E’ nata la staffetta Simeone-Babacar, l’argentino apre e il senegalese chiude

Di Alberto Polverosi - Corriere dello Sport Stadio

11



Come riporta il Corriere dello Sport-Stadio, Pioli ha portato equilibrio nella Fiorentina. In campo e fuori. Pensavamo che solo a metà novembre avremmo iniziato a vedere la squadra nella sua prima espressione di gioco, invece Pioli ha anticipato i tempi. Tre vittorie di fila non si conquistano senza gioco. E anche a Benevento, dove per i viola è stata una passeggiata, altre squadre più forti (l’Inter) hanno sofferto non poco prima di vincere.

Nell’equilibrio portato dall’allenatore c’è un’idea interessante per l’attacco: la staffetta Simeone-Babacar. Mercoledì sera, per la quarta volta in 10 partite, Pioli ha sostituito l’argentino col senegalese, senza cambiare impostazione alla squadra. Le ultime due gare, a Benevento e col Torino, danno forza a questa idea. In Campania, Simeone ha giocato i primi 45 minuti lottando come fa sempre e consegnando a Benassi la palla dell’1-0, però senza convincere fino in fondo. Piccola parentesi: a un certo punto, quando ha provato un colpo di tacco andato a vuoto, abbiamo pensato a suo padre, ci fosse stato il Cholo in panchina gli avrebbe tolto la pelle. Babacar ha preso il suo posto a inizio ripresa, ha segnato dopo 2 minuti e si è procurato un rigore che avrebbe voluto battere, saltando la gerarchia dei rigoristi. Invece, dopo ampia discussione, ha calciato e segnato Thereau. Babacar ha inciso sulla partita.

Tre giorni dopo, stessa storia. Contro il Torino, Simeone ha giocato meglio di Benevento, ha piazzato un altro assist sempre per Benassi (quello è uno schema: inserimento dell’ex granata senza palla e tocco di Simeone con le spalle o con la faccia rivolta alla porta, anche a Benevento la Fiorentina aveva segnato così) e realizzato un gol splendido, quello del 2-0, con l’esplosione del Franchi che ha già adottato il suo argentino in ricordo (in omaggio…) di un altro argentino un tantino più forte. Cinque minuti dopo il suo gol, fuori Simeone e dentro Babacar. Una mossa, doppio risultato per il tecnico: lo stadio in piedi per il Cholito, lo spazio per Babacar, spazio che è stato ben sfruttato con quel rigore che, avendo licenza di derogare alle regole imposte dal tecnico (in assenza di Thereau il rigorista è Veretout), il Baba ha trasformato in rete. In sintesi: Simeone dall’inizio per battersi col suo furore, la sua generosità, la sua rabbia e la sua passione calcistica; Babacar nel secondo tempo per sfruttare il suo spunto in area di rigore, la sua velocità, il suo senso del gol, per rifinire e completare il lavoro del suo predecessore. L’idea è questa.

11
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Rocco54
Ospite
Rocco54

ma quale staffetta. ma ce li avete gli occhi o fate da scemi. Simeone è un lottatore (che è anche il suo limite perché si spompa), crea per gli altri, ha un’idea di cosa significa “squadra”. non è un grande realizzatore ma si coordina bene quando deve colpire. arriverà anche il momento che segnerà in maniera continua, forse ci siamo già. Babacar è un bambino piccino, cresciuto in altezza. immaturo, non capisce il concetto di squadra, pensa alla sua gloria personale. il non-passaggio, che era un gol belleffatto, a Chiesa (e lui ci teneva perché era il suo 20esimo compleanno)… Leggi altro »

GIULIANO
Ospite
GIULIANO

la staffetta funziona molto bene non voglio e non posso negarlo,come mi sembra lampante che l’assist doppio sia col benevento,che contro il torino no look di simeone di spalle senza guardare,ma intuendo l’inserimento di benassi è uno schema provato più volte negli allenamenti e non certo frutto della casualità. poi qua sotto leggo dei commenti dove si dice che simeone è altruista verissimo il cholito gioca molto insieme alla squadra e per la squadra,ma a volte l’attaccante è un ‘pò egoista nell’andare al tiro invece di servire il compagno meglio piazzato di lui,babacar lo è maggiormente in proporzione rispetto a… Leggi altro »

Osvaldo
Tifoso
Osvaldo

Aprire e chiudere come delle ante che ci sian porte altrui come delle balle davver piene di palle e che queste sian davvero tante!

