E Montella vuole il 4° posto. E Matri punta alla riconferma in viola

    0



    Napoli-Fiorentina 0-1, 23-03-2014 MontellaOperazione numero uno: tenere vivo e sveglio Alessandro Matri. Operazione numero due: evitare altri cali di tensione come contro il Milan e tenersi stretto il quarto posto. Operazione numero tre (e qui la scena si allontana dallo stadio di Genova): muoversi con decisione in direzione del futuro.
    Così le sfumature attorno a Sampdoria-Fiorentina di oggi (ore 15) aiutano a inquadrare una domenica da sensazioni forti. O almeno più intense rispetto a quelle vissute nel turno settimanale di mercoledì sera.
    Cominciamo da Matri. Vincenzo Montella gli ha fatto ieri una bella iniezione di fiducia. Poche, ma importantissime, parole per confermare che oggi Matri giocherà, che nessuno ha intezione di bocciarlo come conseguenza di un periodo nero e che — azzardiamo — la Fiorentina potrebbe rimanere dell’avviso dello scorso gennaio e quindi puntare alla riconferma (magari ancora in prestito) dell’attaccante. Certo, ora la palla passa, in tutti i sensi, a lui. E Matri dovrà fare in fretta a risistemarla dove gli piace di più, ovvero nella porta avversaria. «Alessandro — ha detto Montella — ha la fiducia di tutti. Sappiamo quello che può fare e per questo contro la Samp sarà in campo».
    Questione numero due: il quarto posto. Montella, anche su pressing della società, non ammette giustificazioni. Vuole e pretende il piazzamento ed è sicuro che la squadra non lo deluderà. A un patto: che la Fiorentina si conquisti sul campo (e quindi vincendo più partite possibile) il meritato traguardo. Insomma, non è più il caso di confidare sulla sorte che, da qualche tempo, ha aiutato i viola rallentando la marcia di Inter e Parma.
    Montella, dunque, si aspetta un bel passo in avanti già oggi a casa della Samp, mentre altrove, la società continuerà a tessere manovre importanti relative alla squadra del futuro. Il mercato, in effetti, comincia a dare importanti segni di risveglio e le notizie migliori arrivano soprattutto dalla Spagna. Khedira (Real Madrid), Musacchio (Villarreal) e Fazio (Siviglia) sono tre giocatori per i quali la Fiorentina si è già mossa e a quanto pare con grande decisione. D’altra parte il messaggio di Della Valle (nel corso dell’ultimo Cda) è stato chiaro: i dirigenti viola hanno già il mandato per puntare a giocatori indispensabili per spingere la squadra verso un salto di qualità ritenuto indispensabile.
    E a proposito di Della Valle, sul sito la Provinciadifermo.com, ieri, sono apparse parole del patron viola, relative a un possibile suo interessamento al mondo del basket e in particolare alla squadra di Montegranato che versa in pessime condizioni finanziarie.
    «Mi sorprende veder versare la Sutor così in difficoltà — ha dichiarato ADV — ho molti amici imprenditori a Montegranaro». Poi ha continuato parlando di un possibile intervento in estate: «Non posso neanche immaginare un nostro impegno come gruppo in questo momento, ma una cosa posso dirla: sono pronto a sedermi a un tavolo con gli altri imprenditori per ragionare sul futuro di un’eccellenza del nostro territorio. Collaborare in futuro è possibile, ma dobbiamo riparlarne tra qualche mese».