Dragowski: “So di essere il secondo, sono cresciuto. La Fiorentina sa che non serve tenermi in panchina”

9



Il portiere polacco: “So di essere il secondo portiere della Fiorentina. In estate volevo partire perché volevo giocare. Andar via a gennaio…”

Entusiasta per la prima chiamata in nazionale maggiore, il portiere viola Bartolomiej Dragowski ha rilasciato un’intervista al portale polacco sport.pl. Questo un estratto delle sue dichiarazioni: “Attualmente sono il secondo portiere della Fiorentina. Quando dissi di essere l’ottava scelta dietro l’autista e i fisioterapisti? Era uno scherzo che non è stato ben compreso. L’ho detto con il sorriso. Allora ero il terzo portiere, Era una nuova situazione per me. Sono entrato in collisione con la realtà e tutto ciò mi ha fatto sentire frustrato. Ma il mio approccio è cambiato, sono cambiato. Ho imparato che a volte è meglio parlare di meno, perché non tutti hanno il senso dell’umorismo come me, e le mie parole possono essere interpretate in modo strano”.

GERARCHIE INDIGESTE. “Io dietro Lafont? Le gerarchie sono chiare. Prima, nessuno mi prendeva in considerazione perché le persone del club erano convinte che avrei cambiato squadra. Ma sono rimasto, quindi do tutto, mi alleno e aspetto la mia occasione. Tuttavia, sono consapevole che sono attualmente il secondo di Lafont”.

“Perché in estate volevo lasciare Firenze? Volevo giocare, e giocare era sinonimo di trasferimento. Sapevo che le possibilità a Firenze sono limitate. Ho mancato le occasioni precedenti per colpa mia, durante le partite con la Lazio e con il Milan. Sono crollato. Ma io sono un giovane giocatore, sto imparando a combattere me stesso. Sto imparando la pazienza. So che pur essendo il secondo portiere posso fare molto bene. Ma nonostante questa consapevolezza, non immaginavo che a 21 anni avrei passato di nuovo la mia stagione seduto in panchina. Ecco perché avevo deciso di cambiare squadra”.

“Partire nella sessione invernale? Io sono sempre a disposizione per giocare, ma se non cambia nulla, dovrò fare un passo in questo senso. Dopotutto, anche la Fiorentina sa che tenermi seduto in panchina è inutile. Non ne trae beneficio nessuno. Io frustrato? Ho sopportato duramente i problemi che ho avuto. Il mio approccio verso il club è cambiato radicalmente. Reagisco in modo diverso a determinate situazioni. Ma sto ancora imparando. Ora sono felice ogni giorno, ogni allenamento. Mi concentro sullo sviluppo”.

“Ero il più preoccupato per me stesso. Ero il mio più grande problema. È stato difficile per me ritrovarmi in nuove situazioni, era difficile reagire agli stimoli. Sono venuto alla Fiorentina per giocare, era ciò che mi aspettavo, e invece sono entrato in collisione con un muro. E ho reagito male. Mi sono ferito e ho iniziato a farmi male. Ma ogni anno sto invecchiando, e grazie a ciò, sto diventando più intelligente”.

9
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
petrus58.bo
Ospite
petrus58.bo

vada come vada …Drago lo farei titolare fisso in coppa italia, poi c’e’ poco da fare Lafont ha piu” esperienza in campo nonostante sia piu” giovane ! La soluzione era prendere Sorrentino, e,mandare il Drago a farsi le ossa in B .(..ma anche allo stesso Chievo) …o in squadre di 3 fascia della Serie A in prestito. FVDAL1968!

Alebg
Ospite
Alebg

Bravo ragazzo, non mostra sicurezza come del resto Lafont…
Diamo loro un po’ di tempo… Sono entrambi buoni portieri.

andreappp
Ospite
andreappp

aspetta tranquillo , arriverà il tuo momento , e sarai il prossimo numero 1 per anni !!!
devi solo capire che ci sono portieri pronti a vent’anni e altri a 25 o più !!

Deyna
Tifoso
Deyna

Se non ha problemi residui dopo i due infortuni in allenamento nei primi mesi fiorentini – l’anno scorso mi era sembrato di vederlo meno esplosivo sulle gambe rispetto al Dragowski arrivato da noi – è molto più forte di Lafont [tranne che nel gioco di piede, ma è secondario, un portiere deve innanzitutto parare], deve solo ritrovare l’abitudine alla porta in partita. Forza Drago!

Sangue Viola
Ospite
Sangue Viola

Dopo Seba, purtoppo non abbiamo piu’ avuto portieri di spessore ed affidabili. Questi due ragazzi sono giovani e devono migliorare molto in alcuni fondamentali. Le uscite sulle palle alte, per esempio, è vero che ora sono piu’ complicate rispetto a molti anni fa per la leggerezza del pallone, ma devono lavorare su questo fondamentale molto di piu’ entrambi!

Rino
Ospite
Rino

Secondo me Dragowski non è un cattivo portiere. Tutti dicono che Lafont sia un fenomeno, ma gli errori che ha fatto finora mi lasciano perplesso. I tifosi viola però sono convinti che il polacco sia un bidone mentre l’altro il nuovo Buffon. Mah…staremo a vedere.

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

GRANDE DRAGONE, VIA I DV!!!

marco
Ospite
marco

secondo me ,è un buon portiere.magari non un casillas dei tempi dìoro,per fare un esempio.ma è un buon portiere.

viceversa
Ospite
viceversa

Ha più buon senso lui a 21 anni di tanti sessant’enni che dirigono la società

Articolo precedenteBufera nel calcio belga: accuse di riciclaggio e corruzione
Articolo successivoBergomi: “In trasferta la Fiorentina meritava di più. Non affrettiamo i giudizi”
CONDIVIDI