E l’ombra del Manchester United di Ibra minaccia le notti di Europa League

Matteo Magrini-La Repubblica Firenze

16



Potremmo chiamarle v(Ibra)zioni. E il riferimento a Zlatan non è puramente casuale. Timori, presentimenti, battute. Alzi la mano chi, giovedì sera, non ci ha pensato. «State sicuri che ci tocca lo United». Bastava farsi un giro sui sociali network, o ascoltare le radio, per rendersi conto di quanto sia il timore. Potremmo chiamarla “Paranoia Manchester”.
Del resto, negli ultimi anni, i peggiori incubi dei tifosi viola si son spesso trasformati in realtà. Come se l’Europa League, per la Fiorentina, fosse sempre una specie di Champions. Nel 2013-2014, negli ottavi, ci fu lo scontro con la Juventus ma ancor più clamorosi, in realtà, furono i sorteggi 2014-2015. Nonostante il primo posto nel girone infatti, la squadra allora di Montella riuscì a pescare, nell’ordine, Tottenham (nei sedicesimi), Roma (agli ottavi), Dinamo Kiev (quarti) e Siviglia, in semifinale. Roba da brividi.
E poi lo scorso anno, e il secondo incrocio consecutivo con gli Spurs di Lamela e compagni. Ecco perché, nonostante stavolta Sousa sia riuscito a chiudere al comando la prima fase, il timore beffa è forte. E pazienza se i Red Devils quest’anno non se la passano bene. Secondi nel proprio girone (alle spalle del Fenerbahce) e sesti in Premier, lontanissimi dalle prime. A proposito. Proprio il ritardo in campionato impone a Mourinho di giocarsi al massimo la coppa.
L’Europa League rischia di essere la sua unica porta di accesso alla prossima Champions. Meglio girargli alla larga, tanto per esser chiari. Eppure, i pericoli, non finiscono ad Old Trafford. Il Villarreal, tanto per fare un esempio, è un altro spauracchio. Certo, per Borja Valero e Gonzalo Rodriguez, sarebbe un incrocio particolare. Mai infatti (se si esclude un’amichevole estiva) son tornati da ex al Madrigal. Per non parlare dell’Athletic Bilbao.
La sconfitta di ieri del Sassuolo (col Genk) ha condannato anche i baschi al secondo posto. La sfida sarebbe affascinante, sia chiaro, ma andare a giocare al San Mamès è missione ai limiti dell’impossibile. Soltanto il Torino, un paio di anni fa, è riuscito a vincerci, per il resto, le italiane, sono sempre uscite male. Da un punto di vista affettivo, l’incrocio più suggestivo sarebbe quello col Celta Vigo.
“Ti immagini…”, ha risposto ieri Giuseppe Rossi ad un tifoso che, su twitter, avanzava l’ipoesi di una sfida con la Fiorentina. Pepito per la verità non se la passa benissimo, ma l’idea di fare lo sgambetto a Paulo Sousa lo stuzzica. Tra l’altro, nel Celta, c’è pure Roncaglia.
Sentimenti, fascino, paure. Per una volta però, perché non giocarsi un sedicesimo di finale normale? «Mi auguro un sorteggio migliore rispetto all’anno scorso», ha detto Paulo Sousa. In fondo, stavolta, la Fiorentina se l’è meritato. Appuntamento a Nyon (lunedì alle 13) sperando che per una volta, dall’urna, venga fuori la pallina giusta.

16
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Alessandro_Toscana
Tifoso
Alessandro_Toscana

Io non spero nulla, il sorteggio sarà quel che sarà, ma personalmente, un sfida tra portoghesi, tra il Mourinho ed il Sousa, a me affascina, sappiamo tutti che il Manchester sulla carta è più forte, ma la palla è tonda, e potremmo anche assistere, se sarà così, ad una bella sfida!
Mourinho è un gran motivatore senza dubbio, ma secondo me Sousa come tecnico tatticamente è più bravo(basta non mettere Tello).
I campioni del Manchester o i nostri?
Vediamo il sorteggio…. e……
sarà quel che sarà!!!!

lollo
Ospite
lollo

E SE SARà UNITED LO AFFRONTEREMO, NON ABBIAMO PAURA!

