Elezioni presidenza Figc: Sibilia recupera, con Tommasi c’è feeling

4



Come riporta La Gazzetta dello Sport, la gara non è finita, Cosimo Sibilia è ancora vivo. Ieri, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti ha recuperato con Damiano Tommasi lo svantaggio accumulato mercoledì, dopo l’incontro tra il leader dell’Aic e Gabriele Gravina. Lo si evince innanzitutto dai termini scelti per commentare i due appuntamenti. Se quello con il presidente di Lega Pro aveva registrato l’esistenza di «molti punti in comune, con la consapevolezza che la strada da fare è quella del dialogo», questo con il capo della Dilettanti ha evidenziato «le numerose convergenze sulle progettualità future». Più stringate ma più pesanti. Se davvero le parole sono importanti, quelle utilizzate per sintetizzare l’incontro tra Sibilia e il direttivo dell’Assocalciatori (con Tommasi, c’erano il vice Umberto Calcagno e il d.g. Gianni Grazioli) rappresentano un piccolo salto di qualità e fanno intendere che mentre un’intesa Calciatori-Lega Pro avrebbe un significato soprattutto politico, un ticket con i Dilettanti potrebbe reggersi su una condivisione programmatica. Un rischio che Gravina avverte, tanto che ieri, a poche ore di distanza dall’incontro, ha lanciato un avvertimento ai Calciatori. «Un’alleanza con Tommasi è ancora possibile, abbiamo un buon rapporto ma dobbiamo evitare un gioco al rialzo al quale non ho alcuna intenzione di stare. Io sono coerente e resto fedele al mio programma».

Nel gioco al rialzo citato da Gravina, ieri Sibilia, dopo aver chiarito una volta per tutte i suoi reali rapporti con Lotito – «Non sono un suo candidato, lo considero un elettore come gli altri» –, ha messo sul tavolo dei Calciatori un paio di temi sensibili – l’affidamento della gestione del Club Italia e una riflessione equilibrata sul vincolo sportivo – e la prospettiva che insieme, Dilettanti e Calciatori, possano creare i presupporti per quell’«ampio consenso» evocato da tutti. Noi lo spieghiamo nel grafico qui sotto: se Lnd e Aic corressero per un unico candidato, rappresenterebbero da soli la maggioranza dell’elettorato (54%), cui finirebbero per accodarsi gli Arbitri (2%) e, forse, nonostante le frizioni personali tra Sibilia e Ulivieri, anche gli Allenatori, che non amano perdere. Così la coalizione salirebbe al 66%, una maggioranza sufficiente a vincere e a governare, pure senza tener conto degli orientamenti di A e B – che «pesano» per il 12% e il 5% – al momento date per equamente divise. Se, invece, Tommasi convergesse su Gravina, portandosi dietro Ulivieri e, a quel punto, anche Nicchi, si metterebbe insieme un 49% cui sarebbe sufficiente prendere qualche società di A e B per vincere, ma con la Dilettanti all’opposizione i numeri in Consiglio federale sarebbero risicati, probabilmente insufficienti a votare le riforme.

È ancora fantapolitica e, oltretutto, resta probabile che lunedì il Direttivo Aic chieda a Tommasi di portare a termine la sua candidatura o, comunque, di prendere tempo. Ma lo sforzo di tutti i candidati di creare schieramenti ampi è sincero. Come quello di tenere le pressioni politiche fuori da questa campagna elettorale, un impegno che ieri il Direttivo dell’Aic si è preso ufficialmente con Sibilia. Anche il presidente del Coni, come da tradizione, si limita a fare lo spettatore. «Interessato, ovvio», ha detto ieri a proposito della partita per la Figc. Fa un solo nome, il presidente del Coni. «Buffon al Club Italia? Un giocatore in quel ruolo sarebbe una cosa logica».

4
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
PiElle, Fi
Ospite
PiElle, Fi

Sibilia ha amicizie e parentele poco simpatiche
non mi sembra una grande prospettiva

Anubo
Ospite
Anubo

CHI li vota i LE MUMMIE !!!!!

max
Ospite
max

Ma tanto ABBIAMO la COSTUZIONE piu bella del mondo vecchia di 70 anni e deve durare fino alla FINE dei giorni !!!! Il mondo cambia ma non la COSTUZIONE !!!!

Paolo ferrini
Ospite
Paolo ferrini

Poltrone Poltrone e ancora Poltrone!! Rinnovamento zero proposte concrete zero povero Calcio che fine! Vicenza fallito Modena fallito Parma fallito come se nulla è successo! Ma Milan e Inter quando? Forza viola

Articolo precedenteFiorentina, difesa al top: nelle ultime 8 gare solo 4 i gol subiti
Articolo successivoWomen’s, Italia questa sera contro la Francia: quattro le viola in azzurro
CONDIVIDI