EL, obiettivo 1° posto per evitare le big. Ma occhio al Manchester United

di Giansandro Mosti - La Nazione

1



MANCA ancora una gara nella fase a gironi dell’Europa League, per cui qualcosa potrebbe cambiare. Ma è già possibile prevedere con buona approssimazione le potenziali avversarie della Fiorentina nei sedicesimi di finale, nel caso che si piazzi al primo, oppure al secondo posto nel proprio girone. Viste le varie classifiche, vincere il girone potrebbe essere meno vantaggioso del previsto. Al momento la Viola, da prima classificata, eviterebbe squadre che, arrivando invece seconde, potrebbero esserle assegnate. Fra queste il Lione, lo Shakhtar, dominatore del campionato ucraino, lo Zenit, attuale terzo in Russia, l’insidioso Besiktas, lo Schalke 04 e il Borussia Monchengladbach. Ancora le sempre pericolose Ajax e Sparta Praga, che ha sconfitto per 3-1 l’Inter, il Fenerbahce, difficile da incontrare sul suo campo e l’Anderlecht, per la sua tradizione.

MA con un po’ di fortuna, anche da seconda potrebbe pescare un’avversaria più malleabile fra Copenaghen, Apoel Nicosia, Genk e Osmanlispor. Invece il primato del girone non la proteggerebbe dal grave rischio di vedersela con il Manchester United di Mourinho che ha Ibrahimovic, Pogba e tanti altri campioni. Oppure di affrontare per la terza volta consecutiva il Tottenham. E non mancherebbero altre avversarie da prendere con le molle, come le tre spagnole Villarreal, Atletico Bilbao e Celta Vigo di Pepito Rossi. Ma anche lo Sporting Lisbona, attuale secondo in Portogallo.

1
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Walter
Ospite
Walter

Se si vuole arrivare in fondo bisogna batyerle tutte senza fare troppi conti.
Se invece si vuol fare bella figura (roba da gobbi) come faceva la juve quando Platini truccava i sorteggi, non mi interessa
Forza Viola!!!!!!!!!!!

Articolo precedenteAncora Berna: “Il problema al cuore e il malleolo spaccato: sono più forte. Veronica e i reality…”
Articolo successivoVoci, idee e scommesse: da Di Matteo a Preud’Homme
CONDIVIDI