Fantasma
Tifoso
Fantasma

Il fatto che lo united sia solo sesto in premier non significa che sia scarso…forse non avete ben presente il livello del campionato inglese…le prime quattro sono degli squadroni che possono vincere tranquillamente il titolo…la quinta sarebbe il tottenham che l’anno scorso ci suonò sia all’andata che al ritorno (e che sousa dichiaro essere una delle cinque squadre più forti d’europa)…aggiungeteci che la squadra di Montella era sicuramente più forte di quella di sousa ed avrete un quadro d’insieme decisamente fosco…poi ovviamente non dobbiamo partire battuti e giocarcela con chiunque, però i proclami della dirigenza (“puntiamo alla finale”), mi lasciano… Leggi altro »

Andrea4799
Tifoso
Andrea

Lo United tecnicamente è una squadra pari alla nostra, se non inferiore. Si parla tanto di Ibra spauracchio, ma non sembra stia facendo come al PSG. In Francia sta segnando pure Balotelli, tanto per farvi capire la mediocrità abissale di quel campionato, da aver permesso ad Ibra di segnare più di 30 gol in campionato…

Aliush
Ospite
Aliush

Forse non ti rendi conto di quanto siamo peggiorati noi. La Fiorentina di due anni fa poteva spuntarla, questa verrà sistematicamente massacrata, se becca lo United.

Meleto
Ospite
Meleto

Sono al 6 posto nella P.L. fanno ridere i polli, dobbiamo avere paura di questi brodi con una squadra forte come la ns?

Potini
Tifoso
Potini

Esci da una coppa ed entri in un’ altra a giocartela contro squadre meno forti. Il format più assurdo di tutti i tempi.

Gio
Ospite
Gio

Considerando che questa squadra potrebbe uscire contro qualsiasi avversario (ma paradossalmente anche passare) sfidare lo united sarebbe un test stimolante per tutti quei giocatori, come gli definisce il nostro amato mister, ambiziosi. In modo che capiscano che prima di giocare in club così forti bisogna essere in grado di affrontarli e possibilmente di batterli.

tommi
Ospite
tommi

Sinceramente l’idea di vedere un “Fionrentina – Manchester United” mi stuzzica 😀

Aliush
Ospite
Aliush

Inutile illudersi, abbiamo almeno il 70% di possibilità di beccarne una che ai sedicesimi ci fa fuori.

Verità
Ospite
Verità

Non esageri un tantino?

Aliush
Ospite
Aliush

Tu pensa a questo. L’Hapoel Beer Sheva, ha sconfitto l’Inter due volte. Noi abbiamo preso 4 pere dall’Inter. L’Hapoel è una delle squadre che ci può capitare ed una delle meno quotate. Quindi non esagero.

DOR
Ospite
DOR

Che superficialitá!!Certo basta far polemica sempre e comunque. Tanta dire cazza… sbagliare costa niente

Aliush
Ospite
Aliush

Smentisci quello che ho detto, su. Non puoi, perché sono fatti. È chiaro che nel calcio la logica non esiste, ma la Fiorentina fino a ora ha fatto un percorso estremamente prevedibile.

michele
Ospite
michele

Vai a letto, menagramo…

Aliush
Ospite
Aliush

No. Realista. Una parola che dà noia, lo so. Quando l’anno scorso s’era in lotta per la vetta potevate tranquillamente dirmi stai zitto e goditi il momento, i fatti erano altri. Ora siamo ottavi senza margini di crescita. Il tempo di stare zitti è finito.

Articolo precedentePaulo Sousa, domani alle 13 la conferenza stampa alla vigilia del match contro il Sassuolo
Articolo successivoViola ritorno all’alba, ma il programma non cambia
CONDIVIDI