Ponzio
Tifoso
ponzio

Fino alla tremenda serata contro la lazio Drago era considerato dalla maggior parte dei tifosi che oggi scrivono sul sito il vero e unico, inamovibile, titolare del futuro della Fiorentina. Quella maledetta partita lo ha ucciso e noi tifosi ci abbiamo messo il resto, come sempre. Prima di quella partita le poche apparizioni del Drago erano state decorose in alcuni casi giudicate persino buone. Forse come al solito la verità sta nel mezzo: Drago adesso sente la totale sfiducia di tutti ed esprime il peggio che si possa fare. Forse cercare di dargli fiducia, dato che al momento non abbiamo… Leggi altro »

Dall'Eremo di Camaldoli
Ospite
Dall'Eremo di Camaldoli

Se penso che questo domenica prossima a Napoli difende la nostra porta, mi vengono già i brividi……..

Il Fusto del Pretorio
Ospite
Il Fusto del Pretorio

Sarà che per caso anche i tecnici della Polonia hanno capito come è scarso costui? Adesso cosa dirà Paolo da Carrara?

alebg
Ospite
alebg

Ormai sono 10 anni che la Polonia sforna ottimi portieri.
Se Dragowski avesse accettato un prestito,stasera sarebbe almeno in tribuna a Bologna contro l’Italietta che non mette in campo nemmeno il miglior giovane a disposizione.

Articolo precedenteItalia-Polonia, Biraghi titolare. Chiesa e Benassi in panchina. C’è Kuba
Articolo successivoMarotta sulla fascia: “Massimo rispetto per il sentimento, ma c’è un regolamento”
CONDIVIDI