Dusan gela Conte. Viola: errori, carattere e cuore

6



Vlahovic in pieno recupero condanna al pareggio la capolista Inter: Fiorentina non fuori dalla crisi, ma una piccola gioia per provare a rialzarsi.

Una prodezza in pieno recupero di Vlahovic ha riportato la Juventus in testa alla classifica insieme all’Inter, incapace di vincere al Franchi dal 2014. Per Conte, che aveva sperato fino a quel momento di centrare l’ottava vittoria consecutiva in trasferta, è stata una vera e propria doccia fredda. Compresa la Champions, sono tre le gare senza successi dei nerazzurri. Montella ha invece evitato il quinto ko di fila e adesso potrà vivere con maggiore serenità l’avvicinamento all’ultima gara del 2019, quella di venerdì contro la Roma. La sua Fiorentina non è ancora fuori dal momento difficile, ma almeno ha mostrato carattere e cuore. Il patron Commisso avrà gradito. Così scrive Il Corriere dello Sport – Stadio.

SUBITO AVANTI. L’Inter ha costruito la sua partita sulla rete dopo 8’ dell’ex Borja Valero, il migliore in campo nonché dodicesimo marcatore della stagione. Conte, con una squadra incerottata e provata nel morale dall’eliminazione dalla Champions, aveva bisogno di un inizio con il piede premuto sull’acceleratore, ma l’1-0 fulmineo non ha galvanizzato i suoi che viceversa hanno arretrato il baricentro. La Viola ha tenuto di più il pallone (55,6% al 45’) e ha pressato alta con Castrovilli su Brozovic, ma che ha commesso diversi errori nel palleggio e che soprattutto ha attaccato nel modo sbagliato. 

BEFFA VLAHOVIC. Nella ripresa Montella ha aspettato un quarto d’ora, nel quale i suoi non hanno mai concluso nello specchio, per sostituire il dolorante Chiesa con Vlahovic. Lukaku ha fallito il colpo del ko davanti a Dragowski. La prodezza di Vlahovic nel recupero, proprio come era successo anche negli ultimi due incroci al Franchi, ha gelato l’Inter. 

6
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Quasar Scandiano
Ospite
Quasar Scandiano

Dusan entra e segna!!

porchettaro
Ospite
porchettaro

gran portiere , un po di fortuna e prodezza finale. Partita scialba , potevamo prenderne due. Fortuna che l’Intr è un po sule gambe. Manca gente al centrocampo che sappiano fare bene la fase difensiva e ripartire subito. Abbiamo un centrocampo scarso (a parte castro). Chiesa sembra che giochi alla meno. Forse non è più attaccato alla maglia.

Asti_Viola
Tifoso
Asti_Viola

Come avevo detto alla vigilia, mi aspettavo una prestazione importante: è successo coi gobbi, col Napoli, col Milan, con l’Atalanta e ora con l’Inter. I disastri li facciamo con i Lecce, i Brescia e compagnia da cadetteria… Se non invertiamo questa seconda tendenza è notte fonda.

Branci
Ospite
Branci

la squadra non è nulla di che, la rosa mal allestita e mancano giocatori di spessore, detto ciò la partita di ieri ha evidenziato il problema principe della squadra, la testa, come è possibile che una squadra che nasce scarsa e rimane tale, per mancanza di mezzi tecnici, contro le big tiri fuori i punti e contro squadre “tue pari” raccatti praticamente zero? c’è un problema di motivaizoni e di testa perchè è inspiegabile che contro le big tu riesca a trovare le motivaizoni e l’approccio allaaprtita, pur patendo la differenza tecnica mentre contro le piccole si venga presi a… Leggi altro »

Viola1946
Ospite
Viola1946

Probabilmente è meno scarsa di quello che appare. A me sembra che più che il livello di chi ci affronta, conti se siamo aggrediti o no. Quando siamo aggrediti mostriamo i difetti di compattezza (e spesso anche di temperamento) della squadra, per cui la difesa vacilla (a prescindere dal’ottimo livello dei tre centrali) e si prende gol. Come il gol di Borja che si vuole colpevolizzare Milenkovic (dove erano l’esterno di centro campo e la mezzala?) che si è trovato un centrocampista di fronte (gran bella finta i Borja). Quando ci pressano alti o centrocampo riusciamo sempre a farci prendere… Leggi altro »

Carlo
Ospite
Carlo

Il problema secolare, tra i tanti, è che non abbiamo un terzino destro e un centrocampista di corsa e di rottura.

Articolo precedenteVlahovic, grazie assai: il serbo salva i viola e Montella
Articolo successivoFlorenzi ad un passo dalla Fiorentina: “Vi farò piangere”
CONDIVIDI