VIOLASOUL
Ospite
VIOLASOUL

La partita col Crotone è molto delicata e strategica x noi. Ci servono punti da mettere in salvadanaio prima di incontrare Roma, Napoli, Lazio e Milan dove al meglio si possono prospettare 2 punti. Il Crotone, poi è una bella squadra, penalizzata dal calendario e dell’organico. Vincere a Crotone sarà difficile se la squadra sottovaluta la partita. X il resto, staffette, moduli ecc. Restano choacchoere, conta il campo e solo vincendo domenica possiamo affrontare le grandi senza grandi pressioni e quello che viene viene. FV

Claudio da Sasso
Ospite
Claudio da Sasso

Ma da come si stanno approcciando alle partite, non mi sembra che stiano sottovalutando gli impegni. L’unica partita veramente sbagliata è stata quella col Chievo. Anche a Benevento, se in un primo momento può essere sembrato che non considerassero l’impegno, poi piano piano sono emersi e il Benevento, dopo la sfuriata iniziale non ga veramente toccato più palla

Ponzio
Tifoso
Trusted Member

le previsioni sui punti per quanto mi riguardo le sbaglio quasi sempre, ma in questo mi sento in buona compagnia :-), ciò detto è importante affrontare queste gare con la giusta concentrazione e con maggiore autostima. Aver fatto punti in queste 3 gare aiuta la squadra a giocare con maggiore serenità. Meglio affrontare un impegno per volta. Crotone non è facile per nessuno. Quindi, attenzione e meglio non dare per scontato niente. Questo varrà anche per le prossime blasonate avversarie della Fiorentina

Claudio da Sasso
Ospite
Claudio da Sasso

Un’altra cosa, a me sembra che a sottovalutarci siano più i nostri avversari. Anche il Toro, mercoledì. Hanno iniziato come a dire;”Adesso questa banda di ragazzotti la sistemiamo subito”, salvo poi rendersi conto che non era poi così facile. Pioli sta lavorando molto bene anche e sopratutto sulla testa di questi ragazzi

marco mugello
Ospite
marco mugello

Mah, penso che due punti in quelle 4 partite dure sarà poco… la Viola non è debole come con la Samp… ora è compatta…

enrico
Ospite
enrico

Bisogna volere più bene ai nostri giocatori… una settimana fa Simeone era quello che non la buttava mai dentro, la delusione, l’acquisto inutile…… Ora siamo la fabbrica del gol… dai su …. La cosa più importante è continuare con le vittorie ed andarci a prendere 3 punti anche a crotone…

Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

GIO’GOL si batte come un leone e gioca per la squadra ,lo dimostrano i soi stupendi assist.BAmBACAR è un egoista immaturo che gioca per se stesso ,l’ esempio evidente che ha tirato senza passare la palla a Chiesa che era completamente solo sulla destra.

Claudio da Sasso
Ospite
Claudio da Sasso

Hai scritto ciò che pensavo io, con Babacar Benassi non segnava quei due gol. IP centravanti ha il compito principale do segnare, ma non deve pensare solo a se stesso, perché se segna è grazie alla squadra, quindi quello che riceve, al momento opportuno lo deve saper restituire. Hai appena battuto un rigore, hai segnato, sulla destra c’è Chiesa libero, passagli la palla, anche perché il rigore lo hai battuto grazie a lui

Articolo precedenteZekhnini in difficoltà: ora si è affidato alla sua mental coach
Articolo successivoThereau, oggi gli accertamenti clinici per valutare l’infortunio ai flessori
CONDIVIDI