DV vs Lotito. Gerarchie invertite negli ultimi anni. Obiettivo viola tornare stabilmente davanti

34



Lazio-Fiorentina è anche Lotito contro Della Valle. Obiettivo della Fiorentina è tornare davanti nelle gerarchie, come un tempo

C’è stato un tempo in cui “vi meritate Lotito e Tare” era un’espressione di scherno. Rivolta principalmente a quanti criticavano la gestione Della Valle, che comunque otteneva risultati migliori di quelli del patron laziale. Ma poi il meccanismo si è invertito.  Soprattutto in tempi recenti. Lotito e la Lazio sono riusciti a fare quel salto di qualità che invece a Firenze negli anni di Montella non si è riusciti a fare. Anche perché Gomez e Rossi sono scorie che pesano ancora sui conti della società viola. E per liberarsene è servita tutta l’abilità di Corvino per ripianare i vari buchi di bilancio accumulati. E c’è il dettaglio (non da poco) trofei in bacheca: 2 Coppe Italia e 2 Supercoppe da una parte, sponda capitolina, zero dall’altra.

Anche se i più attenti ricorderanno come nell’era DV la Fiorentina abbia partecipato con costanza a Champions League ed Europa League, mentre i laziali spesso chiudevano esimi in classifica. Ma poi Tare e Lotito sono riusciti a fare un salto in avanti che i viola invece non sono riusciti a fare.

Col ritorno di Corvino, e Pioli stesso lo ha ribadito negli ultimi giorni, l’obiettivo dichiarato della famiglia Della Valle era riuscire nel medio-lungo termine a costruire una squadra in grado di tornare dove era nell’era Prandelli e Montella. E tornare dunque a sovvertire le gerarchie che negli ultimi anni hanno visto la Lazio diventare la Fiorentina e viceversa. E la scalata nel monte ingaggi, ad esempio, testimonia che la società di Lotito ha fatto un passo in avanti notevole, arrivando a permettersi stipendi come quelli di Immobile e Milinkovic Savic, il primo arrivato a 2,5 milioni netti, il secondo ad oltre 3 milioni. E la Fiorentina, invece, con la politica dei tagli, solo adesso sta iniziando a rimettersi in scia potendo così permettersi di trattenere calciatori come Chiesa, e con rinnovi importanti in vista per i vari Simeone, Veretout e via discorrendo con sensibili aumenti di ingaggio per tornare, appunto, a poter essere competitivi per almeno il 4°-5°6° posto.

E quest’anno potrebbe già essere quello buono per l’avvicinamento anche in classifica. Forse, ancora, per il sorpasso, manca qualcosa a questa Fiorentina. Ma è altrettanto vero che fin qui, la squadra di Inzaghi, è sembrata leggermente inferiore rispetto alle annate passate. E poi c’è l’impegno europeo che potrebbe far perdere punti ad una rosa forte, sì, ma non certo imbattibile.

La gara dell’Olimpico di domenica potrebbe già essere, dunque, uno scontro diretto. Che fino a qualche settimana fa sembrava cosa impossibile, mentre adesso pare più verosimile. Almeno è quello che fino ad oggi ha detto il campo. Le scorie del derby perso dai biancocelesti e la gara di Europa League a Francoforte, potrebbero dare una mano alla squadra di Pioli. L’occasione è di quelle ghiotte. Per l’oggi, ma anche per il domani. Perché se è vero che quanto a trofei, al momento, pare difficile poter raggiungere i successi di Lotito per i Della Valle, è altrettanto vero che l’obiettivo, intanto, è quello di rimettere la testa davanti. Con un occhio attento ai conti, come entrambi hanno sempre avuto. Ma la differenza tra una e l’altra proprietà sta forse nel fatto che quando c’era da osare da una parte lo si è fatto, dall’altra ci si è provato, purtroppo rimanendo scottati. Rossi e Gomez, appunto. Solito tasto. Anche se qualcosa di più poteva essere fatto. Solito tasto anche questo. Così come forse, in altri tempi, una voce più forte ed una maggiore presenza in Lega poteva dare una mano, cosa che a Roma con Lotito è successo, mentre a Firenze no. Salvo l’inversione di tendenza di questi ultimi giorni.

