Empoli e i rapporti da riallacciare: piace Saponara per il dopo-Ilicic. Josè Mauri se parte Badelj

7



Riallacciare i contatti sul mercato, come qualche anno fa, quando Matias Vecino fu mandato in prestito a Empoli e la Fiorentina, un anno dopo, se l’è ritrovato maturato e pronto a vestire una maglia da titolare. E, magari, riuscire a chiudere operazioni in entrata, senza doversi misurare con aste sanguinose. Pantaleo Corvino e Carlos Freitas guardano con attenzione l’organico degli azzurri del presidente Fabrizio Corsi. Piace Saponara, mentre José Mauri, in prestito dal Milan, potrebbe diventare una pedina della complicata partita a scacchi coi rossoneri per Badelj. Così scrive Il Corriere dello Sport – Stadio.

Riccardo Saponara è uno dei profili più interessanti, uno di quelli che potrebbe raccogliere l’eredità di Ilicic, per esempio, uno dei big con cui, la prossima estate, la società dei fratelli Della Valle potrebbe fare cassa per finanziare il mercato in entrata. Saponara, che il presidente Corsi nei giorni scorsi ha dichiarato incedibile nella prossima finestra di mercato, quella invernale, diventerebbe il sostituto quasi naturale dello sloveno. Ha un contratto fino al 2018 e questo permetterebbe ai dirigenti viola di contrattare sul prezzo con maggiori margini di manovra. Lo sta seguendo da tempo anche Sarri, ma l’obiettivo dei viola è quello di bruciare la concorrenza anzitempo, magari inserendo nell’operazione qualche prestito di giovani in rampa di lancio.

Tra gli azzurri, si osserva con attenzione anche José Mauri, classe ’96 in prestito a Empoli dal Milan. Qualora infatti, davvero, si dovesse aprire un canale per la cessione di Badelj ai rossoneri, ecco che l’argentino potrebbe diventare un elemento in grado di essere inserito all’interno della trattativa. Ha passaporto italiano, gioca prevalentemente come mediano davanti alla difesa ma ha dimostrato versatilità anche in altre posizioni a centrocampo, è ambidestro e privilegia anche gli inserimenti offensivi grazie ad una discreta rapidità palla al piede. In buona sostanza, in caso di addio del croato, potrebbe essere lui, l’argentino scovato dal Parma nella Pampa, a trasformarsi nel suo successore.

7
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Manuel
Ospite
Manuel

Il ridimensionamento continua…..e non è colpa di Sousa

Magnifico Messere
Ospite
Magnifico Messere

Nessun rapporto da riallacciare con questa marmaglia, se ne vadano in serie b a fare il derby con il Pisa.

ALE68LEBAGNESE
Tifoso
ALE68LEBAGNESE

SI VABBE’………

lorenzo
Ospite
lorenzo

dopo ilicic ???????? ma saponara non vale tecnicamente neppure la meta’ di ilicic………………..ma fatemi il piacere

Marullo
Ospite
Marullo

Josè Mauri ..chi ? Quello che non ha giocato 1 sola partita nel Milan ? Se le cose stanno così.. meglio Roberto Paulo Cotechinho !

Tifosissimo
Member
tifosissimo

tutto molto bello ma, mi sembra di aver più volte letto nelle risposte e nei commenti degli amici viola di Firenze o perlomeno toscani che il simpatico signor Corsi a parole sbandiera ai quattro venti che sarebbe ben lieto di avere un rapporto privilegiato con la Fiorentina, poi, all’atto pratico, se appena può, ci frega alla grande. va detto, per onor di sincerità che se il signor Corsi è un bel furbacchione, temo che sia altrettanto onesto ammettere che andar d’amore e d’accordo con gli altrettanto simpatici fratellini, soprattutto quando ci sono di mezzo i soldi, deve essere un’impresa a… Leggi altro »

paolo re
Ospite
paolo re

Di nomi se ne sono sempre fatti tanti, poi, alla fine il livello dei giocatori effettivamente ingaggiati, specie in questi ultimi anni, non sono stati quasi mai corrispondenti alle aspettative, specie in termini di qualità. Personalmente non ho più alcuna fiducia in questa società e proprietà, tifo solo per la maglia e aspetto tempi migliori per tornare a credere a promesse e programmi, magari il giorno che ci saranno finalmente altre persone ai vertici viola che non siano i Della Valle. SFV

Articolo precedentePortieri viola, quella battaglia… dietro a Tatarusanu
Articolo successivoKalinic-Babacar, lotta contro il tempo… tra presente e futuro
CONDIVIDI