Intanto l’oggi, che dice Lazio-Fiorentina, con un occhio al domani. Obiettivo chiaro: rimettere la testa davanti e, soprattutto in modo stabile.

34
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Igor maselli
Ospite
Igor maselli

Ma dire che la Lazio è “diventata grande” grazie ai maneggi del palazzo? Quello stesso palazzo che a noi ci hanno fatto fallire?

Pio Canti Senefreghetti
Ospite
Pio Canti Senefreghetti

La differenza è stata che loro sanno fare e hanno voluto fare calcio oltre agli interessi per pagare tutto quello che hanno di debito ,mentre la societa dei DV ha sempre guardato più agli interessi e non ha mai voluto fare quel salto di qualità proprio per salvaguardare questi interessi ,si arrivando anche davanti alla Lazio in diverse stagioni ma non riuscendo a vincere nulla in 16 anni ,mentre loro nello stesso periodo almeno quattro trofei sono riusciti a mettere in bacheca,ora dice nell’articolo il vento potrà cambiare ,non so da che cosa lo possa dedurre,ma se non viene cambiato… Leggi altro »

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

I vero “sorpassi” sono i TITULI. E quelli dicono prescritto LOTITO 4 tituli, prescritti FRATELLI permalosi OVO TITULI. Tutto il resto è noia, come cantava il “Califfo”.

...
Ospite
...

Anche tu come noia…

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

Sarà anche noioso ripeterlo ma la verità va detta all’infinito.

roberto
Ospite
roberto

Dai SOCIETÀ dai
miglioriamoci, non vendiamo i migliori e andiamo avanti
siamo sulla buona strada

Silvano I vaia
Ospite
Silvano I vaia

Il paragone non regge. Loro, anche se fanno parte della categoria delle squadre con non vinceranno mai nulla di serio come noi, almeno delle coppe italia e delle supercoppe le hanno vinte…
Noi solo una una lunga sfilza di scudetti del bilancio…
Farei a cambio domani.

diego
Ospite
diego

puoi farlo anche subito, non ci mancherai

gangia81
Ospite
gangia81

Vero. Però a loro non manca mai l’appoggio di Roma e di “certa” politica. A noi ci tocca fare tutto con le nostre forze.

fhtfhkv
Ospite
fhtfhkv

Quello della foto all’inizio dell’articolo unn’è mica ADV, è Jerry Calá.

Lo Scettico
Ospite
Lo Scettico

Ci scommettiamo che il Monza di Berlusconi tra pochi anni riesce a stare davanti se non sempre almeno spesso…

Aliush
Ospite
Aliush

Se il gioco è quello visto con l’Atalanta, prepariamoci a un’impallinata devastante. Quasi impossibile avere fortuna due volte di fila.

gianni usa
Ospite
gianni usa

Se i DV riuscivano ad avere la loro Citadella,un paio di trofei in bacheca forse c’erano o almeno avrebbero provato a vincerli. Invece visto che dopo dieci e piu’ anni il loro unico motivo dell’acquisto della Fiore non si e’ trasformato in realta’,hanno smesso di provare a migliorare la squadra , e i risultati si vedono.,riducendoci ad essere contenti se s’arriva settimi o ottavi. Anche quest’anno se si fosse un po’ logici si vedrebbe che i punti che abbiamo gli abbiam fatti in casa contro tre squadre che lotteranno per la B e una che ha perso per motivi vari… Leggi altro »

Franciaviola
Tifoso
franciaviola

E se si giocava solo con la Juve si andava diritti in Serie B. Ma vi impegnate per scrivere queste scemenze o vi vengono così?

O' stregone
Ospite
O' stregone

La Fiorentina dei marchigiani ha all’orizzonte ancora tanti anni di mediocrità sportiva. Altro che competere con la Lazio. Con questa proprietà, poi, Firenze non vincerà neppure una coppa gelato, e il grande calcio, quello che conta, lo vedrà solo in tv. Avete voglia ad illudervi.

Articolo precedenteTifosi Liverpool aggrediti a Napoli. Per un ragazzo inglese prognosi di 15 giorni
Articolo successivoChampions: oggi tocca a Napoli ed Inter. Per Ancelotti c’è il Liverpool. Spalletti col Psv
CONDIVIDI